Goditi subito questo titolo e milioni di altri con una prova gratuita

Solo $9.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Una Partita a Scacchi

Una Partita a Scacchi

Leggi anteprima

Una Partita a Scacchi

Lunghezza:
42 pagine
20 minuti
Pubblicato:
Aug 29, 2018
ISBN:
9788833461908
Formato:
Libro

Descrizione

Opera teatrale in versi di Giuseppe Giacosa, Una partita a scacchi venne rappresentata per la prima volta all'Accademia Filarmonica di Napoli il 30 aprile 1873, dove venne messa in scena da Achille Torelli. L'azione si svolge nel castello di Renato, in Valle d'Aosta, nel XIV secolo. Il vecchio Renato e la figlia Iolanda sono soli. Renato ha un cruccio: la figlia non è ancora sposata ed egli desidererebbe che si trovasse un marito e gli donasse dei nipoti, ma Iolanda non ha finora accettato nessuna delle proposte ricevute. Giunge al castello, per rendere omaggio a Renato, il vecchio amico Oliviero, conte di Fombrone. Oliviero è accompagnato dal paggio Fernando, un giovane orfano e coraggioso che nel viaggio verso il castello ha saputo salvare Oliviero e il suo piccolo seguito da una banda di pericolosi masnadieri. Renato ammira il coraggio di Fernando, ma ne biasima l'eccessivo orgoglio. Decide perciò di metterlo alla prova, invitandolo a una partita a scacchi con Iolanda, gioco in cui la giovane eccelle. Se Fernando vincerà, sarà sposo di Iolanda, se perderà - gli dice senza farsi udire dagli altri - la pena sarà la morte...
Pubblicato:
Aug 29, 2018
ISBN:
9788833461908
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Una Partita a Scacchi

Libri correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Anteprima del libro

Una Partita a Scacchi - Giuseppe Giacosa

Pubblicato da Ali Ribelli Edizioni.

www.aliribelli.com - redazione@aliribelli.com

GIUSEPPE GIACOSA

Una Partita a Scacchi

Leggenda drammatica in un atto

Sommario

PROLOGO

ATTO UNICO

SCENA I

SCENA II

PROLOGO

Di questa fiaba in versi ho tolto l’argomento

Da una romanza scritta circa il mille e trecento.

A dire il vero, in calce la data non ci sta,

Epperò nei cent’anni spaziate in libertà.

Mezzo secolo prima, mezzo secolo poi,

A me non giova nulla, e poco importa a voi.

La romanza era scritta in lingua provenzale,

In quel metro monotono, cadenzato ed eguale,

Che infastidisce i nervi qual tocco di campana:

Ma in quella cantilena, per dissonanza strana,

C’era un fare spigliato, un’andatura snella,

Che mi costrinse a leggerla ed a trovarla bella.

Qui calza una parentesi. - Non vorrei che il lettore

Avesse per sua grazia a credermi impostore,

Pensando che allo scopo di accrescere l’effetto,

Accollassi ad un altro le mende del soggetto. -

Benché un poeta in genere a nessun sia secondo

Nel mestiere invidiabile di fare il gabbamondo,

E benché di siffatti artifizi dolosi

Anche Manzoni adopri là nei Promessi Sposi,

E benché se allo scritto mi tornasse efficace,

Io pure vi confessi che ne sarei capace,

Tuttavia questa volta vi prego, e son sincero,

Di credere che quanto v’ho raccontato, è vero.

Era un giorno d’autunno. - Singolare stagione

Che v’annebbia il cervello in barba alla ragione,

Sia vapor di vendemmia che impregna l’atmosfera,

Siano i fumi che i prati esalano alla sera,

Sia la pioggia imminente che

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Una Partita a Scacchi

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori