Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

SEPAMARSI. Linee guida per una separazione amorevole

SEPAMARSI. Linee guida per una separazione amorevole

Leggi anteprima

SEPAMARSI. Linee guida per una separazione amorevole

Lunghezza:
159 pagine
1 ora
Editore:
Pubblicato:
10 gen 2018
ISBN:
9788827804926
Formato:
Libro

Descrizione

Pensi di separarti ma… ti manca il coraggio per affrontare chiarimenti, conflitti e spiegazioni? Vorresti evitare ostilità, recriminazioni, rimpianti, rimorsi e nostalgia? Hai paura di ferire il tuo partner? Non trovi le parole giuste per dirlo ai bambini? Hai bisogno di organizzarti e non sai da che parte cominciare? Questo libro, semplice e veloce, svela i segreti di una separazione amorevole accompagnandoti sulla via del volersi bene nel momento in cui è necessario imboccare percorsi differenti. Ricco di esempi pratici e di testimonianze tratte dall'esperienza trentennale dell'autrice, il testo risponde alle domande che tormentano chi decide di chiudere la relazione di coppia, proponendo una visione rivoluzionaria dell'amore e dell'evoluzione affettiva.
Editore:
Pubblicato:
10 gen 2018
ISBN:
9788827804926
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a SEPAMARSI. Linee guida per una separazione amorevole

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

SEPAMARSI. Linee guida per una separazione amorevole - Carla Sale Musio

tradita.

Prima di cominciare...

Gli esempi clinici riportati nel libro sono tratti dalla mia esperienza professionale e per rispettare la privacy delle persone ho omesso gli elementi che avrebbero potuto renderle riconoscibili.

Nel corso del testo ho utilizzato le parole marito e moglie per indicare sinteticamente tutte le tipologie delle coppie: sposate e di fatto, eterosessuali e omosessuali.

Come si può comprendere leggendo i casi clinici riportati i partner possono essere: un uomo e una donna, due donne o due uomini e

con la dicitura: mamma e papà, si intende anche: mamma e mamma o papà e papà.

Premessa

Le separazioni sono momenti importantissimi della crescita psicologica, passaggi delicati che permettono all’affettività di esprimersi oltre i limiti dell’egocentrismo e sanciscono l’ingresso in una nuova maturità emozionale, fatta di autonomia, rispetto, comprensione e accoglienza dell’altro e della diversità. I bambini che non superano la fase della separazione¹ presentano problematiche gravi e rimangono imprigionati dentro bisogni simbiotici. Bisogni che sono fisiologici solo durante la primissima infanzia.

L’evoluzione interiore poggia sulla capacità di costruire legami e di saperli sciogliere. E, per gli specialisti della psiche, la competenza nel chiudere un rapporto è un indicatore prezioso della maturità affettiva. Tuttavia, l’omologazione che caratterizza la nostra civiltà non ama la separazione e demonizza chiunque voglia esprimere la propria autonomia. Nella società dei consumi ogni individualità è immolata sull’altare dell’economia, mentre tutto ciò che interferisce con il potere di pochi e la docile ubbidienza di molti è stigmatizzato con l’etichetta della patologia.

Come psicologa e psicoterapeuta mi trovo spesso a parlare dei sentimenti e della sofferenza che nasce quando s’impone una censura ai vissuti interiori. Il bisogno di amare e di essere amati è alla base di una piena espressione della personalità e comprendere il percorso che dall’egocentrismo conduce alla maturità affettiva è il primo passo per realizzare se stessi. L’amore è l’energia che muove il nostro più intimo desiderio di vivere e si esprime in infiniti modi.

Nell’amore di coppia la separazione è un momento fondamentale, un ponte che permette di attraversare il mare della passione senza annegare tra le onde del possesso, della dipendenza e dell’egoismo. Separarsi vuol dire cambiare le regole che imprigionano l’amore e concedere a se stessi e al partner una nuova libertà. Ci vogliono impegno, onestà e attenzione per affrontare un momento tanto delicato e importante.

Questo libro è stato scritto per chi ha bisogno di sciogliere il matrimonio e non vuole distruggere l’amore. SepAmarsi nasce dalla fusione di separarsi e amarsi, e condensa in una sola parola il messaggio che attraversa ogni pagina.

L’indissolubilità del matrimonio imprigiona l’evoluzione affettiva dentro una pericolosa simbiosi emozionale, che penalizza l’evolversi delle relazioni impedendo all’amore di compiere il suo percorso esperienziale. Amarsi e separarsi: sono facce di una stessa medaglia, ci ricordano che non è possibile sceglierne una senza doversi confrontare anche con l’altra.

SepAmarsi si rivolge a tutti quelli che sentono il bisogno di non tradire se stessi e sono pronti ad affrontare la propria verità interiore.

La pretesa di pianificare l’amore uccide l’amore stesso; l’accoglienza della sua mutevolezza permette di cavalcarne le profondità trasformando in saggezza l’esperienza di coppia. Sia nella separazione sia nell’unione.

Troppo spesso si sente ripetere che L’amore è sacrificio e che Per tenere in piedi un matrimonio bisogna fare tante rinunce. L’adorazione della sofferenza e della violenza ci ha portati all’abbandono del piacere e ha imprigionato il potere trasformativo della relazione dentro un’armatura di contratti e regole inappellabili. Tuttavia, amore e piacere danzano tra i sentieri della vita, aiutandoci a scoprire gli innumerevoli aspetti di noi stessi negli altri.

Una società fondata sulla partnership, invece che sulla prevaricazione e sul dominio, sostiene una nuova visione del matrimonio, dell’autonomia e del piacere.

Oggi il piacere è associato al controllo e alla forza. Manca un modello mutuale in cui gli scambi siano basati sui sentimenti, sull’ascolto, sulla cura e sul rispetto reciproco. Condividere la vita intima ed emotiva è un obiettivo indispensabile per superare la cultura della dominanza e del possesso e realizzare una società flessibile, pronta ad accogliere le unioni in cui l’amore permetta l’individuazione e la libertà di ciascuno.

In un mondo capace di sostenere i valori della condivisione e della reciprocità, amore e separazione non sono più istanze contrapposte ma fasi alterne, stagioni diverse lungo il percorso affettivo.

Il libro si articola in cinque capitoli.

Nel primo capitolo Verso un’ecologia dell’amore ho tratteggiato il cammino evolutivo che la separazione porta con sé. Percorso che dalla possessività conduce a una profonda capacità di amare, basata sulla comprensione delle esigenze reciproche e sull’autonomia.

Nel secondo capitolo le trappole psicologiche ho evidenziato i trabocchetti che bloccano la maturazione affettiva causando incomprensioni e sofferenza, e che contribuiscono a sostenere la cultura del pregiudizio, della finzione e della prepotenza.

Nel terzo capitolo i figli ho affrontato le problematiche relative alla genitorialità e al rapporto con i figli.

Nel quarto capitolo in pratica ho esposto diverse soluzioni concrete, utili per affrontare i cambiamenti che ogni separazione comporta, inevitabilmente.

Nel quinto capitolo amarsi oltre la separazione ho voluto condividere il frutto di oltre trent’anni di lavoro clinico approfondendo i vissuti emotivi che portano verso una crescita nella capacità di amare e che affiancano il processo della separazione.

Infine, in appendice, ho proposto un self help per analizzare motivazioni e cambiamenti che accompagnano la scelta di porre fine al matrimonio.

Una cultura nuova sviluppa valori nuovi e propone modi nuovi di sostenere l’evoluzione.

Buona lettura.

Carla Sale Musio

_____________________

¹ - Nell’opera - Al di là del principio di piacere - S. Freud spiega come i piccoli impa- rino progressivamente a gestire la separazione e le emozioni conseguenti, costruendo nel tempo la propria capacità di amare.

Introduzione

Amore, amore, amore, amore… si parla tanto dell’amore. Ma l’amore, quello vero, parla poco. Più che altro, agisce. L’amore non ha parole, è un impulso interiore, un modo di essere e di sentire la vita, una scelta che parte dal centro di noi stessi cui non è possibile sottrarsi. Anche quando incontra la disapprovazione del mondo.

L’amore si muove con noncuranza, indifferente al giudizio degli altri. Libero dai precetti, dai contratti e dalle regole. Esiste a prescindere dalla ragione, proviene da una saggezza diversa dalla logica e utilizza i codici pervasivi della Totalità.

L’amore è per sempre ma non è sempre uguale. È mutevole, cangiante, in continua evoluzione. È un percorso che dall’io ci guida a incontrare il tu, l’altro, il diverso, lo straniero. Fino a scoprire che ognuno rispecchia un aspetto della nostra molteplice verità. Anche quando questa verità non ci piace.

L’amore è una saggezza fatta d’intuizioni. Perciò, parlarne è difficile. E spiegarlo è impossibile. Possiamo descriverlo, ma non possiamo conoscerlo finché non lo attraversiamo personalmente.

In questo libro si parla dell’amore quando… Finisce. Ma l’amore non finisce, evolve. E per noi è difficoltoso individuarlo nel momento in cui assume fattezze poco conosciute. Siamo abituati a distinguere le forme emotive spiegate dai genitori e dagli insegnanti, descritte nei libri, viste nei film o alla televisione. Ci sconcertano i sentimenti di cui non si dice niente, quelli non riconosciuti dalla società, che si agitano dentro senza fare scalpore nel mondo o compiono gesti contrari alle consuetudini.

L’amore nella separazione è un amore ancora poco conosciuto. Poco raccontato. Poco ascoltato.

Viviamo nella civiltà dell’usa e getta e ci hanno convinto che persino gli affetti si debbano plasmare nelle modalità utilitaristiche del consumismo. Così ci aspettiamo di trovare la permuta, l’interesse e il guadagno anche nell’affettività.

L’amore è un’energia indomabile e se ne infischia delle convenzioni. È una forza sovversiva che tracima nel mondo interiore, scatenando un irrefrenabile caos. Ogni tentativo di arginarne la corrente è destinato a provocare pericolose conseguenze ed è l’origine di tante patologie psicologiche e fisiche.

L’amore è passione, estasi, rapimento, malattia e guarigione. Ma per assaporarne il potere miracoloso e maieutico è necessario aprirsi alle sue leggi, fatte di generosità, sincerità e cambiamento. Solo così diventa possibile accoglierne la forza rigenerante e rinnovatrice. Bloccarne la potenza scatena la guerra nel mondo emotivo e provoca una valanga di conseguenze negative.

L’amore nella separazione è trasformazione. E non si può sottovalutarne la portata. Ci costringe a cimentarci lungo la strada che dalla fusione conduce allo sviluppo dell’autonomia. È un compito difficile e un passaggio importante nella conquista della maturità.

Lasciare liberi se stessi e il partner di proseguire la vita da soli, presuppone una grande profondità interiore. Bisogna essere davvero capaci di amare per permettere e permettersi l’autonomia. Sciogliere un matrimonio, infatti, non vuol dire soltanto terminare un contratto legale, significa affrontare un momento di crescita intimo, profondo e delicato, e imparare a cavalcare la tigre del rinnovamento senza lasciarsi trascinare dalle abitudini, dal conformismo e dal desiderio di demandare ad altri le proprie responsabilità.

L’amore nella separazione trova un compimento

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di SEPAMARSI. Linee guida per una separazione amorevole

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori