Trova il tuo prossimo libro preferito

Abbonati oggi e leggi gratis per 30 giorni
La fórma della malingonìa

La fórma della malingonìa

Leggi anteprima

La fórma della malingonìa

Lunghezza:
75 pagine
27 minuti
Pubblicato:
Sep 1, 2017
ISBN:
9788893690959
Formato:
Libro

Descrizione

La malinconia ha la forma dell'acqua, quindi del recipiente che la contiene: ogni forma e nessuna forma. Come l'acqua, dunque, la malinconia penetra, infradicia, intride gli angoli più nascosti dell'anima; ma contemporaneamente ne raggiunge e ristora le pieghe più recondite. Non è angosciante né logorante, bensì dolce come la mammella che allatta il neonato, comoda come una ciabatta d'inverno, rinfrescante come una brezza di vento d'estate. E così fluisce in questa raccolta di liriche in vernacolo sermonetano, tradotte a margine in lingua italiana.
Pubblicato:
Sep 1, 2017
ISBN:
9788893690959
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Categorie correlate

Anteprima del libro

La fórma della malingonìa - Dante Ceccarini

MicrosoftInternetExplorer4

Jó dolóre fòra e dréndo de mì

Colecàto

affiàngo a ‘nó dolóre,

jó guàrdo

jó stùdio

jó combàtisco,

è

a écchi

affiàngo a mmì e

fòra de mì,

ma sùbbeto dóppo

m’accòrgo

(illùso)

che chéllo

che guàrdo

è

jó dolóre méo e

de mì è ppàrte,

è

la capacità straniànte déglio dolóre:

vorìa ca fósse dégl’atri

ma è sùlo

profondaménte

inesorabbilménte

definitivaménte,

méo.

M’arìzzo ‘ntirizzìto

me sgrùllo de córpo ssà malingonìa

e

vàjo a mozzegà jó nóvo ggiórno.

Fórze se

cà sospìro sussuràsse ammóre

allora jó còre de ssó dolóre

non potrébbe vibbrà fòrte accosì.

Fórze.

Sìmo sùlo sùgni iti a mmàle.

(Poesia vincitrice del Premio Vincenzo Scarpellino 2017)

Il dolore fuori e dentro di me

Sdraiato/ vicino a un dolore,/ lo guardo/ lo studio/ lo compatisco,/ è/ qui/ vicino a me e/ fuori di me,/ ma subito dopo/ mi accorgo/ (illuso)/ che quello/ che guardo/ è/ il mio dolore e/ di me è parte,/ è/ la capacità straniante del dolore:/ vorrei che fosse degli altri/ ma è solo/ profondamente/ inesorabilmente/ definitivamente,/ mio./ Mi alzo intirizzito/ mi scrollo di dosso questa malinconia/ e/ vado a mordere il nuovo giorno./ Forse se/ qualche sospiro sussurrare amore/ allora il cuore di questo dolore/ non potrebbe vibrare così forte./ Forse./ Siamo solo sogni finiti male.

J’àbbito della malingonìa

No’ i’ via

no’ i’ via,

masséra.

Téngo bisógno

de ‘nó làtte

càllo

de do’ déta

de cognàcche,

vécchio,

de ‘nó bàcio

leggéro,

déglio véndo

frìsco

sulle labbra.

Non me lassà

masséra,

pròpio masséra,

sòre malingonìa.

La felicità

è ‘n’àbbito

strìtto

che và

sùbbeto

fòri mòda.

La malingonìa

è ‘n’àbbito

grùsso

‘nó póco sbrillentàto,

ma còmmodo

cómme

la cùccia de ‘nó cùcciolo de càne.

L’abito della malinconia

Non andartene/ non andartene via/ stasera./ Ho bisogno/ di un latte/ caldo,/ di due dita/ di cognac/ vecchio,/ di un bacio/ leggero,/ del vento fresco/ sulle labbra./ Non mi lasciare/ stasera,/ proprio stasera,/ sorella malinconia./ La felicità/ è un abito/ stretto/ che va/ subito/ fuori moda./ La malinconia/ è un abito/ grande,/ un poco sformato,/ ma comodo/ come/ la cuccia di un cucciolo di cane.

Tatuàggi

Raschiènno raschiènno,

se rràschio ‘na zzìca

sótto la scòrza

a lo dafòri tòsta

déglio còre,

appéna de sótto aglio pericàrdio,

dréndo

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di La fórma della malingonìa

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori