Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Fisco light per i pensionati esteri

Fisco light per i pensionati esteri

Leggi anteprima

Fisco light per i pensionati esteri

Lunghezza:
100 pagine
35 minuti
Editore:
Pubblicato:
16 mar 2019
ISBN:
9788832540499
Formato:
Libro

Descrizione

La legge italiana di bilancio per il 2019 ha introdotto una nuova disciplina che riguarda la tassazione dei redditi delle persone fisiche titolari di redditi da pensione di fonte estera che trasferiscono la propria residenza fiscale nel Mezzogiorno.
Editore:
Pubblicato:
16 mar 2019
ISBN:
9788832540499
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Fisco light per i pensionati esteri

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Fisco light per i pensionati esteri - Antonio Bevacqua

SICILIA

IL NUOVO BENEFICIO FISCALE PER I PENSIONATI ESTERI

La legge di bilancio per il 2019 (Legge 30/12/2018 n. 145, pubblicata in G.U. 31/12/2018 n. 302), all’art. 1, commi 273 e 274, ha introdotto nel testo unico delle imposte sui redditi (TUIR) il nuovo articolo 24-ter che disciplina l’o pzione per l'imposta sostitutiva sui redditi delle persone fisiche titolari di redditi da pensione di fonte estera che trasferiscono la propria residenza fiscale nel Mezzogiorno.

I SOGGETTI INTERESSATI

I soggetti interessati da questa nuova disciplina sono le persone fisiche, titolari dei redditi da pensione ( le pensioni di ogni genere e gli assegni ad esse equiparati) erogati da soggetti esteri, che trasferiscono in Italia la propria residenza ( ai fini fiscali l’Italia considera residenti le persone che per la maggior parte del periodo d'imposta sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o hanno nel territorio italiano il domicilio o la residenza ai sensi del Codice civile) in uno dei comuni appartenenti al territorio delle regioni Sicilia, Calabria, Sardegna, Campania, Basilicata, Abruzzo, Molise e Puglia, con popolazione non superiore a 20.000 abitanti.

L’IMPOSTA SOSTITUTIVA DEL 7 PER CENTO

Le persone in possesso di tali requisiti possono optare per l'assoggettamento dei redditi di qualunque categoria, percepiti da fonte estera o prodotti all'estero, individuati in maniera speculare a quelli previsti dalla normativa italiana, ad un'imposta sostitutiva, calcolata in via forfettaria, con aliquota del 7 per cento per ciascuno dei periodi di imposta di validità dell'opzione.

L’ESERCIZIO DELL’OPZIONE

L'opzione può essere esercitata a condizione che i soggetti non siano stati fiscalmente residenti in Italia nei cinque periodi d'imposta precedenti a quello in cui l'opzione diviene efficace ed è consentita solo alle persone che trasferiscono la residenza da Paesi con i quali sono in vigore accordi di cooperazione amministrativa con l’Italia (c onvenzioni contro le doppie imposizioni e tax information exchange agreements stipulati dall’Italia, convenzione multilaterale per la mutua assistenza ai fini fiscali e foreign account tax compliance act) .

Secondo le nuove disposizioni, il nuovo regime di imposizione fiscale agevolata dovrebbe essere applicabile sia ai trasferimenti di residenza effettuati dal 1° gennaio 2019 (data di entrata in vigore della legge di bilancio), sia a quelli effettuati già nel corso dell’anno 2018 dai soggetti di cui all’art. 24-bis del TUIR che trovassero più conveniente la tassazione. A tal proposito è utile ricordare che l’art. 24-bis, introdotto dalla Legge 11/12/2016 n. 232, prevede particolari misure fiscali per favorire il rientro o il trasferimento in Italia dei cosiddetti Paperoni, consentendo loro, a particolari condizioni, di versare un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi pari ad euro 100.000 (25.000 per ciascun familiare) a prescindere dall’ammontare del reddito.

L'opzione per beneficiare dell’imposta sostitutiva sui redditi da pensione di fonte estera dovrà essere esercitata nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta in cui si verifica la condizione di residenza fiscale in Italia, rappresentata cioè dall’iscrizione nelle anagrafi dei residenti per un periodo di almeno 183 giorni in un anno, ed è efficace a decorrere

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Fisco light per i pensionati esteri

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori