Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Adele: L'ultima 'Berta' che filava

Adele: L'ultima 'Berta' che filava

Leggi anteprima

Adele: L'ultima 'Berta' che filava

Lunghezza:
107 pagine
54 minuti
Pubblicato:
5 giu 2019
ISBN:
9788866602651
Formato:
Libro

Descrizione

Adele all’età di cinque anni inizia a cucire, ricamare e lavorare a maglia. Ben presto la passione per l’arte sartoriale prende il sopravvento e Adele decide di inseguire quello che considera un sogno.
La sartoria è il suo mondo, anche se negli anni settanta una giovane e ingenua Adele accetta di sfilare per i grandi nomi dell’alta moda: Cavalli, le sorelle Fontana, Veneziani, Christian Dior e altri. Sfila a Firenze, Milano, Parigi e diventa testimonial di prestigiose ditte di cosmetici dal respiro internazionale. Scoprì ben presto che quel mondo non le apparteneva e tornò a dedicarsi a tempo pieno alla sartoria fino a qualche anno fa.
Una vita fatta di lavoro incessante, passione e dedizione, testimoniato da vari premi e onorificenze ricevute verso la fine della sua carriera. Una vita che vale la pena di raccontare in un libro.
Pubblicato:
5 giu 2019
ISBN:
9788866602651
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Adele

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Adele - Adele Grigolin

Tavola dei Contenuti (TOC)

Titolo pagina

Prologo

La leggenda di Berta

Capitolo 1

La mia città

Capitolo 2

La mia fattoria

Capitolo 3

Mamma Antonia e il Catajo

Capitolo 4

L’hotel Trieste e la Grande Guerra

Capitolo 5

La mia infanzia

Capitolo 6

Invasione nazista

Capitolo 7

La fine della guerra e l’inizio di tutto

Capitolo 8

L’arte della sartoria

Capitolo 9

Vita nuova

Capitolo 10

Adele, la sarta

Capitolo 11

Adele, la modella

Capitolo 12

Premiato l’impegno di una vita

Capitolo 13

L’Adele privata

BIOGRAFIA AUTRICE

BIOGRAFIA DEL CURATORE

Adele Grigolin

ADELE

L’ULTIMA ‘BERTA’ CHE FILAVA

Biografia curata da

CARLO SANTI

Editore e Scrittore

ISBN versione digitale

ISBN 978-88-6660-264-4

ADELE

L’ultima ‘Berta’ che filava

Autore: Adele Grigolin

Biografia curata da: Carlo Santi

© CIESSE Edizioni

www.ciessedizioni.it

info@ciessedizioni.it - ciessedizioni@pec.it

I Edizione stampata nel mese di ottobre 2018

Progetto copertina: © CIESSE Edizioni

In foto di copertina: Adele Grigolin

Collana: Bio

PROPRIETA’ LETTERARIA RISERVATA

Tutti i diritti sono riservati. È vietata ogni riproduzione dell’opera, anche parziale, pertanto nessuno stralcio di questa pubblicazione potrà essere riprodotto, distribuito o trasmesso in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo senza che l’Editore abbia prestato preventivamente il consenso.

Pur se ispirato a storia vera, per necessità narrativa i nomi dei personaggi sono stati in parte cambiati. Qualsiasi somiglianza con persone reali, viventi o defunte, eventi o luoghi esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Prologo

La leggenda di Berta

E

Berta filava…

Esiste la frase ‘È passato il tempo che Berta filava’ che sta a significare che le occasioni propizie e favorevoli si verificano una sola volta e non possono ripetersi, quindi andrebbero colte quando queste si presentano, senza tergiversare.

L’origine di questo proverbio prende spunto da una leggenda del XI secolo, nata nel territorio di Montegrotto Terme in provincia di Padova, quando al tempo il Comune si chiamava ‘San Pietro Montagnon’.

La leggenda parla che nel 1084 Enrico IV di Germania, diretto a Roma per essere incoronato imperatore, avesse fatto sosta con il suo seguito a Padova, città alleata, da qui si recò a ricevere l’omaggio dei feudatari fedeli alla corona. Tra questi c’erano i signori da Montagnon nelle cui terre si trovavano le fonti d’acqua termale, note sin dall’età romana per le loro proprietà curative.

Qui avvenne l’incontro tra la regina Bertha di Savoia, moglie di Enrico IV, e una giovane popolana di nome Berta (ma senza la ‘h’). La tradizione racconta che il giovane Raniero, grande amore della popolana Berta, era stato arrestato dalle guardie del feudatario perché non aveva potuto pagare le decime sul raccolto dovute al signore del luogo.

Berta allora, sfidando le rigidissime convenzioni del tempo, aspettò il corteo della regina per gettarsi ai suoi piedi e supplicarla di salvare Raniero, offrendole come segno della sua devozione una matassa di lana da lei filata.

La regina si commosse e ottenuta la grazia per Raniero, concesse a Berta tanta terra quanta ne poteva circondare il filo della matassa che aveva offerto in dono. Il filo bastò a cingere il colle che sorge a ridosso del centro di Montegrotto Terme.

Sul colle fu eretta una torre detta ‘di Berta’, tuttora visibile. Sull’esempio di Berta altre contadine offrirono alla regina matasse di filo, ma a tutte loro la regina rispondeva: «È passato il tempo che Berta filava».

La Torre di Berta

Non tutte le storie tramandate di generazione in generazione debbono essere per forza delle vicende leggendarie e fantasiose, esiste sempre un fondo di verità in ciascuna di esse. La veridicità di questa storia non è confermata né sconfessata, fatto sta che in quel di Montegrotto Terme si celebra ancora oggi una rappresentazione della storia di Berta, coincidente con il mese di settembre.

E persino Rino Gaetano fu ispirato da tale leggenda quando scrisse la canzone ‘E Berta filava’.

Comunque fosse, che sia esistita o meno non è importante in questa occasione. Anche se è passato il tempo di Berta, io mi considero quale ultima ‘Berta che filava’, avendo colto di fatto le occasioni propizie e favorevoli che mi si sono presentate di fronte a me durante la vita e avendo ricevuto grandi soddisfazioni proprio dai tantissimi ‘fili di lana’ che ho realizzato in tutto questo tempo.

Credo che ogni vita sia meritoria di attenzione e andrebbe raccontata, la mia è stata colma di passione, di

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Adele

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori