Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La gabbia di Cassandra
La gabbia di Cassandra
La gabbia di Cassandra
E-book79 pagine1 ora

La gabbia di Cassandra

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Wolf e Chiara, i giovani protagonisti della storia, vivono in regioni diverse di quella terra che un tempo si chiamava Europa e che ora è soggetta a dominazione straniera. I nuovi signori esercitano uno strettissimo controllo su tutti gli aspetti della vita dei popoli asserviti al fine di annientarne cultura e tradizioni per imporre le loro. L’incontro con Chiara rappresenta per Wolf, che proviene da un paese a nord delle Alpi, la svolta che gli illumina finalmente il percorso da compiere per ritrovare dentro di sé lo spirito combattivo della madre, che non ha mai conosciuto, e per sostenere la speranza di una vittoria delle loro forze unite contro la sopraffazione e l’oppressione. Si può sterminare infatti un popolo fino all’ultimo individuo, lo si può ridurre in schiavitù, privarlo dei suoi beni, della sua memoria e della dignità, ma non si riuscirà mai a cancellare tutte le tracce della sua presenza sulla terra. Quando tutto si crede perduto nel ricordo e negli animi, ecco che una scintilla all’improvviso si riaccende in un cuore e la fiamma in breve divampa così forte che nessuno la potrà più spegnere.
 
LinguaItaliano
Data di uscita4 mag 2017
ISBN9788856782844
La gabbia di Cassandra
Leggi anteprima

Recensioni su La gabbia di Cassandra

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    La gabbia di Cassandra - Liviana Ferdeghini

    Albatros

    Nuove Voci

    Ebook

    © 2017 Gruppo Albatros Il Filo S.r.l. | Roma

    www.gruppoalbatrosilfilo.it

    ISBN 978-88-567-8283-7

    I edizione elettronica aprile 2017

    Capitolo 1

    Il quartiere delle feste

    Le stelle opache e la luna velata dalle nubi non riuscivano a scalfire il buio fitto del vicolo che si snodava stretto fra le vecchie case del quartiere dietro la piazza. Ma Wolf non aveva intenzione di desistere; era certo che i due fossero andati da quella parte. Se si concentrava riusciva ancora a distinguere i loro passi veloci nel frastuono del quartiere delle feste che giungeva appena attutito fino a lì. Poco dopo la stradina prendeva a salire a spirale seguendo la forma di un edificio sghembo. Wolf proseguì ostinato appoggiandosi con la mano al muro che si sfarinava sotto le sue dita e maledicendo la sbadataggine del compagno che gli aveva messo fuori uso la lampada. Attento a non inciampare, procedeva cauto, quando d’un tratto si ritrovò bersaglio di pugni da entrambi i lati; passato il primo momento di sorpresa si rese conto però che non facevano poi tanto male: sembravano mani di bambini. Con un movimento ampio e possente allontanò da sé gli aggressori e intanto li afferrò per le braccia, stringendoli con le sue grandi mani, che provocarono gemiti di dolore. Wolf trascinò quel groviglio di membra verso un balcone di roccia che si affacciava sulla piazza sottostante. Al fioco chiarore che arrivava dal basso riconobbe due volti adolescenti, poco più che bambini.

    Che ci fate in giro a quest’ora? Non lo sapete che è proibito per voi uscire di notte? li apostrofò rude, ma mentre formulava la domanda sapeva già che non avrebbe ottenuto risposta. Lo leggeva nelle loro labbra serrate, nelle membra contratte, ma soprattutto glielo dicevano gli sguardi di sfida negli occhi scuri e scintillanti dei due ragazzi. Era sempre così: quella gente non apriva bocca, fingeva di non capire anche se uno si sforzava di parlare la loro lingua. Wolf ci provava sempre a parlare con i nativi, anche se questo non era benvisto dai capi. Lo faceva non tanto per comunicare con loro, che era impresa impossibile, ma perché i suoni della loro lingua avevano per lui il fascino di una melodia. Mentre si diceva che era inutile insistere, sentì i passi cadenzati della pattuglia che si stava avvicinando, come lui temeva, scendendo proprio per quel vicolo. D’istinto coprì i ragazzi con la sua mole e con l’indice teso di traverso sulle labbra, fece loro segno di tacere. Ma anche così erano decisamente esposti. Tutti e tre rimasero un attimo paralizzati, uniti dalla stessa tensione; poi uno dei due ragazzi si scosse, fece cenno di seguirlo e attraversò rapido la stradina mentre i passi si facevano sempre più vicini. Il ragazzo si infilò in un corridoio strettissimo fra il vecchio muro e una torre che occupava parte della spirale dei gradini, spinse una porta verso l’interno e si gettò dentro trascinando con sé il compagno. Un attimo ancora ed ecco apparire i primi soldati. Wolf era rimasto nel vicolo e temeva che si fosse sentito il cigolio della vecchia porta.

    Chi va là? chiese il sergente.

    Wolf si affrettò a farsi riconoscere.

    Aiutante Kleist, agli ordini sergente Xu.

    Che ci fa Lei qui, a quest’ora?

    Stavo perlustrando la zona. Mi pareva di aver sentito dei rumori, ma qui è tutto a posto.

    Bene socio.

    Wolf trattenne il respiro perché di tutti i sergenti che potevano capitargli, quello era proprio il più diffidente e fanatico. Per fortuna era una sera di festa e la pattuglia aveva ancora un giro lungo davanti a sé. Dopo un’occhiata che trapassava l’anima, il sergente gli lanciò un Tenga gli occhi aperti! e dette ordine ai suoi di ripartire. Wolf salì per qualche gradino, poi, quando i passi dei soldati si furono dispersi, tornò indietro guardingo e a fatica si infilò nel pertugio dove erano spariti i ragazzi. Con cautela aprì la porta ed entrò in un andito angusto e polveroso da dove partiva una scala a chiocciola con molti gradini di legno rotti che lasciavano scoperta la vecchia struttura metallica. Dietro la scala erano rannicchiati i ragazzi, stretti l’uno contro l’altro, immobili, rigidi, sembrava che neppure respirassero. Colpiti da un raggio di luna, tenevano la testa nascosta l’uno nell’incavo del braccio dell’altro, come due bambini che volessero rendersi invisibili coprendosi gli occhi. L’immagine strappò a Wolf un mezzo sorriso.

    Scampato pericolo – disse – se ne sono andati.

    Solo allora Wolf sentì allentarsi la tensione dei loro corpi e il respiro tornare a sollevare i loro petti.

    Perché l’hai fatto? chiese quello che pareva il più grande dei due. Il suono della voce lasciò Wolf sbigottito: impossibile sbagliare, quella era una ragazza.

    L’abbigliamento trasandato, i capelli corti, il viso magro l’avevano tratto in inganno; ma ora guardando meglio notò i lineamenti delicati, le labbra morbide, gli occhi grandi con le ciglia lunghe e folte. Istintivamente, come per sincerarsi della scoperta, allungò una mano ad accarezzarle il viso. La ragazza si scansò bruscamente e con un tono che voleva suonare minaccioso gli disse:

    Non ci provare!

    Per la seconda volta nel giro di pochi minuti Wolf si ritrovò a sorridere: il coraggio di quella ragazza era spropositato rispetto alla forza che poteva mettere in campo. Wolf decise di dire la verità:

    Non mi ero accorto che sei una ragazza. Lo sai che per te è ancora più pericoloso disattendere gli ordini? Riesci a immaginare cosa ti sarebbe successo se ti avessero trovato loro?

    In risposta la ragazza strinse le labbra e si rannicchiò di nuovo mettendo la testa fra le ginocchia. Quando ormai Wolf non aspettava più risposta venne

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1