Inizia a leggere

Startup di merda: Il primo libro da comprare se vuoi aprire una startup

Valutazioni:
174 pagine2 ore

Sintesi

Questo libro è nato per riempire un vuoto:
quasi tutta la letteratura italiana sulle startup, oggi, è un fritto misto retorico che sembra avere come unico scopo quello di spingere giovani e meno giovani a darsi in pasto al mercato senza le giuste precauzioni.
I nuovi startupper sono convinti di cadere sul morbido dell’idea che è venuta loro mentre erano al pub con gli amici, salvo poi schiantarsi al primo semestre tra Iva e contributi. E poi ci sono quelli che sanno di doverci mettere tutto l’impegno del mondo, ma a cui nessuno, finora, ha detto che potrebbe non bastare.
Nella mia esperienza in radio ho visto giovani cadere e non trovare la forza di rialzarsi.
Ho intervistato imprenditori a ogni livello, e tutti mi hanno raccontato le stesse, tragiche storie.

Ho vissuto sulla mia pelle l’esperienza di avviare un business in un Paese che ha i migliori talenti creativi del mondo, ma le peggiori regolamentazioni e infrastrutture d’Europa.
Ho voluto mostrare a quelli che hanno in testa di aprire una startup perché sentono di avere avuto un’idea brillante, che un’alternativa per salvarsi la pelle e la serenità, c’è.
Ed è NON APRIRE UNA STARTUP.
Con uno stile leggero e adatto ai neofiti, senza polpettoni di economia né fuffologia, questo libro va nella direzione opposta. Non troverete formule sicure per il successo: qui si spiega il perché aprire una startup potrebbe essere la peggiore scelta della vita.

Leggi sull'app mobile di Scribd

Scarica l'app mobile gratuita di Scribd per leggere sempre e ovunque.