Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Il problema del diritto naturale vigente
Il problema del diritto naturale vigente
Il problema del diritto naturale vigente
E-book59 pagine1 ora

Il problema del diritto naturale vigente

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Info su questo ebook

Il lavoro presentato è una tesi di laurea di molti anni addietro che ebbe a suo tempo la massima valutazione.

Il relatore era il compianto Professor Sergio COTTA.

La questione affrontata è la natura del diritto naturale rapportato a quello positivo e si afferma che a suo modo il diritto positivo a una sua naturalità.

Ci sono naturalmente altre questioni che ovviamente non possono essere presentate in modo esaustivo attraverso una semplice presentazione.
LinguaItaliano
Data di uscita9 feb 2017
ISBN9788892649569
Il problema del diritto naturale vigente
Leggi anteprima

Leggi altro di Fabio Bellia

Correlato a Il problema del diritto naturale vigente

Libri correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Recensioni su Il problema del diritto naturale vigente

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

    Anteprima del libro

    Il problema del diritto naturale vigente - Fabio Bellia

    Indice

    IL DIRITTO NATURALE

    Premessa

    Giusnaturalismo e giuspositivismo

    Un approccio fenomenologico al diritto

    GIUSTIFICAZIONE DELLA NORMA E DIRITTO NATURALE

    Premessa

    La fallacia naturalistica

    Funzione euristica della nozione di diritto naturale

    IL DIRITTO NATURALE VIGENTE

    L’obbligatorietà della norma

    Il diritto positivo come diritto naturale vigente

    Forme tipiche del diritto naturale vigente

    BIBLIOGRAFIA

    UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI ROMA

    LA SAPIENZA

    FACOLTA’ DI GIURISPRUDENZA

    ISTITUTO DI FILOSOFIA DEL DIRITTO

    TEASI DI LAUREA

    "IL PROBLEMA DEL DIRITTO NATURALE VIGENTE

    RELATORE

    CHIAR.MO PROF. SERGIO COTTA

    CANDIDATO

    FABIO BELLIA

    ANNO ACCADEMICO 1991/92

    Capitolo I

    IL DIRITTO NATURALE

    Premessa

    Per diritto naturale s’intende, in senso latissimo, un diritto che ha per suo fondamento, immediato o mediato, la natura (intesa anch’essa in senso latissimo), e che quindi, proprio per tale fondamento si distingue dal diritto positivo, o ius in civitate positum, la cui fonte di produzione invece empiricamente e storicamente individualizzata: il legislatore, il giudice, la comunità (secondo che si abbia produzione legislativa, giudiziaria o consuetudinaria del diritto) (¹ )

    Vero è che, come non esiste, di fatto un’unica accezione del termine diritto (² ), così non esiste un’unica accezione del diritto naturale (³ ).

    Si può tuttavia parlare di un concetto volgarizzato di diritto naturale, inteso come corpus de preeptes immuables, formant dualisme superpose aux lois positives (⁴ )

    Non pochi autori per verità dichiarano che sarebbe preferibile espellere l’espressione diritto naturale dal linguaggio scientifico per evitare confusione (⁵ ) e però essi stessi, per ragioni pratiche, finiscono per continuare ad utilizzare tale terminologia (⁶ )

    Si tratta in effetti, di un’espressione di comodo, di un’espressione, cioè, il cui contenuto anche se non precisato, indica comunque un qualcosa che al di sopra o, per lo meno, al di fuori di quello che si usa chiamare diritto dello stato (⁷ ).

    E il diritto naturale viene qui inteso come un ordine obbiettivo precedente condizionante l’ordinamento statuale (⁸ ).

    Tale accezione, a prescindere da una maggiore precisazione del contenuto, appare in linea con quello che è stato definito diritto naturale classico (⁹ ), ma corrisponde alle tesi fondamentali delle varie teorie che si sono succedute nei tempi. (¹⁰ )

    Che in effetti, l‘ideale del diritto naturale si è presentato e si presenta tuttora sotto aspetti diversi e talvolta persino contraddittori.

    Si può infatti concepire la legge non scritta, modello e termine di paragone delle leggi dello Stato, anzitutto come legge posta dalla divinità (¹¹ ); ma si può anche concepirla come legge della natura in senso stretto, propriamente naturalistico, cioè come insieme di regole di comportamento presenti nell’uomo in quanto mero essere vivente (¹² ).

    Ma può anche concepirsi, infine, come norma dettata dalla ragione, specifica perciò dell’uomo, e rivolta alla sua libera volontà, nel quadro di una morale razionale ¹³ .

    Né manca che trova il fondamento del diritto naturale in Dio, nella natura e nella ragione compresa in un unico concetto: la vera legge è ragione; la ragione è conforme alla natura; e autore della legge è Dio, identificato con la natura e con la ragione ¹⁴

    Al di là delle varie concezioni su diritto naturale e su cosa debba intendersi per diritto e per natura persino, è ben vero che si ritrova sempre presente nella coscienza, e

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1