Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Innovazione a tutto gas ! Da cento anni di Motorsport il carburante all'innovazione in azienda

Innovazione a tutto gas ! Da cento anni di Motorsport il carburante all'innovazione in azienda

Leggi anteprima

Innovazione a tutto gas ! Da cento anni di Motorsport il carburante all'innovazione in azienda

Lunghezza:
195 pagine
2 ore
Pubblicato:
24 gen 2018
ISBN:
9781370700639
Formato:
Libro

Descrizione

Dal passato, presente e futuro del Motorsport i ‘Trucchi di set up’ e il ‘Pronti alla partenza?’ dell’innovare
L’innovazione è un tema sempre più discusso e approfondito da vari punti di vista. Se ne parla molto ma poi si mette veramente in pratica? Possiamo anche essere originali e creativi, ma questo porta a risultati tangibili e auspicati? Perché ci aspettavamo proprio quei risultati? Il tutto contribuisce veramente a migliorare l’efficacia, l’efficienza delle nostre aziende in un contesto economico e sociale in continuo caotico cambiamento? Oggi fattori che avevamo considerato per molto tempo dei punti di riferimento, vengono a mancare; e allora come riusciamo ad andare avanti? Dobbiamo innovare! Vedere le cose da una prospettiva diversa, ‘mischiare le carte’ che abbiamo a disposizione, trovarne di nuove e soprattutto agire!
Agire rendendoci conto che c’è, innanzi tutto, una profonda differenza fra creatività e innovazione: la prima è un importante esercizio concettuale; la seconda si manifesta quando questo esercizio viene apprezzato come soluzione vincente, valorizzata da chi ne trae beneficio e dal mercato. Di aziende creative ce ne sono molte, ma troppe hanno un modello di business non sostenibile perché non rapportato all’innovazione reale. Noi ci vogliamo concentrare su quel tipo di innovazione apprezzata e valorizzata perché risolve in modo efficace problemi pratici generando soluzioni vere, ricchezza, produttività sia fuori sia dentro i centri di ricerca e sviluppo aziendali. Che ci piaccia o no nel contesto attuale c’è necessità di molta dinamicità ed è indispensabile vedere l’innovazione come possibile, concreta, forza propulsiva alla sopravvivenza e allo sviluppo delle nostre aziende.
L’innovare è costituito da molta sperimentazione: si aprono, si richiudono e si modificano nuovi scenari sempre più rapidamente e in un modo sempre più esasperato come nelle competizioni sportive professionistiche. Da sempre chi scrive è appassionato del mondo delle quattro ruote ‘da corsa’ e contemporaneamente calato al confronto attivo e risolutivo con opportunità e problematiche aziendali in Italia e all’estero. Proprio per questo è nata la riflessione su ciò che chi scrive considera un forte parallelo fra il mondo dell’automobilismo e quello della gestione aziendale, soprattutto quando ci si trova a dover agire in contesti complessi, caotici e in rapidissimo cambiamento come quelli attuali (e verosimilmente anche futuri).
La sezione introduttiva del volume è dedicata all’innovazione gestionale nel mondo dell’automobilismo, anticipando considerazioni che sintetizzano ed esemplificano i vari temi approfonditi nel libro. Infatti, se vogliamo comprendere al meglio il parallelismo fra il mondo delle aziende e l’automobilismo è necessario guardare il mondo delle corse da un punto di vista gestionale non distorto dalle forze di puro business finanziario e deformazione mediatica della Formula 1.
Una volta definito questo contesto procederemo ad approfondire come e perché l’innovazione ha fatto, fa e farà sempre, la differenza nel mondo dell’automobilismo e anche nel mondo aziendale. Procederemo distinguendo fra due tipi di innovazione: quella ‘fatta sul campo’, intuitiva, estemporanea, generata nell’istante; e quella ‘fatta a tavolino’, studiata, ponderata, ricercata. Entrambe sono importanti e devono integrarsi; entrambe richiedono di essere messe in pratica con consapevolezza allo scopo di essere appieno valorizzate. Sia la prima parte ‘sul campo’, sia la seconda ‘a tavolino’, saranno composte da una breve introduzione a ciascun aneddoto rappresentativo di un concetto e al termine di ciascun aneddoto saranno inseriti spunti di riflessione (‘Trucchi di set-up’) e stimoli a concreti piani d’azione (‘Pronti alla partenza?’).

Pubblicato:
24 gen 2018
ISBN:
9781370700639
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore

My motto is 'Innovation Through: Knowledge for Action & Action for Knowledge - Stimulating Critical Thinking, Facilitating Practical Action!' I define myself as an "ideas and practices entrepreneur";​ focusing on concretely contributing to fulfil the potential of growth and continuos improvement of small to mid sized organisations. I do that by identifying, understanding and releasing the real potential of people from a cross cultural global perspective: stimulate the unleashing of creativity and genuine innovation. All of this driven by an aware sense of authenticity and self-knowledge practiced on a day to day basis. The globe is more then ever an opportunity for self knowledge, progress and actual lasting growth! I am lucky enough to experience all of this directly from an actual diverse global perspective on a daily basis. Connecting companies and people across countries and continents to progress together has become a way to value and constantly develop my know-how and my experience. The world is not flat! It is powerfully filled with colours, diversity and opportunities! Let's develop them together! In particular I focus to develop Innovation driven processes for Organisational and Knowledge development and sharing; this with a particular focus on the Motorsport Industry. Additional integrated topics to this are relevant to Talent Development, Leadership and Communication.


Anteprima del libro

Innovazione a tutto gas ! Da cento anni di Motorsport il carburante all'innovazione in azienda - Riccardo Paterni

Riccardo Paterni

Innovazione a tutto gas!

Da cento anni di Motorsport il carburante all’innovazione in azienda

Presentazione di Riccardo Ceccarelli

Introduzione di Eros di Prima

Appendice di Samit s. Naik

ISBN: 9781370700639

Illustrazioni di Kishor Amarnath Patil

Copyright Riccardo Paterni

Le curve sono le mie risorse (Tazio Nuvolari)

Se hai tutto sotto controllo vuol dire che vai piano (Mario Andretti)

L’innovazione non è un prodotto di un pensiero logico anche se i suoi risultati sono legati a una struttura logica (Albert Einstein)

L’innovazione distingue fra chi è davanti e chi insegue (Steve Jobs)

Sommario

Presentazione

Prefazione

Introduzione

Dall’India con ispirazione

Trovare opportunità nelle avversità

Fare di più con meno

Pensare e agire con flessibilità

Mantenere il tutto su un piano di semplicità

Innovare includendo chi viene da altri settori

Seguire il cuore

Lezioni di motorsport

Intraprendere attività di esplorazione in senso più ampio

Utilizzare in modo fresco know-how che già abbiamo

Stabilire forme di partnership con aziende di altri settori

Coltivare un senso di reciproca fiducia professionale

Promuovere l’utilizzo del ‘pensiero laterale’

Considerazioni finali, anzi di inizio del viaggio verso l’innovare

Appendice

Bibliografia essenziale

Ringraziamenti

Come sempre avviene un libro è frutto di un lungo lavoro che inizia molto prima dell’idea di scriverlo. Sono in molti che, consapevolmente o no, mi hanno dato spunti per farlo sia dal lato del Motorsport che da quello aziendale. Per alcuni di loro lo stimolo e il supporto a rendere realtà il progetto è stato più consapevole e mirato. Voglio ringraziare: Eros e Samit per i contributi importanti che hanno dato e per come continuamente ci contagiamo con ‘idee pazze’ che poi riusciamo a far diventare realtà (almeno la maggior parte delle volte) e questo libro ne è testimonianza (quante ne faremo ancora assieme in giro per il mondo!); l’editore, Mauro Tonoli, per aver avuto fiducia fin dall’inizio nel progetto e l’amico Beppe Gabbiani per avermelo presentato; l’amico Riccardo Ceccarelli per la Presentazione che ha scritto e per il contributo dato al progetto, lui è una persona che molte volte mi ha ispirato attraverso le nostre conversazioni, sempre rapide ma di sostanza perché ricche di spunti sull’imprenditoria e l’innovazione in cui il mondo del Motorsport si intreccia con quello aziendale; l’amico Stefano Bortoletto per aver contribuito in modo fattivo e sostanziale al libro con la sua esperienza e cultura legata al mondo dell’auto e dell’automobilismo che fu; l’amico Alessandro Cino, soprattutto per la sua cultura nel Motorsport, che mi ha influenzato sotto vari punti di vista, e anche per la sua creatività di fotografo; l’amico Lorenzo Senna per la contagiosa passione con la quale ha deciso di fare il costruttore di auto da corsa; l’artista indiano Kishor Amarnath Patil per le immagini originali. Infine, per ultima, ma per molti aspetti sicuramente per prima, voglio ringraziare mia moglie Julia per il supporto fattivo e la pazienza mostrata (sia sulle piste che a fianco delle varie ‘postazioni di scrittura’).

Presentazione

Riccardo Ceccarelli

Ogni genere animale subisce un lento processo di cambiamenti che lo porta ad adattarsi meglio all’ambiente per permettere la sopravvivenza della specie. Alla base di questo processo, che dura da milioni di anni, ci sono vere e proprie modificazioni genetiche che si riflettono sia sugli aspetti fisici che comportamentali.

«Evoluzione» è il termine con cui comunemente indichiamo questo concetto. L’uomo si distingue dagli altri animali proprio perché la sua evoluzione è stata infinitamente più rapida e questo ci ha portato a seguire dei modelli di vita che ormai hanno poco da condividere con il resto del regno animale.

Nell’era moderna i cambiamenti intorno al genere umano sono stati talmente esponenziali che oggi la parola evoluzione non ci si addice più perché ha un significato troppo statico, e quindi è stata sostituita da un termine più dinamico, il «progresso», inteso come una casa dalle dimensioni infinite che ogni giorno si arricchisce di qualche mattone, chiamato «innovazione».

Anche se cambiano i termini i concetti rimangono quelli di milioni di anni fa. Scoperte ed innovazioni hanno praticamente lo stesso significato, ed infatti il fuoco, la ruota, le medicine, il motore a scoppio, i computer ed i cellulari, apparentemente così distanti, in realtà sono figli dello stesso padre che è l’istinto che ci accomuna nel guardare avanti per cercare quello che ancora ci manca e che, almeno in teoria, potrebbe farci stare meglio.

Tutti noi, più o meno consciamente, ogni giorno siamo animati dalla ricerca di qualcosa di nuovo, che sia un vestito, una macchina, una casa, un lavoro, un luogo dove vivere. Quando questa ricerca si spinge al limite nascono nuove idee, nuovi concetti ed anche nuovi strumenti. Spesso basta una scintilla per scatenare un’idea.

La mia esperienza personale riflette questi concetti: appena laureato in Medicina, mentre mi specializzavo in Medicina dello Sport, ho avuto l’occasione di lavorare nel settore dell’automobilismo, in particolare in F1, e questa è diventata la mia attività principale che ormai si protrae da venticinque anni.

Il fatto di aver frequentato poco gli ospedali e di aver trascorso una infinità di giorni nei garage accanto alle macchine da corsa mi ha portato a vivere in mezzo alle scintille, qualche volta non solo metaforicamente. Stare a stretto contatto con un ambiente altamente tecnologico, dove la ricerca dell’innovazione è come il pane sulla tavola, dove tutto deve essere perfettamente ordinato e costantemente ottimizzato, dove presto e bene devono stare insieme, dove i numeri vincono sulle opinioni, dove l’attenzione sul particolare è maniacale e dove un secondo è più lungo di un anno, mi ha portato ad applicare la stessa mentalità nella mia quotidianità di medico con indubbi vantaggi.

Oggi, che ho creato un centro di Medicina dello Sport dotato di strumenti e metodologie completamente ideate e sviluppate dal sottoscritto con l’aiuto dei miei collaboratori, posso dire che i circuiti ed i garage hanno rappresentato la mia seconda Università, che ha avuto un’importanza nella mia formazione professionale almeno pari a quella di Medicina.

Credo che questo libro, sapientemente scritto da Riccardo Paterni, sia il veicolo più efficace per accompagnare il lettore all’interno di quel mondo che tanto mi ha dato, portandolo a conoscenza di episodi ed aneddoti che hanno fatto la storia del Motorsport e che sicuramente illustreranno meglio i concetti che in queste poche righe ho cercato di esprimere.

Prefazione

Riccardo Paterni

Dal passato, presente e futuro del Motorsport i ‘Trucchi di set up’ e il ‘Pronti alla partenza?’ dell’innovare

L’innovazione è un tema sempre più discusso e approfondito da vari punti di vista. Se ne parla molto ma poi si mette veramente in pratica? Possiamo anche essere originali e creativi, ma questo porta a risultati tangibili e auspicati? Perché ci aspettavamo proprio quei risultati? Il tutto contribuisce veramente a migliorare l’efficacia, l’efficienza delle nostre aziende in un contesto economico e sociale in continuo caotico cambiamento? Oggi fattori che avevamo considerato per molto tempo dei punti di riferimento, vengono a mancare; e allora come riusciamo ad andare avanti? Dobbiamo innovare! Vedere le cose da una prospettiva diversa, ‘mischiare le carte’ che abbiamo a disposizione, trovarne di nuove e soprattutto agire!

Agire rendendoci conto che c’è, innanzi tutto, una profonda differenza fra creatività e innovazione: la prima è un importante esercizio concettuale; la seconda si manifesta quando questo esercizio viene apprezzato come soluzione vincente, valorizzata da chi ne trae beneficio e dal mercato. Di aziende creative ce ne sono molte, ma troppe hanno un modello di business non sostenibile perché non rapportato all’innovazione reale. Noi ci vogliamo concentrare su quel tipo di innovazione apprezzata e valorizzata perché risolve in modo efficace problemi pratici generando soluzioni vere, ricchezza, produttività sia fuori sia dentro i centri di ricerca e sviluppo aziendali. Che ci piaccia o no nel contesto attuale c’è necessità di molta dinamicità ed è indispensabile vedere l’innovazione come possibile, concreta, forza propulsiva alla sopravvivenza e allo sviluppo delle nostre aziende.

Enzo Ferrari, quando gli fu chiesto quale fosse la Ferrari che più gli piacesse: Quella che non ho ancora costruito. Quella che non ho ancora creato.

L’innovare è costituito da molta sperimentazione: si aprono, si richiudono e si modificano nuovi scenari sempre più rapidamente e in un modo sempre più esasperato come nelle competizioni sportive professionistiche. Da sempre chi scrive è appassionato del mondo delle quattro ruote ‘da corsa’ e contemporaneamente calato al confronto attivo e risolutivo con opportunità e problematiche aziendali in Italia e all’estero. Proprio per questo è nata la riflessione su ciò che chi scrive considera un forte parallelo fra il mondo dell’automobilismo e quello della gestione aziendale, soprattutto quando ci si trova a dover agire in contesti complessi, caotici e in rapidissimo cambiamento come quelli attuali (e verosimilmente anche futuri).

Nelson Piquet: Attraverso la Formula 1 ho comprato la mia barca e ho imparato a pilotare il mio aereo e elicottero. Il mio lavoro nelle mie aziende rispecchia tutto quello che il motor racing mi ha insegnato (tre volte campione del mondo di Formula 1 e businessman di grande successo)

Ci spieghiamo meglio. L’automobilismo a livello professionistico richiede sempre la ricerca estrema della prestazione migliore: i piloti sono sempre più esigenti; le risorse sempre più scarse; la competizione sempre più complessa per il crescente numero di variabili per arrivare alla prestazione ideale. Ebbene nel campo aziendale abbiamo: clienti sempre più esigenti; risorse sempre più ristrette; mercato sempre più complesso per il crescente numero di variabili per ottenere i risultati sperati. Alcuni di questi paralleli sono immediatamente comprensibili anche per i non ‘addetti ai lavori’ dell’automobilismo, altri lo saranno per tutti coloro che impareranno a conoscere di più l’automobilismo dagli aneddoti e riflessioni riportati nelle pagine seguenti.

Riassumendo: questo non è propriamente un libro sull’automobilismo e non è propriamente un libro di management. È un modo nuovo per parlare dell’innovazione come chiave di volta delle complessità con le quali aziende piccole, medie e grandi sono sempre più costrette a confrontarsi. L’innovazione, non solo tecnologica ma anche (e soprattutto) gestionale, da sempre fa parte dell’automobilismo. Attraverso aneddoti vissuti in pista, a bordo pista o in prova speciale rallistica, vogliamo offrire spunti concreti e pratici al mondo aziendale per stare al passo con il cambiamento e l’innovazione.

La sezione introduttiva del volume è dedicata all’innovazione gestionale nel mondo dell’automobilismo, anticipando considerazioni che sintetizzano ed esemplificano i vari temi approfonditi nel libro. Infatti, se vogliamo comprendere al meglio il parallelismo fra il mondo delle aziende e l’automobilismo è necessario guardare il mondo delle corse da un punto di vista gestionale non distorto dalle forze di puro business finanziario e deformazione mediatica della Formula 1. Parleremo dell’innovazione del modello di gestione del ‘Motorsport vero’. L’innovazione di questo modello gestionale, che abbiamo preso come esempio, sarà descritta da chi l’ha concepita e realizzata: Eros di Prima, organizzatore del campionato Formula 2000 light.

Una volta definito questo contesto procederemo ad approfondire come e perché l’innovazione ha fatto, fa e farà sempre, la differenza nel mondo dell’automobilismo e anche nel mondo aziendale. Procederemo distinguendo fra due tipi di innovazione: quella ‘fatta sul campo’, intuitiva, estemporanea, generata nell’istante; e quella ‘fatta a tavolino’, studiata, ponderata, ricercata. Entrambe sono importanti e devono integrarsi; entrambe richiedono di essere messe in pratica con consapevolezza allo scopo di essere appieno valorizzate. Sia la prima parte ‘sul campo’, sia la seconda ‘a tavolino’, saranno composte da una breve introduzione a ciascun aneddoto rappresentativo di un concetto e al termine di ciascun aneddoto saranno inseriti spunti di riflessione (‘Trucchi di set-up’) e stimoli a concreti piani d’azione (‘Pronti alla partenza?’).

Allora: tuta, scarpette, casco, guanti e via con la bandiera verde verso la trionfale bandiera a scacchi dell’innovare!

Nota

Questo è un libro che offre diverse chiavi di lettura, ma è importante utilizzarlo al meglio come ‘strumento di lavoro’, considerandolo un vero e proprio laboratorio di ispirazione, riflessione e azione verso l’innovare. Sicuramente non è un libro da leggere ‘tutto d’un fiato’, ma da ‘assaporare’ rapportandolo al proprio contesto personale e professionale.

Queste pagine sono state scritte per fornire un ‘manuale dell’innovare totalmente personalizzato’ che il lettore, il gruppo di lavoro, l’azienda, arricchirà con i propri contenuti!

Vogliamo anche evidenziare che tutti i contenuti del libro saranno aggiornati, espansi, arricchiti, sviluppati attraverso la multimedialità del blog innovazioneatuttogas.it. Vi invitiamo a visitare il blog e a iscrivervi alla newsletter per ricevere puntualmente tutti gli aggiornamenti.

Introduzione

Eros di Prima

Innovare: idee e principi chiari, ottimizzazione delle risorse. La realtà Formula 2000 light

Far evolvere nella sostenibilità il Motorsport vero: un esempio concreto

Innovare a livello gestionale non vuol dire fare niente di rivoluzionario. Si tratta di un approccio, di un modo di vedere le cose sotto vari punti di vista. Innovare vuol dire analizzare il contesto con il quale ci si confronta e utilizzare la propria esperienza e le proprie risorse per aver chiaro cosa vogliamo fare e perché; inoltre, innovare significa trovare idee e soluzioni valorizzate (e pagate) dal mercato di riferimento. Questo libro vuole esplorare e approfondire il tema sotto vari punti di vista, tutti ispirati dal mondo dell’automobilismo

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Innovazione a tutto gas ! Da cento anni di Motorsport il carburante all'innovazione in azienda

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori