Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

100 ricette vegane di cucina cinese
100 ricette vegane di cucina cinese
100 ricette vegane di cucina cinese
E-book142 pagine1 ora

100 ricette vegane di cucina cinese

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Info su questo ebook

100 ricette vegane etniche di cucina cinese!
Per quanto la cucina italiana sia ottima, è bello ogni tanto variare, fare un tuffo nei sapori etnici vegani e scoprire le buonissime cucine del mondo: con questo eBook potrete provare la deliziosa cucina cinese vegana grazie a golose ricette vegane per tutti i gusti, oltre che facili da preparare.
La cucina della grande Cina è molto varia e ricchissima di gusto: perché non provarla nella vostra cucina?!
Questo ricettario vegano fornisce ben 100 ricette veg: dagli antipasti ai dolci, dai piatti unici al riso o ai famosi spaghetti di riso o di soia, potrete certamente trovare quello che fa per voi, sia come gusto che come preparazione.
Questo libro di cucina vegan adatto alle feste vi permetterà di cucinare con gusto anche se siete poco esperti: ogni ricetta è spiegata nel dettaglio, così tutti potranno realizzare facilmente il proprio menù di cucina cinese a casa propria.
Buon appetito cinese vegano!
LinguaItaliano
Data di uscita31 ott 2018
ISBN9788829541027
100 ricette vegane di cucina cinese
Leggi anteprima

Leggi altro di Diana Fringilla

Correlato a 100 ricette vegane di cucina cinese

Libri correlati

Articoli correlati

Recensioni su 100 ricette vegane di cucina cinese

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

    Anteprima del libro

    100 ricette vegane di cucina cinese - Diana Fringilla

    ringraziamenti

    Introduzione

    Per quanto la cucina italiana sia ottima, è bello ogni tanto variare e scoprire le buonissime cucine del mondo: con questo eBook potrete provare la deliziosa cucina cinese vegan, con golose ricette vegane per tutti i gusti oltre che facili da preparare.

    Questo ricettario veg fornisce ben 100 ricette: dagli antipasti ai dolci, dai piatti unici al riso o ai famosi spaghetti di riso o di soia, potrete certamente trovare quello che fa per voi, sia come gusto che come preparazione.

    Questo libro di cucina vegan per le feste vi permetterà di cucinare con gusto anche se siete poco esperti: ogni ricetta è spiegata nel dettaglio, così tutti potranno realizzare facilmente il proprio menù di cucina cinese a casa propria.

    Il presente eBook non contiene alcuna foto o immagine, questa scelta è stata fatta per contenere il costo finale: in ogni caso ne viene fatta segnalazione nella presente introduzione, visualizzabile nell’anteprima degli eStore, così che gli utenti ne siano consapevoli prima dell’acquisto.

    Buon appetito cinese vegano!

    Capitolo 1 – La cucina cinese in generale

    1.1 Le cucine della Cina

    La cucina cinese ha un’origine antichissima: in Cina, in siti archeologici risalenti all’età della pietra, sono stati ritrovati resti di spaghetti del tutto simili a quelli consumati oggi!

    In linea generale è sbagliato parlare di cucina cinese: sarebbe più corretto dire cucine cinesi dato che la grande Cina è una nazione molto vasta e, come per la piccola Italia, le varietà regionali ci sono e si fanno sentire. Le diverse cucine della Cina sono (almeno) dieci, ossia le cucine di: Shandong, Sichuan, Jiangsu, Guangdong, Hunan, Fujian, Anhui, Zhejiang, Shanghai e Pechino. A queste va poi aggiunta la così detta cucina di strada e le varianti fusion, in cui la cucina cinese si mescola a varie cucine di tutto il mondo (ma soprattutto alla cucina americana, italiana, giapponese, australiana o indiana).

    Per essendo antica, la cucina cinese si è evoluta enormemente nel tempo influenzata dalla necessità e dalle nuove scoperte: ad esempio l’abitudine di cuocere il cibo facendolo solo saltare nell’olio tagliato in piccoli tocchetti cuocendolo pochissimo, fu introdotta nel I secolo d.C. in seguito alla carenza di legname (e quindi alla necessità di tenere il fuoco acceso per il minor tempo possibile). Allo stesso modo i cinesi, instancabili commercianti, hanno importato nella loro terra molti nuovi ingredienti inventandosi originali modi per cucinarli: un esempio è quello delle spezie di tutto il mondo che, nella cucina cinese, trovano nuove e originali combinazioni.

    Molti dei piatti che sono diffusi a livello mondiale oggi sono, però, relativamente recenti: infatti risalgono a solo 400 anni fa!

    Ricette antiche di millenni a parte, la cucina cinese è caratteristica anche per il modo in cui viene servita: tradizionalmente i piatti da portata vengono posti al centro della tavola e ciascuno si serve con le proprie bacchette da essi. Ogni commensale ha a disposizione una ciotola di riso bianco e del tè (o della birra o del vino, nelle occasioni di festa) oltre che delle bacchette che, nella tradizione cinese, sostituiscono le nostre posate.

    Oggi, naturalmente, anche i cinesi mangiano, come noi, ciascuno dal proprio piatto ma l’uso delle bacchette è rimasto, come è preponderante in molti paesi asiatici: se avete voglia consiglio di imparare ad usare le bacchette, perché il cibo cinese si adatta molto di più ad essere mangiato con le bacchette che con forchetta e coltello!

    Altra caratteristica della cucina cinese è che il cibo non deve solo essere buono da mangiare ma anche bello da vedere: viene data grande importanza sia alla disposizione oltre all’accostamento di colori (anche della pietanza con il suo contenitore).

    Buono ma anche bello, la cucina cinese ha una grandissima varietà e una gamma di gusti immensa tra cui, sicuramente, riuscirete anche a trovare quello che fa per voi!

    1.2 Gli strumenti per cucinare cibo cinese

    Se è vero che ad un bravo cuoco può bastare un forno da campeggio e un coltello, è anche vero che per cucinare bene, soprattutto se non si è dei professionisti, è necessario qualche strumento di base. La cucina vegana, inoltre, può essere notevolmente arricchita dalla presenza in cucina di alcuni strumenti: ve ne sono di specifici e particolari, come l’essiccatore, ma io preferisco soffermarmi su strumenti base alla portata di tutti, sia per quanto riguarda la capacità culinaria che il costo.

    Per prima cosa i coltelli: cucinare verdura vuol dire tagliarla spesso finemente, quindi vi serviranno almeno un paio di coltelli affilati e/o seghettati. Un coltello a lama liscia e uno grande seghettato da pane sono altrettanto necessari.

    Dovrete frullare: un mixer ad immersione è la scelta sicuramente più comoda per la sua versatilità oltre che economica. In alternativa c’è la possibilità per i soli cibi cotti di usare un passa verdure, ma per i cibi crudi, in particolare le verdure, il mixer è davvero necessario.

    Per quanto riguarda le padelle dipende anche molto da quanto olio volete usare: il teflon o, più in generale, le pentole antiaderenti, sono perfette per limitare il consumo di olio. Volendo, il mercato offre una grande quantità di padelle: in ghisa, ferro, coccio.. ma l’antiaderente resta la scelta più comoda. Ricordate di procurarvi una spatola in legno o in silicone per rimestare il cibo in cottura nelle pentole antiaderenti: se lo fate con una forchetta rischiate di rigare la padella.

    Quindi: un paio di padelle antiaderenti a bordo basso sono molto utili. A queste dovrete accostare almeno un paio di pentole a bordo alto in acciaio di diverso diametro e almeno un pentolino piccolo. Per tutte queste pentole vi serviranno dei coperchi adatti.

    Tra la piccola utensileria vi servirà un colino, un ampio scolapasta (che serve a molte cose oltre che a scolare la pasta!!), un mattarello, uno spremi agrumi, una grattugia, un paio di forbici da cucina e almeno due taglieri. Inoltre servono sempre ciotole e ciotolone di diverse dimensioni.

    Per stendere la pasta potrebbe essere utile avere una macchina per fare la pasta a mano: si può fare anche con il solo uso del mattarello ma è davvero faticoso.

    Per il forno servono almeno una placca da forno e almeno due tortiere di dimensioni diverse.

    E questo è tutto il necessario che un bravo cuoco deve avere sempre in cucina.. ma se parliamo di cucina cinese serve anche altro!

    Per la cucina cinese vi servirà un cestello adattabile di acciaio per la cottura a vapore: costa poco e si adatta a pentole di diverse misure.. poi è ovvio che la vaporiera è più comoda ma è anche decisamente più costosa e occupa molto spazio.

    Strumento principe della cucina cinese è il wok, ma se non volete comprarlo, potete utilizzare tranquillamente anche una semplice padella antiaderente.

    Come ultimo elemento, anche se proprio uno strumento non è, consiglio di avere sempre a portata di mano della carta da forno: cucinando serve sempre e, nella cucina cinese, in modo particolare!

    E questo è davvero tutto!

    1.3 Comprare le materie prime e riciclare gli avanzi

    Prima di affrontare le ricette vere e proprie trattiamo la questione delle materie prime e dove reperirle.

    Le ricette proposte sono realizzate con materie prime facilmente reperibili sul mercato italiano: ormai ogni supermercato e anche alcuni mercati hanno il loro reparto etnico, trovare la salsa di soia o i germogli di soia non è davvero un problema. In ogni caso, per ogni ingrediente etnico presente nel ricettario, ho specificato quale ingrediente alternativo usare nel caso non riusciste a reperirlo.. fatto salvo,

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1