Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Comunicazione Carismatica
Comunicazione Carismatica
Comunicazione Carismatica
E-book265 pagine4 ore

Comunicazione Carismatica

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

In questo libro scoprirai come eliminare i tuoi blocchi mentali, emozionali e fisici, così da poter tornare vero, autentico e carismatico come un bambino di quattro o cinque anni. Attraverso questo libro sarai guidato passo dopo passo nel miglioramento della tua comunicazione, così che tu possa esprimere te stesso al 100% ed essere riconosciuto finalmente per quello che sei, avere continuamente feedback positivi, realizzare la vita che meriti, eliminare rabbia e apatia della tua vita, circondarti e immergerti in una vita fatta di emozioni positive, avendo la capacità di condurre il gioco e di condurre ogni conversazione con grande capacità, con grande sicurezza, con grande fascino e grande carisma.
LinguaItaliano
Data di uscita12 lug 2017
ISBN9788892672888
Comunicazione Carismatica
Leggi anteprima

Correlato a Comunicazione Carismatica

Ebook correlati

Articoli correlati

Recensioni su Comunicazione Carismatica

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Comunicazione Carismatica - Alberto Ranzato

    scrittrice

    Prefazione

    Di Luca Ward

    Carisma.

    Questa parola risuona nelle nostre menti più volte di quanto ci piacerebbe ammettere. Spesso ne siamo ossessionati. Lo inseguiamo perché vorremmo controllare gli eventi e le situazioni che ci circondano.

    Vorremmo che fosse un’arma da poter usare sempre e a nostro vantaggio, ma da dove arriva? Possiamo renderci carismatici o è un dono solo per pochi fortunati eletti?

    Perdendomi piacevolmente tra le pagine di questo libro sono rimasto piacevolmente colpito da come Alberto ha saputo trattare l’argomento, da sempre difficilmente malleabile, rendendolo comprensibile e alla portata di tutti.

    Il carisma è un vero e proprio dono ma le persone dotate di carisma spesso non sanno di avere tali capacità empatiche finché non si addentrano alla scoperta di se stesse.

    Solo perdendosi ci si può ritrovare.

    Ogni giorno ci alziamo e, messi i piedi fuori dal letto, affrontiamo le sfide che la vita ci mette davanti.

    Combattiamo e, anche quando stiamo per arrenderci, qualcosa dentro di noi ci imprime la forza di andare avanti. La nostra volontà può renderci vulnerabili o invincibili ma dipenderà da noi.

    Shakespeare attraverso le parole di Iago nell’ Otello ci ricorda che dipende da noi essere in un modo piuttosto che in un altro.

    Il nostro corpo è un giardino e la nostra volontà il giardiniere.

    Cosa vogliamo realmente regalare al mondo? Noi.

    Possiamo cercare di migliorarci ovviamente ma la storia che andremo a raccontare sarà sempre scritta con il nostro inchiostro personale e, quel tipo di Storia (con la ‘S’ maiuscola), non si trova a scuola sui libri di testo.

    Per questo è inutile cercare di imitare un modello o un idolo che non siamo noi. Siamo insostituibili.

    Pochi giorni prima di ricevere il manoscritto, entrando in un bar, sono rimasto colpito dalle persone sedute ai tavoli.

    Tutte di età diverse ma con un unico comune denominatore: la testa china su questi moderni scudi che oggi chiamiamo ‘smartphone’ in modo che, tenendoli alti, potessero proteggerli dal mondo esterno.

    Ci siamo dimenticati come si comunica, come si parla nel pubblico e come nel privato. Abbiamo le chat, gli sms, i social network e, dulcis in fundo, per tentare di sostituire anche le espressioni facciali abbiamo inventato le emoticon.

    Queste ultime dovrebbero aiutare l’interlocutore a comprendere il nostro stato d’animo che ovviamente non sarà mai in grado di farlo se non attraverso i nostri segnali emotivi come la voce e il corpo animati dal cuore e dalla mente.

    Non ci rendiamo conto del potenziale che abbiamo finché non mettiamo tutta la nostra volontà per metterlo a frutto.

    Un dono non è tale se lo si riceve ma è tale solo se lo si apprezza e lo si usa per fare il meglio che si può.

    Io ricordo spesso i miei esercizi con un vecchio registratore a bobine per mettere a frutto quello che avevo appreso dai grandi attori e ci diventavo matto.

    Non riuscivo a mettere a fuoco quella ‘chiave di volta’ ed era diventata una vera sfida con me stesso. Volevo superare i miei limiti ma per andare avanti devi sempre perdere l’equilibrio per un istante.

    Come troverete tra le pagine di questo libro ognuno di noi ha la sua chiave di lettura.

    Siamo anime con un codice.

    Siamo corpo e anima assieme, uniti.

    Respiriamo con il mondo.

    Trovate il piacere di decifrare voi stessi e non chi vi sta intorno.

    Il carisma è dentro di voi.

    Una buona lettura a tutti.

    Luca Ward.

    Prologo

    Verso una via bioenegetica di integrazione

    mente-corpo-voce

    Dott. Francesco Padrini

    La mia attività di psicologo e psicoterapeuta si svolge utilizzando l’approccio bioenergetico.

    La Bioenergetica è una tecnica psicocorporea costituita da una componente di analisi psicologica e da una componente corporea, composta da particolari esercizi, tecniche respiratorie e di manipolazione e massaggio.

    L’analisi bioenergetica si avvale di un elemento importante, rappresentato dal linguaggio non verbale, cioè il linguaggio del corpo.

    Osservando il corpo di una persona, sulla base della sua struttura, della sua postura, della sua gestualità, della sua voce, è possibile ipotizzare la sua storia emotiva e dove si sono somatizzate fin dall’infanzia le tensioni muscolari e caratteriali.

    Il lavoro bioenergetico ha come finalità la riduzione o lo scioglimento dei blocchi e delle tensioni croniche somatizzate nel corpo, risultato di difese psichiche ed emotive strutturatesi nel corso della vita, in particolare nel corso dell’infanzia, come risposta ai conflitti esistenziali e all’ambiente esterno.

    Queste tensioni formano una sorta di corazza, muscolare e caratteriale che, se da una parte svolge un ruolo di protezione e difesa, dall’altra inibisce il libero fluire delle emozioni e delle sensazioni, limitando il flusso del piacere e della gioia di vivere.

    Se le tensioni diventano eccessive, si perde il contatto con le proprie emozioni e il corpo perde armonia, grazia, bellezza, espressività.

    Anche la voce risente negativamente delle tensioni respiratorie e della muscolatura del collo e della gola e dei blocchi emotivi.

    Il fine della bioenergetica è quello di ristabilire l’equilibrio dell’unità mente-corpo, di ampliare il potenziale vitale e di recuperare l’energia dentro di noi, attraverso un supporto di analisi psicologica e un lavoro corporeo di consapevolezza e scioglimento delle tensioni che costituiscono la corazza muscolare, favorendo così l’espressione delle emozioni bloccate e trattenute.

    Le tecniche bioenergetiche tendono a ristabilire la spontaneità naturale del corpo e a sviluppare un adeguato controllo dell’io.

    Iniziano con la respirazione proprio perché, se questa è bloccata, limita l’energia e inibisce la fluidità del movimento.

    La nostra società, sempre più mentalizzata, richiede agli individui di essere efficienti e produttivi, mantenendo per la maggior parte del tempo un comportamento basato sul capire e sul fare, più che sul sentire.

    Questo obbliga spesso a inibire le proprie emozioni, causando uno stress profondo.

    Le tecniche bioenergetiche rappresentano il tentativo di recuperare l’essenza della persona, favorendo l’integrazione, cioè l’unione armoniosa tra la testa, il cuore e la pelvi (intendendo con il termine ‘pelvi’ una funzione genitale matura e una buona relazione con la realtà).

    Se manca questa integrazione, la persona tende a procedere nella vita soprattutto con lo sforzo della volontà, ma con la sola volontà non si possono attuare dei cambiamenti sostanziali, perché la consapevolezza rimane a un livello più superficiale, che non permette l’accesso alle energie imprigionate nelle tensioni corporee profonde e inconsce.

    Occorre ‘convincere il corpo’ e non solo la mente.

    Nel libro ‘Comunicazione Carismatica’, Alberto Ranzato coglie l’importanza del lavoro corporeo oltre a quello cognitivo e questo dal mio punto di vista è indispensabile per arrivare a una più completa integrazione mente-corpo, soprattutto nella società odierna, dove tendiamo tutti a vivere una scissione tra il corpo e la mente, dove siamo sempre più mentali e sempre meno corporei.

    Quando, d’altra parte, diventiamo corporei, purtroppo diventiamo come macchine, ci muoviamo, usiamo il corpo, ma non lo sentiamo.

    Ranzato ha avuto l’intuizione naturale di partire dal corpo perché, se non c’è consapevolezza corporea, non ci possono essere neppure espressività vera né autentica comunicazione.

    La sua proposta apre la strada a una comunicazione emozionale, che potrà evolvere in senso bioenergetico, anche quando le corazze difensive sono più profonde.

    Potremmo dire che unendo le tecniche specialistiche della Comunicazione Carismatica con la libertà espressiva che sgorga dal cuore e dalla pancia, si possa ottenere una felice sintesi tra controllo e spontaneità, due opposti che si integrano e si compensano.

    Le metodologie di apprendimento riescono a cambiare molti aspetti del comportamento intervenendo anche sul linguaggio del corpo, di cui la voce fa parte.

    In questo modo è possibile attuare dei cambiamenti migliorativi che influenzano positivamente i diversi ambiti della propria vita e il rapporto con gli altri.

    Quando invece le corazze difensive si sono strutturate a un livello più profondo e in presenza di situazioni particolarmente conflittuali o psicopatologiche, occorre scendere nel mondo intrapsichico con un lavoro analitico-emotivo di natura psicoterapeutica, che trascende le finalità del testo.

    In ogni caso è sempre buona cosa che ci siano sintesi e strategie che aiutino a diventare più consapevoli del proprio corpo, della propria gestualità e dell’espressione vocale, tutti elementi che entrano prepotentemente in gioco nella comunicazione, sia a livello personale che professionale.

    ‘Comunicazione carismatica’ è, insomma, un’opera che potremmo definire anche bioenergetica, perché pone l’attenzione del lettore a integrare bene il tutto: mente, corpo e voce.

    Buona Lettura.

    Dott. Francesco Padrini

    Introduzione

    di Alberto Ranzato

    Uno dei problemi maggiori di questo periodo storico è il fatto che le persone stanno sempre di più perdendo la loro capacità di esprimersi verbalmente e fisicamente. Stanno perdendo dunque la loro espressività.

    La moderna evoluzione tecnologica, l'avvento dei social network e la loro sempre maggiore penetrazione nella vita di ognuno di noi, sta portando dei grandi benefici per le possibilità pratiche e di business, ma allo stesso tempo sta portando a una perdita della capacità di relazionarci con noi stessi e con gli altri, ci sta portando a tralasciare sempre di più il fisico utilizzando invece solo la nostra mente, ci sta aiutando a riempirci di contenuti ma ci sta togliendo la capacità di comunicarli agli altri nel mondo reale.

    Si vedono sempre più persone bloccate che non sanno esprimere fisicamente e verbalmente i loro pensieri, le loro sensazioni e i loro sentimenti.

    La psicologia definisce questa incapacità di riconoscere e specificare le proprie sensazioni come alessitimia.

    Sempre di più si sta perdendo la capacità di governare le proprie emozioni, di governare il proprio corpo, di governare la propria voce, per generare emozioni in sé e negli altri, per generare coinvolgimento, per detenere il carisma, per far valere la propria leadership.

    È ormai riconosciuto che più una persona è intelligente dal punto di vista emotivo, quindi più è abile a relazionarsi con sé stessa e con gli altri, più ha successo nella vita privata e nel lavoro.

    L'incapacità di sentire le sensazioni, di riconoscerle e di trasmetterle è dovuta a tanti fattori: da blocchi mentali, da blocchi emozionali e da blocchi fisici.

    Ciò che ho scoperto è stato che se si eliminano questi blocchi, queste interferenze mentali, emotive e fisiche tramite specifici esercizi, possiamo riportare noi stessi al grado di verità, autenticità ed espressività che avevamo da bambini.

    Potrai riconoscere anche tu che è estremamente più vero, autentico, coinvolgente, affascinante e carismatico un bambino di 4 o 5 anni, rispetto a una persona di 50 o 60 anni rigida, bloccata, apatica e magari anche depressa.

    Mi sono capitati numerosissimi casi di persone con il terrore di esprimersi e parlare in pubblico, a cui corrispondeva effettivamente una grande difficoltà da parte loro a farlo, e tutte erano caratterizzate da un corpo rigido e da tensioni muscolari che impedivano loro di lasciarsi andare ed esprimere ciò che il loro cuore sentiva, soccombendo alla parte razionale/mentale, che gli suggeriva cosa fosse giusto dire e fare, facendoli però così risultare, agli occhi altrui, costruiti, poco autentici e, di conseguenza, poco credibili e poco carismatici.

    Un bambino non pensa, un bambino agisce.

    Un adulto non agisce, un adulto pensa.

    Questo è il grande problema della mancanza di espressività in molti adulti: troppo pensiero e incapacità di agire.

    Come fare quindi a ritornare espressivi come i bambini?

    La buona notizia è che puoi farlo anche tu, perché è molto semplice eliminare tutti quei blocchi mentali, emozionali, fisici che oggi rendono poco carismatica, efficace e credibile la tua comunicazione, impedendoti di esprimere chi sei veramente.

    In questo libro andremo a eliminare quella gabbia invisibile, fatta di blocchi muscolari, di convinzioni limitanti, di traumi emotivi e interferenze, che ti tiene bloccato o bloccata in una vita mediocre, in cui non sei in grado di esprimere ciò che senti per gli altri, in cui non puoi essere apprezzata o apprezzato o riconosciuto per quello che sei veramente.

    Se non sei riconosciuto e apprezzato e visto per quello che sei, probabilmente è proprio perché gli altri non possono vederlo, perché la tua espressività è così bloccata e limitata, che impedisce agli altri di vedere lo splendore che sei, che impedisce agli altri di percepire ciò che sai nel tuo profondo sia giusto e vero.

    Quello che scoprirai in questo libro è come fare per eliminare tutti questi blocchi mentali, emozionali e fisici, così da poter tornare vero, autentico e carismatico come un bambino di quattro o cinque anni.

    Attraverso questo libro farò in modo di guidarti passo dopo passo, facendo si che tu possa tornare a esprimere te stesso al 100% ed essere riconosciuto finalmente per quello che sei, avere continuamente feedback positivi, realizzare la vita che meriti, eliminare rabbia e apatia della tua vita, circondarti e immergerti

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1