Trova il tuo prossimo libro preferito

Abbonati oggi e leggi gratis per 30 giorni
Il gatto quantico: Racconti umoristici di fisica, scienza e universo

Il gatto quantico: Racconti umoristici di fisica, scienza e universo

Leggi anteprima

Il gatto quantico: Racconti umoristici di fisica, scienza e universo

Lunghezza:
90 pagine
1 ora
Pubblicato:
Dec 10, 2018
ISBN:
9788829571734
Formato:
Libro

Descrizione

Quello che state per leggere è un libro di scienza e non lo è: è contemporaneamente un testo di racconti umoristici e un piacevole spunto per comprendere i misteri della fisica moderna.
Similmente a quanto accade al gatto del famoso paradosso di Schrödinger, solo l’atto di leggerlo paleserà la sua reale essenza: nel gioco delle parti, voi siete l’osservatore cosciente che fa decadere il suo stato misto in un preciso e definito stato quantistico. Dovreste esserne entusiasti!
Pubblicato:
Dec 10, 2018
ISBN:
9788829571734
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Anteprima del libro

Il gatto quantico - Luca Montemagno

Il gatto quantico

Racconti umoristici di fisica, scienza e universo.

© Luca Montemagno/Fiorenzo Foglia

I edizione Ottobre 2018

A cura di Virgilio Mago - https://www.virgiliomago.it

Prefazione

Quello che state per leggere è un libro di scienza e non lo è: è contemporaneamente un testo di racconti umoristici e un piacevole spunto per comprendere i misteri della fisica moderna.

Come accade al gatto del famoso paradosso di Schrödinger, già solo l’atto di leggere questo libro paleserà la sua reale essenza: nel gioco delle parti, voi siete l’osservatore cosciente che fa decadere il suo stato misto in un preciso e definito stato quantistico.

Dovreste esserne entusiasti!

Fatta questa doverosa premessa, mi interessava illustrarvi i motivi che ci hanno spinto a scrivere questo testo e come è stato strutturato.

Ogni racconto è frutto dell’analisi e della voglia di sorridere delle stranezze della nuova fisica, che ha spalancato le porte a situazioni davvero paradossali: Dio, o chi per lui, è un gran burlone, oltre che un indiscusso genio.

Occhio però, questo libro non è un saggio scientifico e non ha la pretesa di esserlo!

Gli spunti di riflessione sui fenomeni descritti nei suoi surreali racconti sono solo un invito all’approfondimento; e se vorrete, in calce ad ogni storia è presente una breve introduzione teorica al fenomeno che l’ha ispirata. Sicuri che ciò solleticherà la vostra voglia di approfondire l’argomento – non appena vi sarete ripresi dai sorrisi che inevitabilmente vi si stamperanno sul viso.

Luca Montemagno

Manicaretti cosmici

La bambina osservava il suo gatto con espressione severa nei grandi occhi azzurro cielo.

Mio Dio, guardati, Fluffy. Hai bisogno di metterti a dieta! dichiarò la bimba.

Il micio non sembrava particolarmente toccato dalla considerazione e si guardava intorno in cerca di qualcosa di commestibile. Era un primo pomeriggio d’estate, quando nessuno osa popolare le strade e la canicola è tale che persino il sole sembra volersi rinfrescare tuffandosi nell’oceano a sera, quando il giorno si dà vinto al caldo e alla noia.

La ramanzina venne interrotta da un rumore assordante e da un odore di bruciaticcio proveniente dalla collina poco più avanti: una grande astronave grigia e fumante si era appena appoggiata a terra su zampe di metallo lucido. Strane creature cineree e umanoidi scesero e si diressero verso la frugoletta.

Xampus, ci siamo: è arrivato il momento di agire. Accenda il traduttore chitammuonico.

Operativo, Capo.

Peccato che i terrestri non hanno il detto ‘rubare le caramelle ai bambini’, perché si adatterebbe perfettamente al momento. Salve, curiosa e giovane creatura terrestre: noi veniamo in pace, ma affamati. Sappi che siamo viaggiatori planetari e siamo lieti di fare la tua conoscenza. Per arrivare fin qui abbiamo attraversato le sbuffanti fonti di elio su Giove ed affrontato i Gioviali, socievoli indigeni dalla voce buffissima soliti a importunare i visitatori con improbabili imitazioni. Abbiamo solcato i confini di Urano, un posto fatto di acqua, metano e ammoniaca – perfetto per sgrassare e candeggiare i nostri indumenti sporchi della polvere delle stelle e della cucina piuttosto unta di Xampus. Abbiamo perfino acquistato un appartamento su Plutone, salvo poi vederlo tristemente declassato a pianeta nano con conseguente perdita del suo valore immobiliare. Ed ora siamo qui, al tuo cospetto, con una richiesta che spero accetterai.

Chiamo la mamma?

No, cara. La mamma non serve. Semplicemente vorremmo proporti uno scambio equo, qualcosa che ci renda soddisfatti entrambi. Xampus, proceda con l’offerta!

Certo, capo! Ecco, vedi bambina, quello che vorremmo offrirti è questo nuovo ritrovato della tecnica in legno di forma panciuta ma affusolata alla base, che viene fatto ruotare velocemente sul suo asse verticale. Il tutto semplicemente in cambio del tuo appetitosissimo gatto.

Una trottolina? La bimba aveva un’aria perplessa.

Capo, non l’ha bevuta.

Insista Xampus.

Tenero virgulto, devi sapere che a noi i gatti piacciono. Tanto. Ma davvero tanto.

Oh, come al nonno! Lui è italiano, sai? ci racconta sempre dei gatti e di quando era giovane al suo paese, Vicenza.

Ecco, sì.

Mamma dice che ora che non ragiona più tanto bene ed è meglio non lasciarlo da solo con il micio.

Capitano, ha sentito?

Dunque ci sono buongustai anche qui! E vogliono questo gatto! Meglio alzare la posta, Xampus.

"Certo, Capo! Boccoluto essere senziente, sei più furba di quello che sembrava, ti rispetto per questo! Vuoi alzare il prezzo, ci sto! Ti offro, ti offro…

ecco! Un giro nella nostra astronave! Sarai il primo essere terrestre a visitarla senza essere cucin.. ehm, portato nello spazio. Che te ne pare?"

Avete i cartoni animati?

No.

Le giostre?

No. Ogni tanto il Capo vuole salire a cavalluccio, ma non conta.

Qualcosa di buono da mangiare?

Sì! Abbiamo il gelato!

Che gusti?

Gatto, variegato al caffè, zinco, limone e tizio che abitava in fondo al viale.

Non mi piace il limone.

Dovresti provare il gelato al tizio, allora.

Non mi va il gelato ora.

Fluffy (o, come lo chiamava a volte il nonno, Coniglio) non aveva perso d’occhio i due tizi appena arrivati. Con andamento pigro e piglio incerto portò la pancia fin lì e iniziò a strusciarsi loro addosso. Certo, i nuovi arrivati avevano il colorito grigiastro di chi non mangia abbastanza croccantini, ma non bisognava mai disperare, magari gli allungavano qualcosa comunque.

Capo, che buon odore che ha!

Il gatto ondeggiò la coda sotto il naso di Xampus.

Guarda come è grasso! Starebbe benissimo con dei tuberi di Urano e una spolverata di pecorino sardo!

Distratto dal gatto, Xampus fece cadere il mentecomando dell’astronave, e Fluffy ci balzò sopra pensando fosse cibo.

Il veivolo alieno spiccò un volo verticale da shuttle della NASA prima maniera, virò per qualche secondo in maniera obliqua e scostumata

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Il gatto quantico

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori