Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Racconti e parabole

Racconti e parabole

Leggi anteprima

Racconti e parabole

Lunghezza:
43 pagine
45 minuti
Pubblicato:
9 gen 2019
ISBN:
9788829593309
Formato:
Libro

Descrizione

Questa pubblicazione raccoglie alcuni degli scritti meno conosciuti di Tolstoj. Si tratta dei racconti I due pellegrini e il primo distillatore e delle tre parabole morali Il contadino e le oche, Le pesce, Il contadino e i cetrioli. Si tratta di racconti preziosi, vere e proprie gemme letterarie che, grazie al genio del grande scrittore russo, aprono scorci su panorami interiori universali. Preziosa è anche la traduzione di Eugenio Wenceslao Foulques, qui presentata.
Dello stesso autore, per Sinapsi Editore: Amore e dovere, Sonata a Kreutzer, Resurrezione, I racconti di Sebastopoli, Il taglio del bosco, I due ussari, Guerra e pace, I piaceri viziosi, Denaro falso, Anna Karenina, La morte di Ivan Il'ic.
Pubblicato:
9 gen 2019
ISBN:
9788829593309
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore

Leo Tolstoy was born in 1828 in Tula, near Moscow. His parents, who both died when he was young, belonged to the Russian nobility, and to the end of his life Tolstoy remained conscious of his aristocratic status. His novels, ‘War and Peace’ and ‘Anna Karenina’ are literary classics and he is revered as one of the greatest writers of the nineteenth century. He died in 1910 at the age of 82.


Correlato a Racconti e parabole

Libri correlati

Categorie correlate

Anteprima del libro

Racconti e parabole - Leo Tolstoy

RACCONTI E PARABOLE

LEV TOLSTOJ

Traduzione di Eugenio Wenceslao Foulques

© 2019 Sinapsi Editore

I due pellegrini

I.

Jefim Faràssitsc Scèvelef ed Eliseo Bdorof, vecchi contadini e vecchi amici, si erano promesso scambievolmente di andare a Gerusalemme e di pregare sulla tomba di Nostro Signore.

Jefim era agiato, serio; non beveva acquavite, non fumava, non prendeva tabacco ed in vita sua non aveva mai detto parole sconce, comportandosi sempre da uomo d'illibati costumi e di carattere esemplare.

Aveva adempiuto, in qualità di starosta, due periodi di quelle funzioni e ne era uscito senza macchia.

La sua numerosa famiglia, fra cui due figli ammogliati con molta prole, viveva tutta sotto lo stesso tetto.

Di aspetto imponente, dritto come un soldato, quasi settuagenario, aveva la barba lunga, bellissima, ed i capelli leggermente brizzolati.

Eliseo era un vecchietto, nè ricco, nè povero. Durante la sua gioventù era andato ramingo in qualità di falegname, e, nella tarda età, si era fatto casalingo per dedicarsi all'apicoltura.

Uno dei suoi figliuoli era all'estero in cerca di fortuna; l'altro era rimasto col padre.

Eliseo aveva lo spirito sereno ed il cuore eccellente. Beveva il suo bicchierino di acquavite, prendeva tabacco ed amava le gaie canzoni; era però una persona pacifica: di buon accordo con tutti i suoi vicini, ed affezionatissimo alla famiglia.

Di media statura, Eliseo aveva la carnagione molto bruna, la barba crespa e scura, ed il cranio completamente sprovvisto di capelli, appunto come il suo santo patrono, il profeta Eliseo.

Era già molto tempo che i due vecchi avevano divisato di andare uniti in pellegrinaggio, ma Faràssitsc non si era trovato mai libero, perchè impegnato continuamente in qualche nuovo affare. Non appena si era disbrigato di uno, che un altro gli capitava sulle braccia; ora era una domanda di matrimonio per la nipote, ora aspettava il figlio minore che tornava dall'aver fatto il soldato, oppure sorgeva la necessità di costruire qualche nuovo locale...

Un bel giorno di festa, i due vecchi s'incontrarono, e sedettero, l'uno a fianco dell'altro, sopra una trave.

– Come va la salute, batiùscka?... Quando ci decideremo a mandare in effetto il nostro voto? disse Eliseo.

Jefim corrugò le sopracciglia.

– Dobbiamo pazientare ancora un poco, rispose. L'annata è un po' pesante. Mi ero prefisso di finire la costruzione della nuova casa e di non spendervi che poco più di un centinaio di rubli, mentre ne ho speso oltre trecento, e non è neppure finita. Vedo che ne avrò per tutta la primavera. Ma, appena giunta l'estate, checchè accada, ci metteremo in viaggio.

– Secondo me, osservò Eliseo, non dovremmo rimandare ad altra epoca ciò che abbiamo stabilito di fare: la primavera è la stagione più propizia pei viaggi.

– La stagione è buona, è vero, ma i lavori sono cominciati. Come faccio a lasciare in tronco la mia costruzione!

– E non c'è tuo figlio per continuare i lavori?

– Sì; ma come li manderà avanti? Non posso fare assegnamento sul primogenito, perchè si ubbriaca.

– Senti, bàtiuska, quando saremo morti i nostri figli sapranno bene vivere senza di noi. Tuo figlio deve pure far da sè una buona volta.

– Hai

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Racconti e parabole

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori