Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Tempo di fughe
Tempo di fughe
Tempo di fughe
E-book96 pagine31 minuti

Tempo di fughe

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

La voce di Raimondi (scrittore, giornalista e critico d’arte) si alza dolente e tormentata per raccontare le proprie emozioni ed esperienze di vita, ma anche il sentimento del tempo, il dramma della contemporaneità, il tema delicatissimo e attuale dei migranti, espresso con lirica compartecipazione, il tema del femminicidio, quello poderoso dell’inquinamento dell’ambiente e delle coscienze. “Tempo di fughe” si nutre anche della nostalgia di un tempo passato, il tempo della memoria, della giovinezza trascorsa, irrecuperabile ma vissuta appieno, senza rimpianti né ripensamenti. Una silloge di 63 poesie tutte da godere nel silenzio di una buona lettura che appaga l’anima e fa riflettere.
LinguaItaliano
EditoreA&A
Data di uscita5 mag 2017
ISBN9788898408504
Tempo di fughe
Leggi anteprima

Leggi altro di Raimondo Raimondi

Correlato a Tempo di fughe

Categorie correlate

Recensioni su Tempo di fughe

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Tempo di fughe - Raimondo Raimondi

    Raimondo Raimondi

    TEMPO DI FUGHE

    Edizioni A&A – in co-edizione con Ma1TV

    Via Grimaldi, 36

    96010 Priolo Gargallo (SR)

    www.aeaservice.it

    www.aeaedizione.it

    Responsabile Editoriale

    Luigi Augelli

    Redattore Editoriale

    Luca Raimondi

    Impaginazione

    Luca Raimondi

    Francesca Scalet

    Progetto grafico

    e copertina

    Francesca Scalet

    ISBN: 9788898408504

    Questo libro è stato realizzato con StreetLib Write

    http://write.streetlib.com

    Indice dei contenuti

    Prefazione

    Tempo di fughe

    La vita camminava a piedi nudi

    Sacrilegio

    Lungo i viali

    Libellula

    Miracolo

    Apparizioni

    Lampare spente

    Fandango

    Jihad

    Strade

    Per terre lontane

    Salomè

    Requiescat

    Vermicino 1981

    Oltre i consueti schemi

    Ballata dell'impiegato e delle ventitré puttane

    La porta

    L'ultima luce

    L'uovo fresco di giornata

    I crateri dell'Etna

    Passati amori

    La vallata

    L'odore della terra

    M'accontento

    L'ultima mano

    Incenso

    Venere

    Ottobre

    I gatti guerrieri

    Musica lieve

    Autunno

    Voglia di esistere

    Caffè bar

    I vecchi

    Caparbiamente

    Diroccate muraglie

    Paese dannato

    Le ceneri disperse

    Scirocco

    Mercato

    Paese amico

    Tra vecchie pietre

    Restano poche cose

    Vecchio catarro

    Le vene d'agosto

    Una notte di maggio

    Una storia fatta di niente

    Oltre i confini dello spazio astrale

    Conoscerti

    Corri ragazzo nero

    Dove i piedi ti portano

    Nel tuo villaggio desolato

    Ciò che il mare donava

    Cambia il mondo

    Dopo il soffio nudo delle dune

    Sagoma aurea di un'isola incerta

    Scendono dalla nave in lunga teoria

    Arrivammo

    Naufragammo all'alba

    Sono grappoli d'uomini e bambini

    Ci guardano gli ultimi

    Epilogo

    Prefazione

    di Salvo Sequenzia

    La regola aurea nella scrittura di una poesia è quella – antica ma sempre attuale – dettata da Umberto Saba nel suo scritto del 1911,

    Quel che resta da fare ai poeti: « Non resta ai poeti altro/che da fare la poesia onesta».

    Si riferiva, Saba, a quella onestà intellettuale e letteraria che è «prima un non sforzare mai l’ispirazione, poi non tentare, per meschini motivi di ambizione e di successo, di farla parere più vasta e trascendente di quanto per avventura essa sia».

    Bisogna partire dalla propria biografia, dal sé, dal privato, per saper guardare, con onestà, le cose. È una sorta di attenzione al mondo e alla realtà – quasi una preghiera laica – la semenza della lirica.

    Tale lezione di metodo e tale semenza sem-brano essere state l’una naturaliter assunta, e l’altra fecondata, da Raimondo Raimondi lungo tutto l’arco della sua esperienza creativa.

    Figura proteiforme di scrittore, poeta, pittore, critico e giornalista, Raimondo Raimondi consegna ora alle stampe Tempo di fughe, una preziosa silloge di versi in cui il Nostro, non smentendo l’assunto metodologico sabiano, riversa il liquor distillato di una fervida e feconda esperienza intellettuale ed umana.

    Come sempre succede nei poeti migliori, la ricerca poetica

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1