Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

I Viaggiatori nel Tempo - Libro 2 - L'Impatto: I Viaggiatori nel Tempo
I Viaggiatori nel Tempo - Libro 2 - L'Impatto: I Viaggiatori nel Tempo
I Viaggiatori nel Tempo - Libro 2 - L'Impatto: I Viaggiatori nel Tempo
E-book135 pagine1 ora

I Viaggiatori nel Tempo - Libro 2 - L'Impatto: I Viaggiatori nel Tempo

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Info su questo ebook

La scoperta di Holly di una strana scatola nella sua soffitta ha portato a delle conseguenze inaspettate. Con l'aiuto di suo fratello è riuscita a viaggiare indietro nel tempo, ma questa decisione avventata potrebbe avere degli effetti irreversibili che il gruppo di ragazzi non sarà in grado di cambiare.

Holly, suo fratello e la sua migliore amica, Kate, presto scopriranno che i viaggi nel tempo non sono una cosa da prendere alla leggera e che delle regole ferree devono essere fissate se vogliono restare al sicuro. Ma con l'arrivo di una nuova scoperta, scopriranno che il loro mondo è diventato più pazzo che mai.

Come farà Holly a vedersela con la bulla della scuola, e diventerà mai davvero amica di Zac Fredericks? Holly e suo fratello scopriranno finalmente cosa è successo al loro padre e se il loro nonno è coinvolto nella sua scomparsa?

Questa storia è piena di suspense e sconvolgimenti che vi terranno incollati e vi costringeranno a leggere ancora. Questo è un eccitante libro per qualsiasi giovane lettore a cui piacciono storie con suspense e mistero, una storia grandiosa che vi terrà in sospeso fino alla fine!

LinguaItaliano
Data di uscita22 ago 2018
ISBN9781547535217
I Viaggiatori nel Tempo - Libro 2 - L'Impatto: I Viaggiatori nel Tempo
Leggi anteprima
Autore

Katrina Kahler

Katrina Kahler is a World-Class educator who has been nominated for the National Inspirational Teaching Award. She is the co-author of 'The Parenting Trap' series, which include a variety of books that will assist parents in raising happy, confident and successful children. She is a highly experienced school teacher, speaker and parenting adviser and her passion involves helping kids to reach their full potential...academically, socially and personally. Her website www.howtohelpchildren.com contains over 300 videos helping children with their school work as well as their personal and social skills. Katrina's fiction books for children include Diary of a Horse Mad Girl (a series of 5 books) that horse loving girls around the world are thoroughly enjoying and the Julia Jones series. This inspirational series deals with the emotional traumas that young girls experience...friendship problems, bullying...and the stories teach young children to be more confident and positive. All of these books suit children aged from 9 to 13. Teaching thousands of young children to read, spell and write has given Katrina the knowledge and skills to produce a series of Early Readers for children aged from 2 to 6. This series is called Rabbit Readers. These simple books with repeated text, pictures to aid comprehension and prediction skills, sight words and parent advice, will help your child to become a fluent and confident reader. She has also written a number of books on the Dolche sight words and essential phonics for beginner readers. Click on the books tab to have a look at this collection of books. What an advantage your child will have when you download these books for them. Watch their confidence and interest in reading blossom. Katrina lives on the beautiful Sunshine Coast in Queensland Australia with her husband, two wonderful teenagers and two very affectionate and friendly pets, a golden retriever and a ginger cat. Up until recently Katrina lived on a 10 acre property and her daughter and son enjoyed the country lifestyle with horses and motorcycles. From these experiences Katrina has written many of her books which are based on their true life experiences. Diary of a Horse Mad Girl and Diary of a Motorcycle Crazy Boy are the result, with many readers falling in love with Katrina's family's adventures. Her mission in life is to help as many children as possible to grow up to be happy, confident and successful. Parents are the most important part of her mission, so her goal is to assist parents to learn the skills they need to help their children to achieve their full potential.

Leggi altro di Katrina Kahler

Correlato a I Viaggiatori nel Tempo - Libro 2 - L'Impatto

Recensioni su I Viaggiatori nel Tempo - Libro 2 - L'Impatto

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    I Viaggiatori nel Tempo - Libro 2 - L'Impatto - Katrina Kahler

    Libro 2

    ––––––––

    L'Impatto

    Capitolo 1

    Mi fissai la mano, che stava sparendo davanti ai miei occhi. La me del passato aveva la bocca aperta in un silenzio pieno di orrore. Io ero pronta ad unirmi a lei quando una mano si chiuse intorno alla mia spalla e mi trascinò verso la porta aperta del seminterrato, prendendomi il calibratore dalla mano mentre ci muovevamo.

    Cosa stai facendo? Chiesi ad Oliver mentre lui e Kate mi guidavano verso il seminterrato.

    Stavo ancora svanendo nel nulla e Kate saltava sul posto mentre veniva assalita dal panico. Oliver trafficò freneticamente con il dispositivo, senza rispondere alla mia domanda.

    Oliver!

    Le sue mani tremavano mentre maneggiava il dispositivo ed il calibratore. Non dovresti vedere te stessa! Dobbiamo andarcene da qui. ORA! Mormorò qualcosa sottovoce mentre le sue dita si muovevano veloci, cercando di far funzionare di nuovo la macchina.

    Un altro dito svanì davanti ai miei occhi. Oliver, che succede se non riusciamo a tornare indietro? Chiesi, con la voce che tremava dalla paura. Oliver!

    Scomparirai urlò lui. Io mi gelai a sentire le sue parole. Scomparirai per sempre.

    Sussultai mentre il mio mignolo spariva. Per favore sbrigati lo implorai.

    Lui spostò la sua attenzione di nuovo verso la scatola e qualche secondo dopo essa tornò in vita ronzando, con la familiare luce blu che ne emanava. Lui schiacciò i pulsanti e girò le manopole, chiamando me e Kate affinché ci avvicinassimo in fretta.

    Al piano di sopra, sentii le mie stesse urla e la porta d'ingresso che si apriva. L'altra me stava gridando per richiamare mamma ed Oliver. Potevo sentire i suoni chiaramente. Ma allo stesso tempo il seminterrato aveva cominciato a vibrare e tremare come aveva fatto prima, quando eravamo scomparsi nel passato. La luce scoppiettò fuori dalle braccia di Oliver e la stessa sensazione di intontimento mi colpì di nuovo. Questa volta però non riuscì a farmi ridere. Non quando tutta la mia mano, che avevo provato a mettere sul braccio di Oliver, era scomparsa. Strinsi saldamente la mano di Kate con la mia altra mano, che per il momento era ancora intatta. Tutto intorno a noi svariati oggetti di diverse forme e dimensioni si sollevarono e fluttuarono in aria.

    Ci ritrovammo a girare su noi stessi così velocemente da farmi temere che questa volta mi sarei sentita male, poi con un scoppio rumoroso tutto si fermò all'improvviso, e finimmo in piedi nello stesso esatto punto nel seminterrato. Oliver tenne stretta la macchina mentre il ronzio rallentava e la  luce blu ritornava dentro di essa.

    L'abbiamo fatto? Chiesi, troppo spaventata per controllare e vedere se ero di nuovo tutta intera. Oliver? Kate? Qualcuno mi può almeno dire se la mia mano è tornata?

    Sì, la tua mano è tornata esclamò Kate, afferrandola per darmi la conferma.

    Lanciai un'occhiata e, vedendola stretta in quella di lei, scivolai per terra dal sollievo. Oliver rimise la macchina sul tavolo da lavoro e controllò l'orologio nel seminterrato, poi prese il suo telefono e controllò anche quello. Oh mio Dio, siamo riusciti a tornare.

    14:05

    Sabato 23 Marzo

    Io voto per non rifarlo mugugnai dal pavimento, fissando verso il soffitto. Tipo mai più.

    Kate si accasciò accanto a me, annuendo per mostrarsi d'accordo, ma Oliver rimase silenzioso. Mi tirai a sedere abbastanza da vederlo stravaccato sullo sgabello e, con mia gran sorpresa, sorridente come un folle.

    Oliver?

    Lui si girò lentamente per fissarci e gli sfuggì una risata. Hai la più pallida  idea di cosa abbiamo appena fatto? Chiese fra le risate. Sai cosa vuol dire?

    Sì, vuol dire che tua sorella è quasi scomparsa gli ricordai infastidita.

    Oltre a quello.

    Il mio sopracciglio si sollevò di scatto. Oltre a quello? Wow, che fratello amorevole che sei. Appoggiai la testa all'indietro sul pavimento di cemento freddo, inorridendo per le ragnatele tra le travi sopra di me. Perché non ce l'hai detto prima del viaggio?

    Dirvi cosa?

    Che saremmo potute scomparire, scemo!

    Oh, sì, volevo farlo, ma ho pensato che ci avrei portati al giorno giusto e non avremmo dovuto preoccuparcene.

    Mi diedi una manata in fronte per far vedere a mio fratello di come si fosse dimenticato di una regola così fondamentale.

    Perché sarebbe dovuta scomparire solo per aver visto la sé del passato? Chiese Kate.

    Era negli appunti, ma non mi ci sono addentrato troppo mugugnò lui, girandosi per cercare tra le pile di appunti di nostro nonno. Diceva solo che non era una buona idea, ma pensavo intendesse che i noi stessi del passato potessero spaventarsi o qualcosa del genere.

    Non che quella persona sarebbe scomparsa nel nulla? Borbottai.

    Senti, Holly, mi dispiace davvero, va bene? Ma siamo riusciti a tornare e devi ammetterlo, fino a che non hai incrociato te stessa, è stato abbastanza incredibile.

    Mi tirai a sedere e non riuscii ad evitare di sorridere a mio fratello. Il suo eccitamento era contagioso. Immagino che sia abbastanza forte. Fantastico in realtà!

    Dopo che la mia quasi-sparizione ebbe lasciato che il mio cervello processasse quello che avevamo appena fatto, rimasi sbalordita. Eravamo andati indietro nel tempo. Tipo, davvero indietro nel tempo. Avevo visto me stessa. Avevo sentito le voci di mamma e di Oliver. Com'è mai possibile? Mormorai, più a me stessa che davvero perché cercassi una risposta. Dubitavo che avrei capito qualcosa di quello che mio fratello aveva da dire sulla questione in ogni caso.

    Oliver stava di nuovo esaminando delle pile di carta sul tavolo da lavoro. Devo continuare a leggere questi appunti, ma penso che abbiamo fatto un primo passo enorme.

    Già gli diedi ragione, e finalmente mi rimisi in piedi. Kate tenne sollevata la sua mano e, roteando gli occhi in maniera plateale, mi allungai per tirarla su con me.  Aspetteremo per farlo di nuovo, vero? Fissai le mie mani, felice di vederle di nuovo entrambe intere, non ero affatto pronta a vederle scomparire nuovamente.

    Probabilmente sarà più sicuro aspettare finché non avremo avuto la possibilità di analizzare questi appunti ancora un po' ammise Oliver, e vidi il senso di colpa sulla sua faccia. Era più turbato per la mia quasi-sparizione di quanto avessi pensato.

    Attraversai il seminterrato per raggiungerlo e mi appoggiai al suo braccio. Le sue mani smisero si muoversi intorno ai fogli e appoggiò la sua guancia sopra la mia testa.

    Mi dispiace davvero tanto sussurrò. Per quanto tu mi faccia diventare pazzo, la vita sarebbe abbastanza noiosa senza averti intorno a darmi fastidio. O a trovare nuovi modi per mettermi nei guai sorrise.

    Ti perdono. Ma possiamo fare un patto adesso che sappiamo quanto tutto questo possa essere pericoloso?

    Cos'hai in mente?

    Non si usa questo coso da soli. Per favore! Dissi inflessibilmente. Non voglio che tu pensi che sai cosa stai facendo, poi tutto va storto e io perdo mio fratello.

    La prossima volta che lo fate voglio venire anche io! Si aggiunse Kate allegramente.

    Ci girammo per guardarla e io feci su e giù con la testa di sì, aspettando che Oliver dicesse di no. E invece anche lui fu d'accordo. Perché no? Ne è già a conoscenza e finché non lo dice a nessuno, non vedo perché non possa restare nei paraggi. Potrebbe non essere una cattiva idea avere tre persone annuì.

    Io allungai la mano. Bene allora, saremo i Tre Moschettieri del Tempo annunciai.

    Oliver mi diede un'occhiata assente, ma Kate decise di stare al gioco e appoggiò la mano sopra alla mia. Oh, andiamo, Oliver sorrise, sbattendo le ciglia verso di lui, facendolo diventare di tre tonalità di rosso diverse. "Tutti i gruppi come

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1