Trova il tuo prossimo libro preferito

Abbonati oggi e leggi gratis per 30 giorni
Leggi anteprima

Lunghezza:
119 pagine
51 minuti
Editore:
Pubblicato:
Feb 18, 2017
ISBN:
9781326950842
Formato:
Libro

Descrizione

Dello sparuto, quanto fondamentale nella lirica italiana delle origini, gruppo di poeti dello stil novo Lapo Gianni e Gianni Alfani sono quelli che hanno forse goduto di minor attenzione nel corso dei secoli da parte di studiosi ed editori. Eppure il primo è stato considerato loro pari dagli stessi Guido Cavalcanti e Dante, mentre del secondo in tempi più recenti Gianfranco Contini ha messo in luce la limpida e piena adesione agli stilemi di quei «serventi d'Amore». Finalmente, con il presente volumetto, è possibile gustare tutte le loro rime superstiti ed apprezzare dunque anche altre sfaccettature del poetare reso celebre da l’un e l’altro Guido e da Dante. A cura di Daniele Lucchini.
Editore:
Pubblicato:
Feb 18, 2017
ISBN:
9781326950842
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Le rime

Libri correlati

Categorie correlate

Anteprima del libro

Le rime - Lapo Gianni

Rime

Lapo Gianni

Gianni Alfani

Colophon

Finisterrae 45

Prima volta in Finisterrae: 2017

In copertina: Giorgio Vasari

Ritratto di sei poeti toscani, 1544 (particolare)

© 2017 Daniele Lucchini, Mantova

http://www.librifinisterrae.com

Tutti i diritti riservati

ISBN: 9781326950842

Epigrafe

Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io

fossimo presi per incantamento

e messi in un vasel, ch’ad ogni vento

per mare andasse al voler vostro e mio.

Dante Alighieri, Rime

Prefazione

Lapo Gianni è universalmente conosciuto soprattutto per essere nominato da Dante nel sonetto Guido, i’ vorrei,¹ dove lo scrivente lo associa a sé e a Guido Cavalcanti in una sorta di circolo molto elitario di fedeli d’amore. Circolo che, sempre per definizione² e valutazione³ di Dante, passa alla storia con il nome di stil novo. Che tale sodalizio, almeno poetico, sia cosa certa lo confermano anche due sonetti di Cavalcanti: rispettivamente Se vedi amore⁴ e Dante, un sospiro.⁵

Appare dunque certo che i due maggiori rappresentanti dello stil novo considerano Lapo uno di loro, benché Guido ad un certo punto mostri di dubitare della sua perfetta adesione alla purezza del canone.⁶ Dubbio legittimo, poiché in più occasioni Lapo Gianni si lascia andare ad un’asprezza e ad un rinfaccio nei confronti della donna amata, Lagia, che non trovano posto nel purismo di Guido o della Vita nova dantesca, ma che lo accostano più a Dino Frescobaldi, con il quale ho già ipotizzato chiudersi, poeticamente se non cronologicamente, l’esperienza stilnovista.⁷

Se dunque non sussistono dubbi sull’appartenenza di Lapo Gianni alla cerchia dello stil novo, essendovi annoverato dai rappresentanti più illustri, diventa più incerto definirne con precisione il ruolo. Le osservazioni di Cavalcanti, come già detto, gettano un’ombra, seppur minima, sulla completa adesione poetica di Lapo al dolce stile. Lo stesso Dante nel Purgatorio,⁸ anni dopo averne fatto l’encomio nel De vulgari eloquentia, pare non considerarlo più tra i migliori esponenti della nuova lirica; infatti, dei cinque lodati nel Vulgari, Lapo Gianni e Cino da Pistoia qui vengono dimenticati.

Inoltre, se l’accostamento da me proposto poco sopra tra certi toni di Lapo e quelli di Frescobaldi nasce dalla mera osservazione stilistica e contenutistica e non vuole stabilire cronologie, non così è per tutta la critica. Ad esempio Ernesto Lamma, lo studioso bolognese al quale maggiormente si devono il recupero dei versi ed il tentativo di identificazione storica di Lapo Gianni, gli attribuisce un importante ruolo di passaggio da Guinizzelli allo stil novo compiuto della Vita nova, considerandolo colui che raffina la nuova lirica dagli echi provenzali e guinizzelliani preparando la base per lo stil novo. Ne fa conseguire un posizionamento cronologico di pochi anni precedente a Dante.

Di parere contrario è invece Gianfranco Contini, secondo cui Lapo Gianni sarebbe posteriore di alcuni anni a Dante e proprio questo ne spiegherebbe lo scostamento dalla purezza stilistica dei due maggiori verso un manierismo più decorativo e superficiale.

A me pare francamente difficile, in assenza di datazioni - quando non addirittura di identificazioni - certe di tutti i poeti tradizionalmente associati allo stil novo, stabilire delle cronologie precise al di là dell’assodato e riconosciuto primato temporale di Guinizzelli. Ritengo ci si debba limitare piuttosto alla coscienza che gli autori più indubbiamente stilnovisti hanno di sé e del proprio circolo; coscienza che si ricava proprio dai testi. La loro lettura dall’interno permette di affermare con sicurezza solamente dei termini di appartenenza. Appartenenza che appunto in un primo momento Guido e Dante riconoscono a Lapo, ma che successivamente Dante non gli riconosce più, rivendicando solo per Guinizzelli, Cavalcanti e il sé stesso più giovane il privilegio e il merito di avere creato quel dolce stil novo, ormai sì superato dalla Commedia, ma divenuto imprescindibile per il bel poetare.

Identificazione storica di Lapo Gianni

È ancora Ernesto Lamma a cui si deve l’identificazione probabile del Lapo di Guido e di Dante con Lapo di Gianni Ricevuti, giudice ordinario e notaio, riscontrabile in atti compresi tra il 1298 e il 1328 conservati presso l'Archivio di Stato di Firenze. Dunque anch’egli fiorentino, che però opera anche a Cortona, a Venezia e nella Bologna patria di Guinizzelli, che ha contatti con il poeta e notaio Francesco da Barberino (1264-1348) e che forse, ancor giovane e non ancora notaio, nel 1282 partecipa

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Le rime

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori