Trova il tuo prossimo libro preferito

Abbonati oggi e leggi gratis per 30 giorni
Il miasma cronico collettivo e familiare

Il miasma cronico collettivo e familiare

Leggi anteprima

Il miasma cronico collettivo e familiare

Lunghezza:
55 pagine
40 minuti
Editore:
Pubblicato:
Mar 1, 2019
ISBN:
9788831605298
Formato:
Libro

Descrizione

L'opera rappresenta un breve ma intenso saggio filosofico-scientifico che punta, attraverso la raccolta di dati clinici retrospettivi nello stile della medicina narrativa, a ricercare un metodo di indagine diagnostica e prognostica nello studio delle malattie croniche che coinvolgono uomini e animali all'interno di uno stesso nucleo familiare. La risonanza di ogni singola cellula in armonia con il tutto è alla base degli equilibri della vita, pertanto, i concetti di salute, malattia e guarigione assumono un ruolo coerente con la capacità che ciascun individuo ha di relazionarsi e vibrare all'unisono con se stesso e con tutto l'Universo ovvero amare
Editore:
Pubblicato:
Mar 1, 2019
ISBN:
9788831605298
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Il miasma cronico collettivo e familiare

Libri correlati
Articoli correlati

Anteprima del libro

Il miasma cronico collettivo e familiare - Giuseppe Tranchese

info@youcanprint.it

AVVERTENZA

Il presente volume rappresenta un saggio filosofico scientifico, non è un testo di medicina e contiene materiale a carattere narrativo sebbene basato su raccolta reale di dati clinici storici retrospettivi. Non ha lo scopo di fornire soluzioni, diagnosi, prescrizioni o terapie di tipo medico. Per qualsiasi decisione riguardante il vostro stato di salute e quello dei vostri animali rivolgetevi sempre al vostro medico. In nessun caso l’autore del libro potrà essere ritenuto responsabile di eventuali danni, sia diretti che indiretti, o di problemi causati dall’utilizzo delle informazioni contenute in questo volume. Le storie presenti nel libro sono state raccontate in modo tale da garantire l’assoluto anonimato dei protagonisti. All’interno del testo, ogni riferimento a fatti, luoghi, cose, marchi, servizi, rimedi e persone è da considerarsi puramente casuale e utilizzato unicamente per dare un senso narrativo verosimile al libro. L’autore non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori, omissioni, imprecisioni o diversa interpretazione dei contenuti. Nessuna parte di questo volume può essere riprodotta, modificata, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi radio, televisione e web, senza autorizzazione scritta dell’autore.

Per contattare l’autore: info@seltravet.it

www.centrostudiseltravet.it

Al mio Analogo

che mi guida in questo piano di esistenza

per sperimentare il magnifico dinamismo della vita

in cui non è la cura che cerco ma la guarigione

intesa come la ricostituzione dell’equilibrio

"Guardare il mondo

con occhi spalancati"

(Edith Stein, Introduzione alla Filosofia)

"L’aspetto più intimo della realtà è invisibile e

può essere percepito non con gli occhi ma con un cuore vibrante.

La risonanza delle oscillazioni del cuore con le oscillazioni dell’universo

è l’essenza della bellezza"

(Emilio Del Giudice)

"Tu sei ciò che è il tuo desiderio più profondo.

Com’è il tuo desiderio, così è la tua intenzione.

Com’è la tua intenzione, così è la tua volontà.

Com’è la tua volontà, così è la tua azione.

Com’è la tua azione, così è il tuo destino"

(Brihadaranyaka Upanishad – Antichi testi Vedici)

Ho volutamente deciso di corredare questo mio lavoro né di frontespizio editoriale né di indice, così come lo era il libro che Collodi pose nelle mani del suo Pinocchio alla fine dell’omonima fiaba iniziatica. Con l’età ho compreso, nel rileggere le fiabe ai miei figli, che le stesse possono avere molte chiavi di lettura e che dietro le due apparenti mancanze di quel libro ci fosse un manifesto di iniziazione alla libertà. Infatti il frontespizio editoriale rappresenta il marchio di appartenenza, la catena che in-catena, il sigillo che spesso nasconde una censura, mentre l’indice pone un limite, un confine ai contenuti. Ciò che finora l’esperienza di vita mi ha trasmesso (e spero possa continuare ad arricchirmi in futuro) vorrei anch’io trasferirla a chi leggerà questo mio scritto: non lasciarsi chiudere all’interno di recinti, per quanto grandi essi siano, conservare sempre la propria individualità e libertà espressiva ed avere quale unico sigillo quello etico dell’esercizio delle virtù. Augurandomi che i contenuti della vita non siano vincolati a quell’Indice spazio-temporale ma siano un fluire dinamico di continui cambi di stato e interazioni di corpi e menti che rendano luminosa ed armonica l’esperienza in questo piano di esistenza. Essa, in quanto dinamica e virtuale, non può avere un inizio

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Il miasma cronico collettivo e familiare

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori