Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La Fase: Un manuale pratico per il Sogno Lucido ed i Viaggi Extra-Corporei

La Fase: Un manuale pratico per il Sogno Lucido ed i Viaggi Extra-Corporei

Leggi anteprima

La Fase: Un manuale pratico per il Sogno Lucido ed i Viaggi Extra-Corporei

Lunghezza:
681 pagine
7 ore
Pubblicato:
17 feb 2019
ISBN:
9780463547823
Formato:
Libro

Descrizione

Per tutta la vita ho cercato una soluzione elegante per uno strano enigma. L'ho cercata dalla Siberia alla California, dal campo della neurofisiologia alla fisica quantistica, e in esperimenti illegali su migliaia di persone. Ma la risposta che ho trovato mi ha scioccato e ha cambiato la mia intera percezione della realtà. A differenza di altri, io non offro soltanto una nuova prospettiva sul mondo, ma anche pratiche passo-passo che possono scuotere i pilastri della tua realtà limitata e darti nuovi strumenti rivoluzionari per ottenere informazioni, auto-guarigione, viaggi, intrattenimento e molto altro ancora.

Pubblicato:
17 feb 2019
ISBN:
9780463547823
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore

Michael Raduga is the founder of the OOBE Research Center. He researches a dissociative state of mind (the phase) commonly referred to as out-of-body experiences (OBEs), astral projections and lucid dreams. M.Raduga the author of more than 10 books published on this topic. He is a leading researcher on methods that allow every person to achieve out-of-body experiences within a very short period of time. Meanwhile, M.Raduga approaches the matter in a scientific and non-nonsense way.


Correlato a La Fase

Libri correlati

Anteprima del libro

La Fase - Michael Raduga

Capitolo 1 - L'Enigma

Metà maggio, Mosca. Un treno arriva dalla Siberia ancora fredda, e io scendo. Ho 20 anni, non conosco nessuno, non ho soldi e sono terribilmente ingenuo e insicuro. Quale razza di idea mi ha portato qui e cosa ne verrà fuori?

Inizia la Reazione a Catena

All'inizio pensi che sia tutto o bianco o nero. Poi capisci che molte cose nere sono in realtà bianche e viceversa. E poi scopri che non c'è né l'uno né l'altro. Non è questo il modo principale in cui giudichiamo tutto e come comprendiamo la vita?

Ora un materialista dichiarato e un pragmatico incallito, mi è a lungo sembrato che fossi coinvolto in cose che non erano solo totalmente pazzesche, ma anche prive di qualsiasi legame con la realtà, con il mondo che ci circonda. Ma la mia mente non sopporta tale incertezza e cercherà sempre di spiegare la situazione. Di conseguenza, ogni nuovo passo sul mio percorso alla ricerca di una risposta ha ampliato incredibilmente il mio campo di attività e l'ha portato spaventosamente vicino ai pilastri fondamentali delle nostre vite.

Comunque, dopo essere passato da molti anni di ricerche su me stesso a esperimenti di massa illegali sulle altre persone, ho concluso che tutto in natura è logico e coeso, e che i miracoli avvengono solo nelle menti dei profani. Ma vogliamo davvero conoscere la verità sul nostro mondo e siamo pronti a vivere in quella realtà?

Caro lettore, molto presto dovrai ripensare ad alcuni aspetti importanti della tua vita quotidiana. Ma per evitare che le cose diventino troppo brusche e dolorose, inizieremo parlando di cose che all'inizio sembrano piuttosto strane, ma sono solo un assaggio. Quindi, per favore, non affrettarti in conclusioni. Tutti gli eventi nelle nostre vite sono molto più collegati tra loro di quanto generalmente si creda, ed è per questo che la storia di come ho risolto il mio singolare problema sarà molto più chiara se partiamo dall'inizio.

Sono nato nel campus del complesso universitario di Akademgorodok nella città russa di Novosibirsk, che è il maggiore centro accademico della Siberia. Sono cresciuto con Fisica Nucleare, Fisica Termodinamica e Centro Servizi Informatici come nomi delle stazioni degli autobus, con una temperatura media invernale di -18 °C, e l'estate della durata di due mesi. Sono cresciuto da solo con mia madre in quelli che sono stati tempi difficili per il mio paese, ed è per questo che ho trascorso l'intera infanzia in dormitori e in costante mancanza di beni di prima necessità. Questo è probabilmente il motivo per cui ero sempre malaticcio, raffreddato e soffrivo d’asma. Avevo persino certificati medici per saltare le lezioni di educazione fisica, ma questo non mi ha impedito di fare arti marziali e poi in seguito sollevamento pesi.

Dato che la nonna era la capo contabile di un grande centro di ricerca scientifica, e la mamma era un istologo all'obitorio, i miei ricordi d'infanzia più vividi riguardano il computer e giocare con blocchi di legno mentre mamma lavorava. I tessuti molli dei defunti si attaccavano ai miei mattoncini a causa della paraffina che mia mamma usava per creare piccoli esemplari con un microtomo. Solo ora capisco le strane occhiate dei passanti quando giocavo ad acchiappare le cavallette nell'edificio in cui lavorava la mamma.

Tuttavia, il fattore chiave era il modo speciale in cui funzionava la mia mente, a causa del quale sono riuscito a diplomarmi per il rotto della cuffia. La mia mente si rifiuta testardamente di entrare nei dettagli e cerca sempre di operare soltanto sul quadro generale e sui sistemi globali. È una specie di disattenzione per i dettagli, ma in una forma estrema. Ad esempio a scuola riuscivo ad imparare abbastanza bene le regole grammaticali, ma potevo scrivere una parola di sette lettere con solo sei lettere o fare due o tre errori di ortografia evidenti. Potevo rileggere la parola cento volte e non vedere ugualmente quegli errori. Solo dopo diverse ore o giorni (una volta che la mia mente aveva dimenticato ciò che avevo scritto) riuscivo a vedere quegli errori. Non erano ancora parole fatte di lettere, ma erano concetti fatti di simboli. A causa di questo disturbo prendevo voti bassi in molte materie a scuola, anche se capivo la parte teorica.

Questo essere speciale aveva un rovescio della medaglia: un’immaginazione ben sviluppata e la capacità di vedere l'intero sistema dietro le cose. Durante l'infanzia, questo mi ha permesso di trasformare qualsiasi oggetto domestico in un giocattolo. Qualsiasi matita o persino tritacarne poteva facilmente trasformarsi in un'astronave o una realistica arma da fuoco. Anche se non ero in grado di scrivere una singola frase senza commettere errori, sono stato in grado di diplomarmi come il migliore della mia classe in storia; ed ero l'unico ad aver letto le opere di Turgenev, Tolstoj e Remarque fino in fondo.

Le mie insicurezze infantili mi impedivano di avventurarmi nel mondo esterno, mi costringevano a leggere voracemente e a sognare l'impossibile. Anche se ora ho una visione del mondo completamente pragmatica, allora credevo a quello che leggevo sulle riviste su una visita aliena il giorno prima, la fine del mondo che sarebbe arrivata il giorno dopo, o Bigfoot che si nascondeva in una certa zona del bosco. Le parole ESP e paranormale erano sacre per me. Ho sempre sperato di scoprire di avere capacità soprannaturali e riuscire ad uscire da questo mondo ordinario, che mi era sempre sembrato grigio e noioso. Credevo in ogni assurdità nella speranza che il mondo fosse in realtà più interessante. E poi il mio sogno si è avverato.

A 16 anni, in autunno, mi sono svegliato nel cuore della notte e ho aperto gli occhi. Mi ero svegliato insolitamente presto e la mia mente e i miei sensi erano estremamente all’erta. Sorpreso, ho deciso di girarmi e addormentarmi, ma non ci sono riuscito. Non riuscivo a muovermi! Il mio primo pensiero è stato: è finita, sono morto! Poi ho avuto questa brillante idea: sono stato rapito dagli alieni! Non è così che iniziano di solito le storie di rapimenti alieni? Notte, a letto, paralisi... Mi sono subito reso conto di cosa sarebbe accaduto dopo: mi avrebbero portato nel loro disco volante.

Sebbene stessi aspettando questo momento da tutta la vita, ero impreparato. La sensazione di assoluto terrore è aumentata fino a quando ho sentito il mio corpo levitare. Dopo aver supplicato gli alieni invisibili, ho sentito che tornavo nel letto. Grazie! Sarò più coraggioso per la prossima volta, ragazzi! Non appena ho riferito telepaticamente questo messaggio agli alieni mi sono sentito sollevare dal mio letto, tirato per le gambe verso la finestra. Ad un certo punto sono stato in grado di muovere il braccio e persino aggrapparmi al mio piumino; ma era come se pesasse una tonnellata, e l’ho lasciato andare.

La mia paura si è sostanzialmente attenuata quando ho capito che stavo volando verso la finestra chiusa. Mi useranno per sfondare la finestra? Non ho mai letto che gli UFO facessero una cosa del genere! Ho chiuso gli occhi mentre mi avvicinavo al vetro. Con mio grande stupore, il mio corpo fisico ha attraversato il vetro della finestra, che ho percepito con ciascuno dei miei organi interni! Ora, trovandomi dall'altra parte della finestra e nel freddo cielo stellato della Siberia, ho deciso che non avrei più avuto paura, e di lasciar succedere qualunque cosa stesse per succedere. Ero pronto ad avere una grande sorpresa; ma poi mi sono svegliato nel mio letto, sbalordito. Non sono riuscito a dormire per il resto della notte.

Ora ti dirò qualcosa che ti farà piacere sentire o ti deluderà: questo libro non parla affatto di alieni. Non tratta nemmeno di quello che pensi. Quindi cosa è successo dopo? Era un sogno? Ho avuto molti sogni vividi fin dall'infanzia, ma questo difficilmente era stato solo un sogno, poiché ero consapevole di tutto e il mio corpo fisico era stato tirato fuori dalla mia stanza. Perché avevo volato attraverso la finestra? Chissà di cosa sono capaci i piccoli uomini verdi! Perché ero riapparso nella mia stanza così all'improvviso? Gli alieni avevano cancellato il mio ricordo di quello che era successo dopo! La mia mente ignorava ogni incongruenza. Semplicemente non sapevo che la parte più interessante doveva ancora venire. Quello che era successo era molto più sconvolgente di quanto pensassi, come avrei scoperto presto.

Nel 1803 Thomas Young inviò un raggio di luce attraverso una lastra opaca con due fenditure. Invece di vedere due linee sullo schermo, vide diverse linee, come se due ondate di luce dalle due fessure avessero interferito (sovrapponendosi) l'una con l'altra. Nel corso del XX e del XXI secolo è stato dimostrato che non solo la luce, ma anche singole particelle elementari e persino alcune molecole si comportano come onde, come se attraversassero entrambe le fessure contemporaneamente.

Tuttavia, se metti un sensore alle fessure che osserva ciò che accade esattamente alla particella in quel punto, e attraverso quale fenditura passa, allora appariranno solo due righe sullo schermo di proiezione, come se il fatto stesso dell'osservazione (influenza indiretta) collassasse la funzione d'onda e il soggetto dell'esperimento si comportasse come una particella.

Sogni di Superman

Quello era stato probabilmente l'evento più incredibile e importante della mia vita, e l'ho apprezzato e mantenuto vivo nella mia memoria. Ne ho persino parlato con qualcuno, ma per qualche ragione non mi hanno creduto. E perché avrebbero dovuto? Nella mia mente, ero tra i pochi eletti a cui gli alieni avevano prestato attenzione e di cui per qualche ragione avevano bisogno. Il mio rapimento alieno sarebbe stato il mio più grande successo, se non fosse stato per quel che è successo in seguito.

Alcuni mesi dopo, mi sono svegliato a letto durante il giorno e non ero più in grado di muovermi. Ero di nuovo sopraffatto dal terrore, ma per qualche ragione ho capito immediatamente che questa volta gli alieni non avevano niente a che fare con quello che mi stava succedendo. Come potevano esserci alieni in pieno giorno? Ma se invece fosse stata notte? Per quello o per qualche altra ragione, il mio corpo non riusciva a muoversi. Ero semplicemente terrorizzato, cercavo di muovermi, e ci sono riuscito dopo un minuto o due. Ora c'erano già stati due eventi paranormali nella mia vita, ma come potevo spiegare cosa era successo?

Ho gradualmente ricordato libri e articoli su sensitivi che lasciavano i loro corpi o entravano nel piano astrale. A giudicare da quelle descrizioni, avevo provato anche io qualcosa di simile: vibrazioni, rumore nelle orecchie e paralisi nel corpo. Avevo sempre sognato di riuscirci e ci avevo persino provato, ma senza risultato. Quando è successo alcune settimane dopo, i miei sospetti sono stati confermati.

Ancora una volta darò sollievo ad alcuni e una delusione per gli altri: questo libro non parla di esperienze extracorporee o di viaggi astrali, neanche lontanamente. Ma ci arriveremo.

È stato allora che ho capito che avevo un dono unico che avevo bisogno di sviluppare. Dopotutto, avrebbe potuto offrirmi incredibili opportunità e il mondo non sembrava più grigio e noioso! In una libreria, ho trovato una sezione che rispondeva a tutte le mie domande e conteneva la verità su tutto: la sezione New Age & Occultismo... Naturalmente, non ero in grado di comprare libri a causa della mancanza di fondi ed è per questo che li leggevo semplicemente lì nel negozio. Allora frequentavo le librerie più spesso di quanto i più devoti vanno in chiesa.

I libri trattavano in parte del viaggio fuori dal corpo, il piano astrale o il sogno lucido, ma le tecniche che descrivevano non funzionavano per qualche motivo. Tuttavia, ho iniziato ad avere esperienze spontanee una volta ogni poche settimane. Per qualche ragione mi succedeva sempre dopo aver dormito. Provavo ancora terrore, ma riuscivo a superarlo. All'inizio ho spinto fuori solo un braccio per un paio di secondi. La volta successiva sono stato in grado di spingere fuori la parte superiore del mio corpo, e dopo un po' di tempo sono riuscito a camminare per la stanza e abituarmi alle sensazioni, essendomi già separato dal mio corpo. Ho anche notato che a volte lasciavo il mio corpo con la mia anima mentre ero nella mia stanza, e altre volte mi trovavo in un altro mondo: forse era proprio il piano astrale di cui avevo letto nei libri e nelle riviste. Avevo anche iniziato a fare sogni lucidi: all'improvviso mi rendevo conto di star sognando, e a quel punto facevo ciò che volevo. Avevo quindi tre superpoteri! Ed ero pronto a prendere a schiaffi chiunque dicesse che mi sbagliavo. Per me era tutto assolutamente reale.

Non pensare fosse qualcosa che ho immaginato o sognato: la sensazione di orrore non era arrivata senza un motivo. Mentre ero in quegli stati insoliti, rimanevo pienamente cosciente e consapevole di me stesso, ma non riuscivo a percepire il mio corpo fisico nel mio letto. Intanto tutti i miei sensi erano intatti nella mia anima separata o in qualche corpo fantasma, astrale. Quelle sensazioni erano così vivide da essere spesso iperrealistiche e la chiarezza della percezione superava molte volte quella dei normali sensi umani. Mentre ero lì, un pensiero continuava a tormentarmi: Perché è tutto realistico come nel mondo fisico? Come è possibile?!

Dovrei aggiungere che a quel punto la mamma si era sposata e io avevo un fratellino. Si trasferirono tutti in regioni ancora più settentrionali della Siberia, e a 18 anni ero completamente da solo. Dovevo lavorare o sarei morto di fame. Dal momento che non potevo iscrivermi subito all'università e diventare un orientalista, e poiché ero un atleta robusto, avevo lavorato come buttafuori nei night club dall'età di 17 anni. Le mie prime esperienze con la vita reale, i soldi e le donne hanno avuto luogo un questo ambiente così raffinato.

Tuttavia, sia al lavoro che a casa, non riuscivo a smettere di pensare al mio dono. Volevo studiarlo, capire di cosa si trattava e scoprire tutte le opportunità che mi avrebbe dato. Sebbene fosse tutto terribilmente vago e confuso, ero sicuro al 100% che ci fosse una spiegazione elegante per ciò che era accaduto, che poteva essere incorporato in una visione del mondo logica e coerente. Ma come?

Sembrava che sperimentazione e pratica sarebbero state necessarie. Ed è allora che mi sono trovato davanti lo stesso problema che hanno tutti quando si tratta di cose del genere: come verificare se sei veramente fuori dal tuo corpo? Dovresti apparire davanti a qualcuno o scoprire qualcosa che prima non sapevi. Ad esempio, puoi controllare per vedere quale carta hai pescato da un mazzo e posizionato a faccia in giù sulla tua scrivania. Sembra facile, ma nella pratica non lo è. È come se uscissi dal tuo corpo per poi apparire nel mondo fisico. Tuttavia, vedrai la carta giusta tanto spesso quanto la vedresti pescandone una a caso. Lo stesso vale per altri test dello stesso tipo. Ancora più sconcertante, anche se stavo lasciando il mio corpo, perché percepivo ancora tutto nel mio solito corpo fisico, e perché spesso non potevo fare cose che mi aspettavo fossero facili, come levitare o camminare attraverso un muro?

Ad ogni modo, gradualmente ho capito con certezza che funzionava al meglio non quando ci si addormenta (come è raccomandato nei libri), ma al risveglio, e specialmente al mattino o dopo un pisolino diurno. Più tardi ho capito che le persone tengono in minor conto le esperienze ottenute al risveglio, e quindi spesso prendono le distanze da esse. Uso il termine intuitivo metodo diretto per riferirmi a quelle azioni meno efficaci eseguite prima di addormentarsi, e metodo indiretto per riferirmi a quelle eseguite al risveglio. Era l'ultima delle due a darmi sempre più opportunità di fare esperimenti, e questo ha portato ad importanti conseguenze: sono stato in grado di verificare se tutto ciò che stava scritto nei libri sullo scaffale New Age & Occulto fosse stato verificato nella pratica. Non è forse questo da cui vengono tutte quelle storie fantastiche e incredibili, cioè dal fatto che i lettori non hanno la possibilità di verificarle nella pratica?

Ad esempio, in un libro ho letto di come dopo aver lasciato il corpo, si poteva volare fino alle persone che conosci, pizzicarle e lasciare un vero livido sulla loro pelle. Molte persone restano sbalordite quando lo leggono, così come me quando ero bambino. Ma ora, potevo verificarlo. Dopo aver colto il momento del risveglio, potevo eseguire una tecnica, lasciare il mio corpo, volare verso i miei amici e i membri della mia famiglia, e pizzicarli. Beh, l'ho provato decine di volte prima di pormi una semplice domanda: se l'autore l'aveva fatto davvero, allora perché ne ha parlato in modo così disinvolto, e perché non l'ha provato almeno un'altra volta? Se fosse stato vero avrebbe ricevuto il premio Nobel, tanto per cominciare. Ahimè, non ci ha dato altro che una breve descrizione. Tutti questi racconti, come tutti i libri del genere, sono basati sullo stesso schema.. E nessuno di loro può essere ripetuto in un contesto sperimentale...

La regolarità delle mie esperienze (a quel punto ne avevo avute diverse decine) indicava qualcos'altro: non importa in quale posto finivo, aveva sempre le stesse caratteristiche. Cioè, se lasciavo il mio corpo, le mie opportunità erano le stesse che se fossi entrato nel piano astrale o avessi avuto un sogno lucido. Esattamente le stesse! Inoltre, quando lasciavo il mio corpo, ho iniziato a notare che spesso la configurazione del nostro appartamento non era esattamente la stessa: qualcosa poteva mancare o non esserci stata prima.

Ma alla fine ho capito che se chiunque altro avesse fatto quello che facevo io, anche loro avrebbero lasciato il loro corpo. Cioè, non avevo alcuna abilità speciale e Dio sa cosa stavo facendo con il mio tempo, poiché tutti gli esperimenti relativi all'applicazione nel mondo reale si erano conclusi con un fallimento. Sono stato sopraffatto da un senso di completa delusione. Si era scoperto che tutte le mie speranze si basavano su un mucchio di fesserie.

Grazie a una scoperta del 1927, migliaia di scienziati e studenti hanno ripetuto lo stesso semplice esperimento facendo brillare un laser attraverso un buco che si rimpicciolisce gradualmente. Logicamente, il punto laser visibile sullo schermo di proiezione si restringe quando il foro si chiude. Ma quando il buco diventa abbastanza stretto, il punto laser si allarga improvvisamente e si espande attraverso lo schermo fino a quando il foro si chiude.

Questa è la prova più chiara della quintessenza della fisica quantistica: il principio di indeterminazione di Heisenberg, che afferma: Più precisamente definiamo una di due caratteristiche in un sistema quantistico, più incerta diventa l'altra. In questo caso, più precisamente definiamo la posizione dei fotoni laser rendendo il buco più piccolo, più incerto diventa il loro movimento.

Nuovi Orizzonti

Sono grato di aver avuto la fortuna che tutto sia successo quando avevo 18 e 19 anni. Più tardi, la gente spesso diventa incapace di lasciar andare le proprie convinzioni perché la loro visione del mondo è stata basata per decenni su quelle credenze. È difficile ammettere a te stesso che hai sbagliato su tutto, fin dal principio.

Dopo diversi mesi di completa delusione nei riguardi del mio dono, improvvisamente ho iniziato a notare che ero ancora attratto dall'avere esperienze di quel tipo, anche se in realtà non lasciavo affatto il mio corpo. Prima di tutto, era ancora la sensazione più incredibile che si potesse immaginare. In secondo luogo, ho compreso chiaramente che questa pratica mi aveva dato l’opportunità unica di lasciare steppe siberiane e di vedere persone che non potevo incontrare nella vita reale (ad esempio, la ragazza che non si accorgeva di me). Terzo, ho sempre sentito che aveva un grande potenziale, ma che semplicemente non sapevo quale strada seguire.

Ma ero l’unico ad avere questo dono? La risposta alla quale sono arrivato è stata sorprendentemente ottimista. Diciamo che non posso fare ciò che gli altri non sono in grado di fare. Per corollario, posso fare tutto ciò che almeno una persona sul pianeta può fare. È così che mi sono gradualmente avvicinato al mia nuovo periodo di pratica. Questa volta ho buttato fuori qualsiasi fonte di informazione esterna e ho iniziato da capo, valutando ciò che era avvenuto nel modo più imparziale e obiettivo possibile. Il processo mi ha gradualmente consumato al punto che volevo concentrarmi maggiormente sulla mia ricerca, e così ho lasciato il mio lavoro. Da quando ero da solo avevo imparato a vivere con pochi dollari al mese ed a rimanere un atleta serio. Ho anche imparato cosa vuol dire vivere in Siberia con la corrente staccata a causa dei mancati pagamenti e cosa significa essere isolati socialmente.

In ogni caso, quelli sono stati gli anni più produttivi della mia vita. Anche se sognavo un centro di ricerca in cui sarei stato in grado di condurre esperimenti che coinvolgevano un gran numero di praticanti, in realtà non potevo contare su nessuno tranne me. Ecco perché ho impostato il mio programma in modo da poter effettuare quanti più tentativi possibili entro un periodo di 24 ore al risveglio: dopo il sonno notturno, il sonno mattutino, i sonnellini diurni e persino il sonno della sera.

Alla ricerca di un'elegante soluzione al mistero del fenomeno, ho sperimentato la semplice conclusione che il viaggio fuori dal corpo o il sogno lucido e il piano astrale erano una cosa sola. Ed è per questo che vengono utilizzate le stesse tecniche per tutti questi fenomeni, e che le caratteristiche dello spazio e le opportunità del praticante sono sempre le stesse, indipendentemente da come viene chiamata l’esperienza.

Dunque, se è tutto lo stesso, la ricerca di uno qualsiasi dei fenomeni può essere considerata come la ricerca di tutti gli altri. Sebbene i mistici scrivessero libri sul piano astrale nel XIX secolo, lo studio del sogno lucido ebbe inizio nel 1975 quando Keith Hearne dimostrò la capacità di mantenersi coscienti durante il sogno in un esperimento all'Università di Hull. Successivamente, Stephen LaBerge ha ripetuto un esperimento simile alla Stanford University. In entrambi gli esperimenti, i partecipanti hanno eseguito movimenti di bulbi oculari precedentemente concordati, mentre la strumentazione mostrava che il loro cervello era addormentato.

Le scoperte iniziali sulla fisiologia del cervello hanno dimostrato che nella maggior parte dei casi il fenomeno era causato dal sonno REM (momenti rapidi degli occhi), durante il quale i centri di coscienza si attivano in modo anomalo. È allora che ho gradualmente cominciato a rendermi conto che, con uno studio attento, la scienza moderna con i suoi fenomeni e le sue domande era molto più affascinante e misteriosa di qualsiasi religione, misticismo o occultismo new age.

Per mantenere insieme i vari fenomeni, ho iniziato a usare il termine fase o stato di fase. La fase non è un'alternativa a tutti gli altri termini che ci sono là fuori, ma è l'unificazione di tutti loro. Era anche necessario un termine generico per il fatto che la fase comprende molti più fenomeni di quanti non si possa immaginare. Ad esempio, la paralisi del sonno (da cui tutto è iniziato per me) è anche correlata alla fase. La mia storia di rapimento alieno era chiaramente radicata nella fase. E questa è solo la punta dell'iceberg. A quei tempi, non mi era mai venuto in mente fino a dove tutto questo sarebbe potuto arrivare e che cosa sarebbe successo in seguito.

Ma quanto elegante era questa teoria unificante e fino a che punto si adattava alla mia visione del mondo? La fase era ancora un fenomeno molto strano, separato da tutto resto. Tuttavia, anche se la fase era chiaramente qualcosa di estraneo alla mia visione del mondo altrimenti coerente, tutto sembrava a posto quando si trattava dei piccoli dettagli. Anche se quella apparente discrepanza si è rivelata una bomba a orologeria nella mia mente, quella teoria era per me del tutto sufficiente, per il momento.

Nella fase ero in grado di viaggiare attraverso la Terra, lo spazio e nel tempo. Anche se tutto questo non accade certo per davvero, in termini di sensazioni è più reale del mondo fisico. Ero anche in grado di incontrare qualsiasi persona, anche se molto lontana, deceduta o famosa. Ancora una volta, questi incontri erano reali come avrebbero potuto esserlo nel mondo fisico, e ancora di più. Puoi sentire la voce di una persona, toccarla, annusarne il profumo e persino scrutare i pori della sua pelle!

Ancora più sorprendente è il fatto che nella fase è possibile ottenere informazioni. Non importa cosa c'è dietro, che sia la mente subconscia, un'uscita effettiva dell'anima dal corpo, o altro: funziona davvero. Ho rapidamente scoperto che parlando a qualsiasi oggetto nella fase, stavo parlando con una potente fonte di conoscenza in una lingua che potevo capire. Inoltre nella fase potevo avere un effetto sul mio corpo e guarire me stesso. Ho iniziato a usare attivamente tutto questo per studiare la fase stessa e per la mia vita personale.

Non possiamo lasciare da parte il principale campo di applicazione della fase per molti giovani: è una specie di realtà virtuale di qualità incredibilmente alta in cui puoi semplicemente divertirti o soddisfare qualsiasi desiderio. Dopotutto, possiamo non solo vedere e sentire il corpo nella fase, ma anche ascoltare e annusare. Possiamo toccare le cose e mangiare cibo (a quel tempo era l'unico posto in cui potevo assaggiare qualcosa di gustoso). Possiamo provare dolore e piacere, incluso quello di tipo sessuale. In sostanza, se hai desideri insoddisfatti, la fase ti permette di realizzarli.

Per quanto riguarda le tecniche per entrare nella fase, il metodo indiretto (eseguito al risveglio) è stato sempre il più efficace per me. Se all'inizio ero felice di avere un'esperienza ogni settimana o due, ora potevo entrare nella fase più volte nell'arco di 24 ore, anche se non certo ogni mio tentativo aveva successo. Durante i primi minuti al risveglio (e preferibilmente senza prima muoversi o aprire gli occhi), devi cercare di separarti dal tuo corpo fisico levitando, rotolando o alzandoti in piedi, azioni che vengono eseguite come movimenti regolari, ma senza muovere un muscolo fisico. Se la separazione non ha successo, dovresti eseguire le tecniche una dopo l’altra per un minuto fino a quando una di esse funziona, dopo di che puoi provare nuovamente a separarti dal tuo corpo fisico.

Riuscivo anche a diventare consapevole di star sognando con facilità. Per farlo, ho allenato la mia memoria dei sogni scrivendo tutti i miei sogni. Ha anche aiutato il fatto che allenassi la mia attenzione secondaria. Per fare ciò, è necessario porsi la domanda Sto dormendo? Fallo in qualsiasi situazione insolita o ad intervalli di tempo determinati.

In realtà non basta sapere semplicemente come entrare nella fase: devi anche sapere come approfondirla, poiché le sensazioni non sono sempre immediatamente realistiche. Il modo più semplice per farlo è tentare l'amplificazione sensoriale, che richiede di percepire a fondo e scrutare gli oggetti nella fase. Inoltre, senza conoscere le tecniche per il mantenimento, che ho dovuto capire da solo, la fase durerà di solito solo pochi secondi. Tornerai al tuo corpo fisico, o semplicemente ti addormenterai o si verificherà un falso risveglio. Sebbene ci siano molte tecniche per contrastarlo, la più semplice di tutte è concentrarsi sul tuo piano d'azione e tentare a tutti i costi di uscire nuovamente dal corpo fisico quando vi fai ritorno.

Dovevo anche essere in grado di spostarmi nella fase e trovare oggetti al suo interno. È più facile farlo immediatamente dopo la separazione dal corpo o aprendo una porta, mentre si concentra l'attenzione sul luogo o sulla persona che si vuole trovare dietro quella porta. È un paradosso, ma era anche necessario imparare a volare e persino a camminare attraverso i muri, poiché lo spazio in una fase profonda difficilmente differisce dal mondo fisico e dai suoi limiti.

All'età di 20 anni mi sono ricongiunto alla società e ho ottenuto di nuovo un lavoro. Tuttavia, quei due anni mi avevano profondamente cambiato. Nella mia mente era entrata una quantità enorme di nuove conoscenze e ho iniziato a vedere il mondo con occhi diversi. Sono diventato un uomo felice: dopo tutto, avevo trovato la mia passione.

Avevo davvero capito in cosa mi ero imbattuto esattamente? Nonostante le mie enormi conquiste pratiche, non avevo trovato una spiegazione elegante per l'esistenza della fase, né una spiegazione per alcune delle caratteristiche più strane dello spazio della fase. Onestamente, avevo paura di pensare a cose del genere, dal momento che capivo che avere credenze errate poteva portare ad una sofferenza immensa. Ecco perché tutte quelle domande sono state temporaneamente messe da parte e mi sono concentrato completamente sull’andare avanti.

Il fatto è che mi era a lungo sembrato che la fase fosse solo un mio affare personale. Questo accadeva prima che capissi che quasi tutti la incontrano. La gente dirige film e scrive libri con trame del tutto simili alla fase, senza nemmeno sospettare che è tutto vero, e che tutto può essere imparato. Il problema è che i tipici libri sull'argomento sono antiquati ed inefficaci. Forse dovevo scrivere il mio libro e aprire gli occhi delle persone sulle loro reali capacità? Perché sognare, quando potevo farlo?

Nel 1933, Walther Meissner scoprì che in un superconduttore che è stato raffreddato il più possibile, il campo magnetico sarà espulso. Questo fenomeno è stato soprannominato l'effetto Meissner.

Se un regolare magnete viene posizionato su alluminio (o qualsiasi altro superconduttore) che viene poi raffreddato usando azoto liquido, il magnete si solleverà e si bloccherà nell'aria, in quanto vedrà il proprio campo magnetico della medesima polarità espulso dall’alluminio raffreddato, e gli stessi lati del magnete si respingono a vicenda.

Portare la Fase alle Masse

Ora avevo un obiettivo provvisorio, ma ossessivo: far conoscere la fase a quante più persone possibile. Avevo iniziato da diversi mesi il lavoro sul mio primo libro, Out of Body. Dal momento che lavoravo come guardia di sicurezza, i miei lunghi turni mi hanno permesso di imparare l'inglese, appisolarmi ed entrare nella fase. Nel frattempo, i miei due giorni liberi alla settimana erano spesi sul libro. Ma cosa ha da dire un ventenne? Forse era un tipico libro sulle esperienze extracorporee, anche se avevo capito che si trattava solo della sensazione di essere fuori dal corpo, e non di una vera uscita da esso. Nel frattempo, mi sono sforzato di includere ciò di cui tutti i libri sull’argomento erano gravemente carenti: informazioni più realistiche e utilizzabili sulle tecniche.

Ad ogni modo il lavoro sul libro, di per sé, ha avuto un risultato davvero inaspettato. Ho scoperto che uno sforzo simile è un ottimo modo per strutturare le tue conoscenze, oltre a mettere insieme le tue idee e i tuoi pensieri. Molte cose sono diventate improvvisamente più chiare quando sono state messe sulla carta. Per rendere un argomento più semplice per gli altri, devi prima renderlo più semplice per te stesso. Guardando indietro, naturalmente, non posso non ammettere che era tutto un miscuglio di vaghe idee sul fenomeno, esperienze personali, un ammasso di tecniche e un mucchio di conclusioni errate. Speravo anche in qualcosa di più, poiché ancora non capivo bene la natura della fase. Ma, in ogni caso, era meglio di niente.

Letteralmente tre giorni dopo aver finito il libro, ho passato qualcosa di molto personale. Ero cresciuto da solo con mia madre e non mi ero mai particolarmente interessato a mio padre. Una volta riflettuto su questo fatto, mi sono reso subito conto che la persona durante l'infanzia che credevo fosse mio padre in realtà non lo era. E così ho iniziato la mia ricerca della verità. Mia madre lo è venuto a sapere e mi ha inviato una lettera che ho ricevuto subito dopo aver terminato il libro: mio padre era un professore della stessa università in cui non ero entrato. Era anche un autore di manuali di fisica, un importante ricercatore dell'Istituto di Idrodinamica e viveva accanto a mia nonna. Se non fosse per la parte della fisica, la coincidenza sarebbe stata incredibile. Dopotutto, la fisica è completamente diversa dalla fase, giusto?

Dato che avevo pochi parenti, ero felice dell'opportunità di raddoppiare il numero di familiari nella mia vita grazie a mio padre. Il fatto era che mio padre non sapeva nemmeno che esistessi, e mi sembrava che anche lui dovesse essere sopraffatto dalla gioia. Ma quello era il mio punto di vista... Ho potuto parlargli al telefono tre volte e vederlo una sola; e a quel punto mi è stato chiaro che nulla nella vita era cambiato e che nessuno voleva nemmeno parlarmi. Questo mi ha colpito duramente e mi ha spinto a trasferirmi dalla Siberia.

Ho spedito il mio manoscritto a diverse case editrici della capitale. Senza prima aspettare una risposta ho lasciato il lavoro, ho preso un po' di soldi e ho comprato un biglietto del treno. Pensavo che il mio libro fosse brillante e che lo avrebbero accettato ovunque. Il successo immediato era assicurato e quindi non c'era motivo di pensare a come mantenermi. È un bene che all’epoca non avessi il cervello per rendermi conto di quanto fosse stupido...

Dopo aver sistemato tutte le mie cose più importanti in un borsone, sono arrivato in stazione la mattina presto e sono partito per un lungo viaggio. Più di 2.000 miglia e due giorni dopo, sono arrivato alla stazione ferroviaria Yaroslavsky di Mosca. Sono sceso dal treno. Pienamente consapevole del fatto che avevo abbastanza soldi solo per alcuni giorni e che lì non conoscevo nessuno, il mio piano era ancora quello di trovare immediatamente la mia strada.

Dopo aver pagato un letto in una camera condivisa nell'ostello più economico alla periferia della città, sono partito diretto verso le case editrici con mio libro in mano. Da una parte, il mio lato provinciale era colpito dall'enorme metropoli, e mi sentivo orgoglioso di essere in un posto così importante. D'altra parte, mi sentivo soffocare dalle migliaia di persone che correvano e dal mio essere così antisociale. Quando cercavo di trovare l'indirizzo di qualche casa editrice, a volte giravo per un quartiere invece di chiedere semplicemente a qualcuno la strada. Inutile dire che non ho nemmeno trovato il coraggio di chiedere l’ora a un passante. Mi sono detto che tutto quello che dovevo fare era arrivare alle case editrici, e tutto avrebbe funzionato.

Ho trovato le case editrici che stavo cercando e ho dato loro il mio libro: restava soltanto da aspettare la loro decisione. Anche se ero assolutamente certo che la loro risposta sarebbe stata affermativa, ho cercato di non pensare a come esattamente la mia vita sarebbe potuta cambiare, o come stavo finendo i soldi dal momento che dovevo continuare a pagare per il mio letto all’ostello.

Ma la realtà è risultata diversa da come mi aspettavo. Alcuni hanno risposto rapidamente con un rifiuto. Con gli altri ho dovuto aspettare molte settimane o addirittura mesi solo per ottenere un rifiuto. Nel giro di pochi giorni era diventato tutto chiaro: la mia idea di rendere popolare la fase era stata un fallimento, a nessuno piaceva il mio libro, e tutto ciò che restava da fare era prendere il treno della vergogna per la Siberia. Sì, vergogna, perché tutti sapevano che avevo lasciato il mio lavoro senza pianificare di tornare. Alla gente non interessavano affatto le mie idee. Dunque non c'era motivo di rimanere a Mosca, né avevo i mezzi per farlo... Lì nessuno mi conosceva.

E così ho messo insieme le mie cose e mi sono diretto verso la stazione ferroviaria, con solo una strada in salita e l’ignoto più totale di fronte a me.

Nel 1938, Pyotr Kapitsa raffreddò l'elio liquido ad una temperatura prossima allo zero e scoprì che la sostanza aveva perso la sua viscosità. Il fenomeno è stato soprannominato superfluidità.

Se versi l'elio liquido in un bicchiere, si muoverà lungo i suoi lati e gocciolerà fuori da esso. Infatti, fino a quando l'elio è sufficientemente freddo, non vi sono limiti al suo strisciare e gocciolare, indipendentemente dalla forma e dalle dimensioni del bicchiere. Alla fine del XX secolo e all'inizio del XXI, la superfluidità è stata scoperta anche nell'idrogeno e in vari gas.

Capitolo 2 - Alla Ricerca di una Risposta

Fine ottobre 2010, Los Angeles. La suoneria del mio telefono mi sveglia e scopro che il mio esperimento è diventato famoso in tutto il mondo. Ma come ci sono arrivato e di cosa tratta l'esperimento?

Conquistare la Capitale

Mentre andavo in metropolitana alla stazione ferroviaria, cercavo di capire come tornare a casa, visto che ero già senza soldi. Pensavo di nascondermi dal bigliettaio o chiedere al capotreno di un treno lento di avere pietà di me e lasciarmi viaggiare gratuitamente. A Mosca non conoscevo ancora nessuno abbastanza bene da poter chiedere denaro in prestito. Rivolgermi ai miei pochi parenti in Siberia non era qualcosa che ero disposto a prendere in considerazione: non l'avevo mai fatto in passato, né lo avrei fatto in futuro.

Stando davanti ai binari ed osservando i treni in partenza, su cui la gente normale stava salendo e che non aveva problemi a permettersi, ho avuto un'idea spaventosa: bruciare tutti i ponti dietro di me. Nonostante tutte le possibili difficoltà, sarebbe stato più semplice rimanere a Mosca che percorrere migliaia di chilometri e ricreare la mia vita precedente. Inoltre, non potevo immaginare come i miei amici e la mia famiglia mi avrebbero guardato dopo un'avventura così stupida e infruttuosa. Era più semplice rimanere a Mosca e cercare di sopravvivere. Ho messo la mia sacca in uno degli armadietti a noleggio e ho usato i miei pochi rubli rimanenti per comprare un giornale con annunci di lavoro. Benvenuto nel mondo reale!

I primi mesi sono stati estremamente difficili. Non potevo certo fare lo schizzinoso. Senza un indirizzo legale, senza istruzione e senza esperienza, non solo ero in seria difficoltà, ma dovevo anche affrontare tutto lo schifo che di solito si accumula in quantità incredibili nelle capitali. Per la prima metà dell'anno, i poliziotti di pattuglia mi hanno costantemente fermato per controllare i miei documenti: evidentemente ero molto diverso dalla gente del posto. Anche il mio modo di parlare e l’accento erano diversi da quello di tutti gli altri.

Anche se la mia pratica di fase era diventata irregolare a causa di queste difficoltà, non avevo ancora perso la speranza che avrei potuto realizzare la mia idea, e ho continuato a provare a pubblicare il mio libro. Ad ogni modo, tutti intorno a me sapevano del mio obiettivo. Avevo notato un sincero interesse nei i loro occhi e questo mi ha spinto a non arrendermi. Purtroppo tutte le agenzie mi hanno chiuso la porta in faccia, e la statistica che solo un autore su dieci viene pubblicato è diventata la mia dolorosa realtà. Ero uno di quegli sfortunati nove.

Poi, si è fatto avanti un uomo a cui le mie idee piacevano. Ha accettato di pagare per la prima tiratura. È venuto fuori che tecnicamente questo non significava una pubblicazione. Era semplicemente un ordine per stampare 1.000 copie. Naturalmente, le case editrici non prestano attenzione quando gli autori pagano per auto-pubblicarsi.

Comunque ho afferrato l’occasione, dal momento che non ce n'erano altre. Una nuova speranza è nata dentro di me: una volta stampato il libro, poteva diventare così popolare che tutto avrebbe funzionato. Tuttavia c’era una condizione: il libro doveva essere rielaborato in vari punti. Io non avevo più nemmeno aperto il mio libro da diversi mesi, e quando ho dato una sbirciatina sono rimasto inorridito.

Il libro era terribile. Conteneva un numero incredibile di errori grammaticali, sciocchezze e parti semplicemente inutili. Quasi la metà del libro poteva essere modificata senza alcuna perdita di valore. Ed è quello che ho fatto, oltre a revisionare il testo. E poi ho revisionato di nuovo. E solo allora il libro ha assunto una forma decente. L'altro problema era che il denaro era solo per la stampa. L’impaginazione e l’editing dipendevano da me, una persona che a scuola aveva sempre avuto i voti più bassi in lettere.

Mentre scrivo queste righe molti anni dopo, ora ho una grande esperienza nel campo dell'editoria, e tuttavia ho ancora seri problemi nel mantenere l’attenzione, e quindi faccio molti errori. Il mio cervello semplicemente non li coglie, come se leggesse le parole intere e non lettere individuali. Ma ora ho il software del computer, i correttori di bozze e gli editori come polizza assicurativa. Eppure a quei tempi, non c'era nessuno che potesse aiutarmi. Dopo aver riletto il testo più e più volte, mi è sembrato che non ci fossero errori. Ho creato il layout della copertina: semplice testo bianco su sfondo nero. Quindi, ho inviato tutto per la stampa.

Dopo il mio ventunesimo compleanno e quasi cinque mesi a Mosca, ora tenevo tra le mani la versione stampata del mio libro. Avevo realizzato il mio obiettivo numero uno, reso il mio sogno realtà e ora tutto il resto sembrava semplice. Dopotutto, ora le masse avrebbero conosciuto la fase! Avevo anche un posto dove condividere le notizie, dato che il mio sito web in lingua russa www.aing.ru e il suo forum erano già operativi. C'era una pila di libri davanti a me, e presto sarebbero stati nelle mani di molte persone le cui vite non sarebbero mai più state le stesse. Ma come mettere effettivamente i libri nelle loro mani?

Si è scoperto che nessuna grande catena di librerie lavora con i singoli fornitori. Tutte le piccole librerie si sono rifiutate di mettere i libri del nostro giovane autore sugli scaffali o mi hanno chiesto di compilare un modulo di richiesta speciale. Naturalmente, nessuno l’ha nemmeno guardato né mi ha mai ricontattato. Inoltre, è risultato subito che c'erano errori su errori di battitura in quasi tutte le righe del libro. C’erano spesso diversi errori per riga. Ecco com’era il libro, tutte le 200 pagine... L'inchiostro nero sulla copertina era del tipo che viene via dopo un contatto qualsiasi con una superficie dura. Persino i libri nuovi ancora imballati sembravano usati.

Nei primi due mesi ho venduto non più di 10-15 libri attraverso piccoli distributori. A quel ritmo, la mia prima piccola tiratura avrebbe potuto durarmi tutta la vita. Ma la cosa principale non era il libro o la tiratura, bensì come far sapere a milioni di persone della fase. Ero di nuovo bloccato.

È venuto fuori che non ero l'unico autore ambizioso a cui nessuno importava. Una volta, quando sono andato a un colloquio, ho visto la concorrenza. C'era un autore che ignorava tutte le proteste mentre implorava di distribuire il suo libro, e a proprie spese! La conversazione non è finita bene per lui, dato che è volato fuori dalla stanza con un calcio nel sedere, seguito dalla scatola piena dei suoi libri che aveva provato a lasciare contro la volontà del manager. Si è scoperto che non era la sua prima volta lì. La scena non mi dava certo motivo di essere ottimista.

Ma non mi ero ancora arreso. Ho continuato a chiamare ogni piccolo negozio possibile nella speranza che qualcuno volesse vendere il mio dannato libro. Sarebbe stato tutto inutile se non fosse stato per un gestore di un piccolo negozio all'altro capo della linea che mi diceva che il loro fornitore era appena arrivato. Mi ha proposto di parlare con lui e gli ha dato il telefono. Ho rapidamente descritto di cosa trattava il libro e mi ha chiesto di portare un pacchetto di circa 20 libri per una prova. Senza molte speranze ho spinto la mia scatola di libri verso l’ennesimo editore. È venuto fuori che il fornitore si occupava di questo

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di La Fase

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori