Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La mia passione per la corsa

La mia passione per la corsa

Leggi anteprima

La mia passione per la corsa

Lunghezza:
238 pagine
2 ore
Editore:
Pubblicato:
18 gen 2019
ISBN:
9788827866559
Formato:
Libro

Descrizione

Un programma di allenamento dettagliato e consigli culinari per rimettersi o mantenere la forma psico-fisica perfetta.

L'autore, facendo leva sulla sua esperienza ultra-decennale come praticante amatore, svela trucchi e strategie per un approccio ottimale a questo sport, che miri a ridurre a zero gli infortuni e ad aumentare in meno di 3 mesi resistenza fisica e potenza muscolare.

Seguire una sana e corretta alimentazione, di pari passo con la pratica di questo sport, è di fondamentale importanza se si vogliono raggiungere obiettivi di benessere duraturo nel tempo. Dunque, un'ampia descrizione dedicata anche a questo aspetto, proponendo consigli e ricette, quest'ultime preparate da lui stesso, adatte per chi pratica attività sportive di resistenza. Ricette vegetariane, create, la maggior parte di esse, con frutta e verdura bio, raccolte fresche quotidianamente dal suo orto di campagna, che gli hanno permesso un sostanziale miglioramento della sua forma fisica e mentale.
Editore:
Pubblicato:
18 gen 2019
ISBN:
9788827866559
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a La mia passione per la corsa

Libri correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Anteprima del libro

La mia passione per la corsa - Cosimo Cavallo

twitter.com/youcanprintit

PREMESSA

Lo dicono le statistiche: correre per passione o per gareggiare è un allenamento molto praticato al mondo. Gli appassionati sono tantissimi! Alzi la mano chi non si è mai cimentato almeno una volta nella sua vita a praticare questo tipo di allenamento! Siamo un vero esercito, milioni di dilettanti e professionisti, in tutto il mondo, che tutti i giorni con impegno e costanza invadono parchi di città, sentieri nei boschi e in zone collinari, a praticare questo tipo di allenamento per mantenersi in linea e bruciare i chili di troppo, riconquistati in un battibaleno senza neanche accorgersene!

Pratico questo allenamento come amatore da tantissimi anni. Ho iniziato il mio primo allenamento per puro caso che avevo nove anni. In un pomeriggio di una giornata di inizio estate, assolata e carica di tanta energia positiva, mio cugino, più grande di me di quattro anni, mi propone di iniziare questo tipo di allenamento in modo costante, a giorni alterni. Li per lì rimasi indifferente a questa sua proposta, la consideravo una perdita di tempo e oltretutto noioso. Ero dell'idea, invece, che si potesse impiegare il nostro tempo a giocare a nascondino con i nostri amici venuti dalla città per trascorrere le vacanze estive nelle loro residenze di campagna. Ma lui insistette, voleva convincermi a tutti i costi che correre, seguendo un programma ben preciso, era l'allenamento giusto per tenerci sempre in forma e soprattutto non c'avrebbe fatto mai invecchiare. Come, chi corre non invecchia mai? Beh, quest'ultima affermazione mi fece riflettere molto. Da un lato mi sembrava strana e pura fantascienza, dall'altra la cosa mi affascinava e quindi dopo un po' accettai questa sfida, dando il mio ok! Cominciò a delinearmi minuziosamente quello che sarebbe stato nelle settimane successive il nostro piano di allenamento: numero di chilometri da percorrere, durata di una sessione di allenamento tipo, metodi di respirazione efficaci, tipo di postura e andatura, il tutto al fine di ottimizzare quanto più possibile il consumo di energie durante un allenamento.

Il percorso da fare era un sentiero di terra battuta della lunghezza di circa 500 metri che si trovava a poche centinaia di metri dalla nostra residenza. Stabilimmo che avremmo percorso tutto il sentiero, facendo delle andate e dei ritorni. Per due ragazzini come noi forse quello era un allenamento un po' duro e anche faticoso. Per le prime quattro settimane stabilimmo che avremmo dovuto fare tre allenamenti a settimana, facendo cinque andate e cinque ritorni; poi nelle settimane successive a queste, naturalmente, avremmo dovuto rivedere il tipo di allenamento, rendendolo ancora più intenso.

Sono passati un bel po' di anni da allora. Tenendo conto che ho superato i miei primi anta da qualche anno, convivo con un po' di capelli bianchi spuntati qua e la sulla mia testa, l'energia e la vitalità di qualche decennio fa, irrimediabilmente, sono diminuiti, pur tuttavia, continuo a seguire questo tipo di allenamento con la stessa voglia e la stessa grinta che avevo quando ho esordito con il mio primo allenamento.

Oggi ci sono gli impegni di lavoro, che impongono ritmi e scadenze da rispettare, e poi la famiglia da portare avanti, e magari qualche acciacco che si fa sentire più spesso. Insomma, le buone scuse per desistere per lunghi periodi dal dedicarsi con costanza a questa attività non mancano; pur tuttavia, il tempo da dedicare a questa mia passione sportiva mi impongo di trovarlo sempre, cascasse anche il mondo! Quando arriva il giorno e l'ora stabilita per l'allenamento, comincio a fremere: indosso le mie scarpe e gli indumenti da running che ho acquistato apposta e via a correre!

La corsa è una disciplina straordinaria, ti permette di raggiungere in pochissimo tempo il benessere fisico. Il corpo diventa più robusto e più resistente, ma anche la psiche segue la stessa sorte. Ci si attrezza di tutti quegli anticorpi capaci di tenere alla larga il cattivo umore, stress, ansia e depressione. Un'attività aerobica che, praticata a giorni alterni, secondo un programma preciso e ben delineato, porta ad un importante dispendio calorico. Questo significa un calo drastico del girovita e quindi ad essere costretti, nel giro di qualche settimana, a dover rinnovare daccapo il guardaroba. Dunque, se in questo momento sei in sovrappeso, non hai bisogno di andare in farmacia per acquistare costosi integratori o assumere pozioni magiche. La cura per questo tipo di problema è seguire costantemente questo tipo di allenamento, abbinato, naturalmente, ad un'alimentazione sana, leggera, che permetta al corpo di ricostituire i mattoni persi durante un intenso allenamento.

Ma questo non deve essere solo il motivo per cui iniziare da subito a correre con costanza e grande convinzione, perchè la corsa può aiutare a vivere con più senso di responsabilità ed a risolvere con molta celerità problemi legati alla sfera emotiva e alla sfera emozionale. Quando vivo momenti di stress o frustrazione, perchè il lavoro non va bene o perchè i rapporti con amici e parenti sono molto conflittuali, la corsa mi aiuta a ritornare in sella, a staccare la mente e ad azzerare in pochissimo tempo tutto lo stress e tutta la frustrazione. Dopo un duro allenamento, è vero, mi sento stanco fisicamente ma mentalmente in ottima forma. Dimentico completamente le situazioni negative che sto vivendo in quel momento e avverto gratificazione e senso di leggerezza!

Fa bene al sistema cardio-circolatorio, un antitodo efficace per ritardare l'insorgenza di osteoporosi, rafforzare le difese immunitarie e tenere lontano dal vizio della sigaretta. Se pratichi discipline come ciclismo, calcio, pallavolo, nuoto...inevitabilmente questo tipo di allenamento sarà propedeutico, perchè prepara meglio i muscoli di tutto il corpo a svolgere con più scioltezza e meno fatica altre discipline sportive magari più pesanti e più impegnative: impari ad ottimizzare la respirazione, a conoscere meglio il tuo corpo e ad applicare sempre le migliori strategie che ti evitano di sprecare inutilmente energie preziose. Nel caso della corsa, i distretti muscolari più sollecitati sono indubbiamente le gambe. Però, in realtà, è tutto il corpo ad essere coinvolto in modo uniforme. Ricerche molto interessanti hanno dimostrato che ipertensione o diabete o percentuali elevate di colesterolo cattivo nel sangue, con questo tipo di allenamento, praticato in modo costante e duraturo nel tempo, li rendi praticamente vulnerabili o comunque blocchi l'ulteriore sviluppo nel tempo. La gittata cardiaca migliora sensibilmente, il cuore diventa inattaccabile da complicazioni che possono portare alla morte.

I soggetti a soffrire di osteoporosi, ad esempio, sono tantissimi! Questa patologia, caratterizzata da un basso contenuto di calcio nelle ossa, dalla progressiva perdita di tessuto osseo, che diventa fragile, con conseguente instabilità dello scheletro e quindi una maggiore predisposizione alle fratture spontanee, è un processo molto lento e inesorabile. Se parliamo di soggetti sani, che non hanno alle spalle patologie pregresse gravi a carico del tessuto osseo, l'osteoporosi inizia già a cinquant'anni, e va avanti senza più fermarsi fino alla fine della vita di un soggetto. Le ossa maggiormente interessate dal rischio di fratture sono le vertebre, il femore e i polsi. La frattura del polso, per esempio, è frequente tra i soggetti con età compresa tra i 50 e i 70 anni. Solitamente, è la conseguenza di una caduta in avanti dalla posizione eretta, che induce il soggetto a protendere le mani per attutire l'impatto. Ma avviene anche in seguito a semplici movimenti che il soggetto svolge normalmente ma che diventano pericolosi per le ossa nel momento in cui e insorta l'osteoporosi. Nel caso delle vertebre più che parlare di una vera e propria rottura ossea si ha un assottigliamento nella parte anteriore o posteriore o centrale, con conseguente aumento del rischio schiacciamento tra le stesse, o formazione di incurvamento della schiena.

Ebbene, chi pratica la corsa costantemente e a partire già da un'età giovanile, stimola costantemente gli osteoblasti, cioè le cellule che provvedono alla formazione e ricostituzione del tessuto osseo. Tutto questo significa, in soldoni, creare le premesse affinchè l'osteoporosi non si sviluppi affatto!

Le donne sono i soggetti a soffrirne maggiormente e ad essere interessate anche in età giovanile, se conducono una vita troppo sedentaria, costituita da zero allenamento, e in più, cattive abitudini alimentari. Quindi, il gentil sesso dovrebbe praticare questo tipo di allenamento molto più spesso degli uomini ed evitare il più possibile periodi prolungati di inattività.

Il problema non riguarda solo il tessuto osseo ma anche la massa muscolare. Man mano che si va avanti con l'età perdiamo per strada massa muscolare, un processo che inizia già a trent'anni per poi intensificarsi notevolmente dopo i 50. Anche in questo caso, il movimento fatto attraverso la corsa, ha come effetto di ridurre drasticamente questa perdita con il risultato di ritrovarsi over 50 con un bel fisico asciutto, fasce muscolari di arti superiori, inferiori e del busto, ancora ben tonificati e dall'aspetto invidiabile.

Personalmente, corro in tutte le stagioni, non ho preferenze per quelle calde o per quelle fredde. In ogni stagione questo tipo di allenamento regala i suoi straordinari benefici. Ora un po' meno, ma in un passato non tanto recente, mi capitava di correre in situazioni davvero estreme: in pieno inverno, sotto la pioggia battente, con la neve o quando soffiava un bel vento di tramontana molto rigido. Per questi miei ritmi a dir poco folli, lo ammetto, molti miei amici mi prendevano in giro e quando proponevo loro di seguirmi in questa impresa ardua, beh, vi lascio immaginare quali fossero le loro risposte!

Perchè ti sto raccontando questa storia? Per la semplice ragione di come la corsa all'aria aperta, in condizioni climatiche estreme riesca a potenziare notevolmente le nostre difese immunitarie, rendendole più reattive. L'ultima volta che ho avuto una febbre alta o un raffreddore di una certa importanza risale praticamente a vent'anni fa, e guarda caso coincide con il periodo in cui frequentavo l'Università, e per riuscire a preparare i miei esami in pochissimo tempo e a superarli con risultati lusinghieri, rimanevo inchiodato alla sedia per delle ore e per diverse giornate di fila. Guarda caso, diventò il periodo in cui mi sentivo spesse volte fiacco, giù di tono. Gli acciacchi, soprattutto in inverno, erano all'ordine del giorno e l'unica corsa che facevo era quella dal medico per cercare di guarire il prima possibile. Avevo fatto l'abbonamento per una vita sedentaria a tempo pieno, che sicuramente non giovava affatto al mio benessere, anzi lo riduceva sensibilmente.

C'è una buona notizia per chi ha problemi di cellulite! Il gentil sesso lo avverte maggiormente, quell'odiosa pelle a buccia d'arancia, davvero antiestetica, capace di compromettere i livelli di autostima della persona affetta. Colpisce 80% delle donne, gli uomini non sono esclusi, anche se in percentuale minore, un problema che riguarda cosce, glutei e fianchi. Un processo degenerativo della micro circolazione periferica a livello del tessuto adiposo. Con questo tipo di allenamento migliori il microcircolo periferico, facilitando così l'assottigliamento della cellulite con evidenti miglioramenti non solo dell'estetica ma anche dell'autostima.

La corsa ti tiene lontano dal prendere il vizio della sigaretta, oppure, se c'è l'hai, ti aiuta a liberartene in poco tempo e per sempre. Provare per credere! Un soggetto fumatore avverte un vuoto che tende a colmare con la sigaretta. Nella sigarette, oltre alle sostanze altamente nocive per la salute, ci sono delle sostanze che fanno sì che il nostro corpo produca endorfine, sostanze che, invece, provocano sensazione di benessere e di rilassamento.

Non sono un fumatore, per fortuna, ma provo ad immaginare e a pensare che, probabilmente, il motivo per cui molti non riescano a liberarsi da questo maledetto vizio sia correlato proprio a questa situazione. Ebbene, se inizi a praticare la corsa, con costanza, da fumatore potresti passare dalla parte di chi non fuma più sigarette o addirittura detestarle. Come mai si realizza questo miracolo? Semplice, per praticare questo allenamento costantemente hai bisogno di fiato e quindi il corpo riceve un comando di non fumare, perchè altrimenti non sarebbe all'altezza della nuova sfida, ma poi e l'attività fisica stessa che mette il corpo nelle condizioni di produrre endorfine, quelle stesse sostanze che il corpo produce quando fumi una sigaretta.

Infine, l'impatto della corsa sulle finanze personali, ma dove trovi uno sport che ti fa spendere pochissimi euro a fronte dei tanti benefici per la tua salute? Questo è uno sport che richiede davvero un investimento irrisorio per le tue tasche. A meno che tu non voglia fare il figo usando un abbigliamento firmato, che costa tantissimo, perchè trovi la firma di un personaggio famoso impressa sui capi, ma che c'entrano poco con la corsa dal punto di vista della qualità

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di La mia passione per la corsa

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori