Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Ordinamento degli Enti Locali: Concorsi per impiegato comunale nelle Aree: Amministrativa, Tecnica, Finanziaria e Contabile, Sociale

Ordinamento degli Enti Locali: Concorsi per impiegato comunale nelle Aree: Amministrativa, Tecnica, Finanziaria e Contabile, Sociale

Leggi anteprima

Ordinamento degli Enti Locali: Concorsi per impiegato comunale nelle Aree: Amministrativa, Tecnica, Finanziaria e Contabile, Sociale

Lunghezza:
225 pagine
1 ora
Pubblicato:
18 feb 2020
ISBN:
9788826025285
Formato:
Libro

Descrizione

Teoria e test per la preparazione ai concorsi per impiegato comunale (Collaboratore professionale, Istruttore, Istruttore direttivo). Sintesi ragionata del Testo Unico Enti Locali (TUEL): organi, funzioni, diritti e doveri del pubblico impiego locale, ordinamento finanziario e contabile, contratti di Comuni, Province, Comunità montane, Città metropolitane. In appendice, 100 quesiti a risposta multipla per allenarsi alla prova di preselezione e controllare la preparazione raggiunta. Aggiornato alla legge di bilancio 2020 (L. n. 160 del 27 dicembre 2019) e alla legge di conversione del decreto milleproroghe (D.L. n. 162 del 30 dicembre 2019).
Indice:
Capitolo 1 LE AUTONOMIE TERRITORIALI
1.1 La Costituzione
1.2 Il Testo Unico degli Enti Locali
Capitolo 2 L’AUTONOMIA NORMATIVA
2.1 Lo Statuto
2.2 I regolamenti degli enti locali
Capitolo 3 IL COMUNE
3.1 Elementi costitutivi
3.2 Gli organi di governo: sindaco, consiglio comunale e giunta comunale
3.3 Le circoscrizioni di decentramento comunale
3.4 Le funzioni del comune
3.5 La gestione associata delle funzioni e dei servizi comunali: le unioni di comuni e le convenzioni
3.6 Le fusioni di comuni
3.7 Le comunità montane
3.8 Roma capitale
Capitolo 4 LE CITTÀ METROPOLITANE
4.1 Elementi costitutivi
4.2 Gli organi della città metropolitana
4.3 Lo statuto
4.4 Le funzioni
4.5 La città metropolitana di Roma capitale
Capitolo 5 LE PROVINCE
5.1 Le province dopo la legge 56 del 2014
5.2 Gli organi
5.3 Le funzioni
Capitolo 6 IL PERSONALE DEGLI ENTI LOCALI E IL RAPPORTO DI LAVORO
6.1 I Segretari comunali e provinciali
6.2 I dirigenti
6.3 Fonti normative per il pubblico impiego locale
6.4 I diritti dei dipendenti dell’ente locale
6.6 Doveri dei dipendenti dell’ente locale
Capitolo 7 L’ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE
7.1 L’art. 119 della Costituzione
7.2 Le entrate tributarie
7.3 Altre entrate degli enti locali
7.4 L’ordinamento contabile
Capitolo 8 I BENI E I CONTRATTI
8.1 Beni del demanio e del patrimonio
8.2 Demanio e patrimonio degli enti locali
8.3 I contratti degli enti locali
Quesiti a risposta multipla di Diritto degli enti locali
Pubblicato:
18 feb 2020
ISBN:
9788826025285
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Ordinamento degli Enti Locali

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Ordinamento degli Enti Locali - A. Antonelli

risposte

Capitolo 1 LE AUTONOMIE TERRITORIALI

1.1 La Costituzione

Gli enti locali sono enti pubblici destinati ad operare in un ristretto ambito territoriale per il perseguimento di interessi soprattutto locali. A tale scopo essi sono dotati, dalla Costituzione, di autonomia politica e giuridica.

La Costituzione infatti proclama che l’Italia, «una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali» (articolo 5).

L’articolo 114 (modificato dalla legge costituzionale 3/2001 così recita: la «Repubblica è costituita dai comuni, dalle province, dalle città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato».

L’articolo 114, comma secondo, della Costituzione riconosce i comuni, le province, le città metropolitane e le Regioni quali enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni secondo i principi fissati dalla Costituzione.

Altre disposizioni della Costituzione, di particolare rilevanza per gli enti locali, sono:

– l’articolo 119 che affianca all’autonomia statutaria e regolamentare riconosciuta dall’art. 114, comma 2, anche l’autonomia finanziaria;

– l’articolo 118 secondo il quale le funzioni amministrative sono distribuite fra i diversi livelli di governo secondo principi di sussidiarietà, adeguatezza e differenziazione, con preferenza per i comuni;

– l’articolo. 117, co. 2, lett. p, per il quale l’ordinamento degli enti locali non è più interamente affidato alla legge statale, che si limita a disciplinare soltanto gli organi di governo, le funzioni fondamentali e la legislazione elettorale ;

– l’articolo. 123 che vede un coinvolgimento delle autonomie locali nelle decisioni delle Regioni concernenti le realtà locali attraverso il Consiglio delle autonomie locali.

1.2 Il Testo Unico degli Enti Locali

Oltre alla Costituzione, il principale testo normativo in materia di enti locali è costituito dal decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, denominato Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti Locali (TUEL). Il testo unico contiene le disposizioni relative a:

- ordinamento in senso proprio e struttura istituzionale;

- sistema elettorale, ivi comprese le disposizioni sull’ineleggibilità e sull’incompatibilità;

- stato giuridico degli amministratori;

- sistema finanziario e contabile;

- controlli;

- norme fondamentali sull’organizzazione degli uffici e del personale, ivi compresi i segretari comunali;

Il testo unico si compone di 4 parti:

1. la parte I è dedicata all’ordinamento istituzionale; è suddivisa in 6 Titoli:

Titolo I – Disposizioni generali (artt. 1-12)

Titolo II – Soggetti

Capo I – Comune (artt. 13-18)

Capo II – Provincia (artt. 19-21)

Capo III – Aree metropolitane (artt. 22-26)

Capo IV – Comunità montane (artt. 27-29)

Capo V – Forme associative (artt. 30-35)

Titolo III – Organi

Capo I – Organi di governo del comune e della provincia (artt. 36-54)

Capo II – Incandidabilità, ineleggibilità, incompatibilità (artt. 55-70)

Capo III – Sistema elettorale (artt. 71-76)

Capo IV – Status degli amministratori locali (artt. 77-87)

Titolo IV – Organizzazione e personale

Capo I – Uffici e personale (artt. 88-96)

Capo II – Segretari comunali e provinciali (artt. 97-106)

Capo III – Dirigenza ed incarichi (artt. 107-111)

Titolo V – Servizi e interventi pubblici locali (artt. 112-123)

Titolo VI – Controlli

Capo I – Controllo sugli atti (artt. 124-140)

Capo II – Controllo sugli organi (artt. 141-146)

Capo III – Controlli interni (art. 147-147quinquies)

Capo IV – Controlli esterni sulla gestione (art. 148-148bis);

2. la parte II riguarda l’ordinamento finanziario e contabile; è suddivisa in 8 Titoli:

Titolo I – Disposizioni generali (artt. 149-161)

Titolo II – Programmazione e bilanci

Capo I – Programmazione (artt. 162-173)

Capo II – Competenze in materia di bilanci (artt. 174-177)

Titolo III – Gestione del bilancio

Capo I – Entrate (artt. 178-181)

Capo II – Spese (artt. 182-185)

Capo III – Risultato di amministrazione e residui (artt. 186-190)

Capo IV – Principi di gestione e controllo di gestione(artt. 191-198bis)

Titolo IV – Investimenti

Capo I – Principi generali (artt. 199-201)

Capo II – Fonti di finanziamento mediante indebitamento (artt. 202-205bis)

Capo III – Garanzie per mutui e prestiti (artt. 206-207)

Titolo V – Tesoreria

Capo I – Disposizioni generali (artt. 208-213)

Capo II – Riscossione delle entrate (artt. 214-215)

Capo III – Pagamento delle spese (artt. 216-220)

Capo IV – Altre attività (artt. 221-222)

Capo V – Adempimenti e verifiche contabili (artt. 223-226)

Titolo VI – Rilevazione e dimostrazione dei risultati di gestione (artt. 227-233)

Titolo VII – Revisione economico-finanziaria (artt. 234-241)

Titolo VIII – Enti locali deficitari o dissestati

Capo I – Enti locali deficitari: disposizioni generali (artt. 242-243quinquies)

Capo II – Enti locali dissestati: disposizioni generali (artt. 244-251)

Capo III – Attività dell’organo straordinario di liquidazione (artt. 252-258)

Capo IV – Bilancio stabilmente riequilibrato (artt. 259-263)

Capo V – Prescrizioni e limiti conseguenti al risanamento (artt. 264-269);

3. la parte III riguarda le associazioni degli Enti locali (artt. 270-272);

4. la parte IV prevede le disposizioni transitorie e le abrogazioni(artt. 273-275).

Capitolo 2 L’AUTONOMIA NORMATIVA

2.1 Lo Statuto

Lo statuto è l’atto normativo fondamentale in cui si manifesta in maniera piena e completa l’autonomia dell’ente locale. L’art. 6 del D.Lgs. 267/2000 riconosce espressamente a province e comuni la potestà di adottare un proprio statuto. Tale riconoscimento si pone in perfetta armonia con i principi sanciti dalla Costituzione in tema di autonomie locali. L’articolo 114, comma secondo, della Costituzione riconosce infatti comuni, province e città metropolitane quali enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni secondo i principi fissati dalla Costituzione.

Secondo l’art. 6 del TUEL, lo statuto deve determinare (contenuto obbligatorio):

- le attribuzioni degli organi;

- le forme di garanzia e di partecipazione delle minoranze;

- i modi di esercizio della rappresentanza legale dell’ente, anche in giudizio;

- i criteri generali in materia di organizzazione dell’ente;

- le forme di collaborazione fra comuni e province;

- le forme della partecipazione popolare, del decentramento, dell’accesso dei cittadini alle informazioni ed ai procedimenti amministrativi, lo stemma

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Ordinamento degli Enti Locali

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori