Goditi subito questo titolo e milioni di altri con una prova gratuita

Gratis per 30 giorni, poi $9.99/mese. Cancella quando vuoi.

La Notte della Taranta vista dal basso: diario dal backstage

La Notte della Taranta vista dal basso: diario dal backstage

Leggi anteprima

La Notte della Taranta vista dal basso: diario dal backstage

Lunghezza:
97 pagine
49 minuti
Pubblicato:
Sep 10, 2018
ISBN:
9788829504336
Formato:
Libro

Descrizione

La Notte della Taranta dal 1999 al 2015, raccontata dal bassista Silvio Cantoro, vissuta in prima linea sul palco e dietro le quinte. Gli incontri, le relazioni umane, gli arrivederci, gli addii, in un grande unico abbraccio dedicato a Sergio Torsello. Le testimonianze di Maurizio Dehò, Manolo Badrena, Vittorio Cosma, Stewart Copeland, Ambrogio Sparagna, Mauro Pagani e Phil Manzanera, in un diario di ricordi, ma non solo: anche un racconto sugli effetti meravigliosi che idee, capacità individuali e gioco di squadra possono produrre.
Pubblicato:
Sep 10, 2018
ISBN:
9788829504336
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a La Notte della Taranta vista dal basso

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

La Notte della Taranta vista dal basso - Silvio Maria Cantoro

Silvio M. Cantoro

La Notte della Taranta vista dal basso

diario dal backstage

UUID: f05a3d10-0059-11e9-8ca9-17532927e555

Questo libro è stato realizzato con StreetLib Write

http://write.streetlib.com

Indice

Prefazione

Il punto di vista

Edizione I

Edizione II

Edizione II

Edizione III

Edizione III

Edizione IV

Edizione V

Edizione V

Edizione VI

Edizione VI

Edizioni VII, VIII, IX

Edizioni VII, VIII, IX

Edizioni X, XI, XII

Edizioni X, XI, XII

Edizione XIII, XIV, XV

Edizione XVI, XVII

Ricordi

Edizione XVIII

Edizione XVIII

Edizione XIX

Incontri

Costruttori di cattedrali

A Segio Torsello

Prefazione

a cura di Sergio Blasi

I quattordici anni raccontati in questo diario da Silvio Cantoro sono ricchi di incontri, di conoscenze, di emozioni vissute e annotate. Per chi come me ha conosciuto personaggi ed interpreti di ciò che è scritto, nelle pagine che seguono, ha sortito l’effetto di una scudisciata. E come potrebbe essere diversamente quando si racconta dell’incontro con Milesi e Cosma, di leggende della musica mondiale come Zawinul, Copeland e Manzanera. O di come, Sparagna, Pagani e Sollima, ognuno con la propria cifra stilistica, hanno giocato tra tradizione ed innovazione, scrivendo spartiti memorabili della nostra musica moderna.

Ha un segno particolare il libro che vi troverete a leggere. È il primo libro su La Notte della Taranta scritto da un protagonista di quell'esperienza. Non è per sentito dire, ma chi scrive ha vissuto in prima persona dall'alto del suo basso, gli incontri, le prove, i concerti, le tournée. Le cene dopo i concerti, le discussioni, le risate, gli abbracci, gli arrivederci, gli addii. È uno spaccato sincero e vero dal punto di vista di uno degli unici e fondamentali protagonisti della Notte: un musicista.

E un festival musicale senza i musicisti non si può fare!

Quando poco prima ho scritto: è una scudisciata, è perché le pagine di Silvio Cantoro hanno risollevato in me le piaghe ma anche le carezze per una storia di eccezionale portata che ho avuto la fortuna di partorire e vivere intensamente, sino allo strappo dell’abbandono.

Battìti le mani gridava dal palco Piero Milesi, imitando, con il suo improbabile dialetto salentino dal vago accento milanese, il grido di battaglia di un giovanissimo Claudio Cavallo. Ma l’applauso più lungo e forte è per quei ragazzi salentini che si fecero musicisti per raccontare al mondo la storia di chi non aveva storia. I briganti salentini li chiamerà, nella sua autobiografia, Stewart Copeland. Briganti si! Con le loro incursioni e scorribande tra le parole e le note dei padri, sino alle loro di parole e di note. Ed è segnato nel cuore quello squillo di telefono che annunciava: ho registrato il mio primo disco. Dove te lo porto? Vorrei fartelo sentire.

Silvio ha sicuramente spolverato tra i suoi ricordi ma anche scovato tra le sue vecchie carte, tra i fogli della scaletta con le note a lato e riaperto il cassetto dove erano custoditi i pass dei quattordici concertoni di Melpignano ma anche i pass dei tanti concerti in giro per l’Italia ed il mondo. E già, il mondo!

Ma chi l’avrebbe mai detto che una vicenda nata nella piccola Piazza San Giorgio di Melpignano e poi trasferitasi sul prato del convento degli Agostiniani, sarebbe passata dal racconto della cronaca di una periferia, al riflesso di una storia dal valore universale! In forza di un unico ed insostituibile ingrediente: il sapere del popolo. Di un popolo, non di una somma di individui, di una folla solitaria. Ma uomini e donne che attraverso il loro sapere, la loro identità, si accordano in comunità.

È delicato il racconto di Silvio, anche quando ci consegna i momenti più difficili e critici di una esperienza che a lui stesso pare impensabile se non l’avesse vissuta in prima persona. Si fa amorevole il racconto di Silvio Cantoro quando parla di una persona a lui e a me cara, a cui questo libro è dedicato: Sergio Torsello.

Non è questo il foglio su cui scrivere di Sergio. E non voglio rischiare la retorica per una persona che retorica non era per niente. Ma fiera e robusta nella sua mitezza. Quel 19 di aprile 2015 mi sono sentito improvvisamente solo. Mi sono sentito improvvisamente nudo. Mi è mancato all’improvviso il

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di La Notte della Taranta vista dal basso

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori