Goditi subito questo titolo e milioni di altri con una prova gratuita

Solo $9.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Il Libro di Enoch

Il Libro di Enoch

Leggi anteprima

Il Libro di Enoch

valutazioni:
1/5 (1 valutazione)
Lunghezza:
226 pagine
2 ore
Pubblicato:
Feb 8, 2017
ISBN:
9788898301935
Formato:
Libro

Descrizione

Il Libro di Enoch è un testo apocrifo di origine ebraica la cui versione definitiva risale al primo secolo a.C., raggiunto oggi in pieno in una versione in lingua Ge’ez (antica lingua Etiope), da cui il nome Enoch etiopico. Il primo libro di Enoch è un apocrifo dell’Antico Testamento, non incluso nella Bibbia ebraica, non è parte della Bibbia in Greco chiamato dei (Settanta) e non è parte di, almeno oggi, anche della Bibbia Cristiana. Gli storici Ebrei Flavio Giuseppe e Filone di Alessandria non lo menzionano tra i libri canonici del giudaismo nel primo secolo d.C., anche se sappiamo che in passato è stato spesso utilizzato nel mondo ebraico e anche i primi padri della Chiesa Cristiana, ci sono infatti alcune analogie tra passi e idiomi caratteristici del Nuovo Testamento, e questo libro. In epoca medievale si sono perse le tracce misteriosamente tranne qualche rara citazione, come quelli di Sincello e Cedreno del IX secolo non è più stato utilizzato, e 1 Enoch è rimasto un testo sconosciuto e misterioso fino a ‘700. La tradizione dice il patriarca Enoch autore di oltre trecento sessantasei libri. I più famosi sono il primo libro di Enoch, il secondo libro di Enoch (chiamato anche Libro dei Segreti di Enoch) e il terzo libro di Enoch (Enoch o l’Apocalisse). Secondo gli storici questi libri in realtà non contengono parole attribuite direttamente all’antico patriarca biblico descritto nella Genesi, perché avrebbe teoricamente vissuto qualche migliaio di anni prima che apparisse nei libri a lui attribuiti. Perché 1 Enoch viene anche definito pseudoepigrafo, o uno scritto attribuito a un antico patriarca con un espediente letterario per conferire un’aura di autenticità e l’autorità conteneva. Enoch significa in ebraico “l’iniziato.” Secondo il libro di Enoch Genesi è un discendente di Seth, il terzo figlio di Adamo ed Eva nati dopo l’assassinio di Abele. Da non confondere con il figlio di Caino, chiamato anche Enoch.

AA. VV.
Traduzione italiana e contenuti aggiuntivi a cura di Leonardo Paolo Lovari
Prefazione di ADRIAN G. GILBERT
Introduzione di W. O. E. OESTERLEY, D.D.
Pubblicato:
Feb 8, 2017
ISBN:
9788898301935
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Il Libro di Enoch

Leggi altro di Aa. Vv.

Libri correlati

Anteprima del libro

Il Libro di Enoch - AA. VV.

PREFAZIONE DI ADRIAN G. GILBERT

La riscoperta del Libro di Enoch da parte dell’esploratore scozzese James Bruce nel 1773, è stato un momento importante per tutti gli interessati all’evoluzione e allo sviluppo del cristianesimo esoterico. Naturalmente il libro non è stato davvero perso per tutti, ma era stato conservato, in segreto, in Etiopia, in quanto importante centro per le tradizioni esoteriche. Bruce ha riportato tre copie in Europa, tutte scritte in lingua etiopica. Uno di queste è stata donata alla Bodleian Library di Oxford. Qui è stato non tradotto per alcuni decenni fino a quando una versione inglese è stata poi pubblicata nel 1821.

Questa divenne una questione di grande eccitazione per la chiesa, perché vi è un riferimento a Enoch nella Lettera di Giuda, dove si legge: ‘Enoch, il settimo da Adamo, profetizzò, dicendo: Ecco, il Signore viene con decine di migliaia di suoi santi, per eseguire il giudizio su tutto... . La lettera di Giuda si trova alla fine della Bibbia canonica, poco prima del suo ultimo libro: La Rivelazione di San Giovanni. Si è quindi considerato come profetico degli ultimi giorni, che sono descritti in senso figurato, con il simbolismo complesso, nella Rivelazione stessa. Questo da solo dovrebbe aver fatto drizzare le orecchie a tutti i sacerdoti di tutte le chiese (non solo la Cattolica Romana) quando è stato rivelato che un lavoro di Enoch stesso era stato riportato dall’Etiopia. Ma non fu così. Invece si è arrogantemente presunto che il libro era un falso del secondo secolo d.C., e quindi non ci fu nessuna conseguenza per i cristiani.

Tutto questo è cambiato con la scoperta dei Rotoli del Mar Morto nel 1946 e tra questi furono trovati frammenti dello stesso Libro di Enoch, scritto nell’originale ebraico. Dal momento che è chiaro da altri elementi di prova che la comunità di Qumran, generalmente creduta essere Essena, esisteva al tempo di Gesù ed è stata distrutta dalle forze Romane al tempo della ribellione ebraica del 70 d.C., è chiaro che il libro fu scritto prima di questa epoca.

Allora, chi, poi, era Enoch? Ben poco dice su di lui la Bibbia stessa. In Genesi ci viene detto che era il figlio di Jared, che lo mette nella settima generazione dopo Adamo. Era il padre di Matusalemme, che a sua volta era il padre di Lamec, il padre di Noè. Enoch, quindi, è antidiluviano (prima del diluvio di Noè), essendo il bisnonno di Noè che costruì l’arca. Questo, tuttavia, non è il motivo per cui è famoso. La Genesi ci dice anche che ‘Enoch camminò con Dio’. In altre parole, era un uomo santo, il primo dopo la caduta di Adamo, che era in comunicazione diretta con il creatore. Ha vissuto per 365 anni (forse simbolico del numero di giorni in un anno, e quindi di un ciclo più lungo) e alla fine dei suoi giorni, ‘non c’era, perché Dio lo prese’. E’ stato quindi il primo dei tre uomini nella Bibbia ‘da prendere’, corpo e anima, dalla terra, gli altri due sono Elia e Gesù. Esattamente come fu ‘preso’, se da una sorta di navicella spaziale, con la dematerializzazione o altri mezzi, non lo sappiamo. L’ascensione di Enoch deve essere stata nella dottrina cristiana fin dai primi tempi, San Paolo applaude la sua fede nella Lettera agli Ebrei: ‘Per la sua fede Enoc è stata preso in modo che non vedesse la morte; e lui non è stato trovato perché Dio lo aveva prelevato’ [Eb 11: 5]. E’ chiaro che i primi cristiani e gli Esseni credevano che Enoch era asceso al cielo più o meno allo stesso modo in cui la Bibbia ci dice di Elia. Non ci viene detto niente altro su di lui se non che era un sant’uomo. Eppure era chiaramente considerato alla pari con Elia: il profeta che fu poi reincarnato (così Gesù ci dice), come San Giovanni Battista.

Questo ci porta al Libro di Enoch stesso. Che cosa ci dice su di lui o, cosa ancora più importante, il suo rapporto con Dio? Beh un bel po’ in realtà. In effetti si tratta di un documento straordinario, rivela che anche quando era in vita, fu trasportato in ‘Paradiso’. Tuttavia, vorrei richiamare l’attenzione su di un altro antico manoscritto, l’Hermetica che porta molte somiglianze. Questo libro, scritto in greco, è stato quasi certamente scritto ad Alessandria e, probabilmente, anche all’epoca di Gesù. Anche questo fu perso in Europa per secoli, e venne alla luce in seguito alla caduta di Costantinopoli in mano ai turchi nel 1453. Quei greci che abbandonarono la città, potrebbero aver portato con sé quei pochi da salvare. In questo modo, una sola copia dell’Hermetica fece la sua strada verso l’Italia, finendo nelle mani di Cosimo de’ Medici, duca di Firenze. Eccitato da questo pezzo di fortuna, ordinò allo studioso Marsilio Ficino di mettere da parte le opere di Platone e lavorare invece su questo nuovo libro. Come il Libro di Enoch, l’Hermetica si rivelò essere un tesoro di saggezza antica. In effetti fu una fonte importante di ispirazione per il Rinascimento emergente in Italia e altrove.

La prima parte dell’Hermetica è una raccolta di 18 ‘Libelli’ o saggi, organizzato in capitoli. La più importante di queste è la prima, un documento chiamato in Greco Poimandres o ‘Pastore di uomini’. Esso descrive l’iniziazione di un insegnante Egiziano chiamato Hermes, soprannominato Trismegisto o ‘il tre volte grande’. Hermes incontra l’entità Poimandres, che si rivela essere la ‘mente della sovranità’, cioè Dio. La descrizione di questo incontro è per molti versi simile alla visione di San Giovanni nell’isola di Patmos (la prima parte del libro dell’Apocalisse) quando viene avviato da un’entità simile a Cristo che si fa chiamare ‘l’alfa e l’omega, il primo e l’ultimo’. San Giovanni sviene e in questo stato di trance, riceve il testo della Rivelazione. In un certo senso un po’ simile, Hermes si trova paralizzato sul suo letto, mentre lui ha un’esperienza fuori dal corpo. Egli è preso da Poimandres che gli mostra le meraviglie del Cielo e della Terra. Gli viene spiegata la creazione del mondo e anche quella dell’Uomo. Poimandres lo mostra come l’anima dell’uomo, venuto sulla terra dalle regioni più alte del cielo al fine di sperimentare cosa si prova a creare come lo stesso Creatore. Tuttavia, quando mostrò il suo bel viso alla Natura, si innamorò di lui e lui di lei. Da allora in poi essi divennero intrecciati in un abbraccio che non lasciò libero. Ad Hermes viene insegnato come diventare di nuovo libero, l’umanità deve allontanarsi dalle carnali delizie attraverso l’Amore di Dio.

Ora c’è molto di più di tutto quello che ho descritto qui e mi raccomando che chiunque sia interessato al libro di Enoch legga il Poimandres. Ermete Trismegisto, va sottolineato, è il nome greco dato all’antico dio Egizio Thot. Egli è anche identificato con il profeta ebreo Enoch che, come Thoth-Hermes, si dice abbia vissuto prima del Diluvio. Ciò che tutti questi saggi hanno in comune è che sono stati scritti da scrittori di libri sacri. Thot si dice che abbia scritto decine di libri, molti dei quali sono stati persi oltre a frammenti contenuti nei Testi delle Piramidi, Testi dei Sarcofagi e l’Egiziano ‘Libro dei morti’. Hermes ha scritto le parti dell’Hermetica (che contiene anche i commenti dei suoi studenti), mentre Enoch si dice che abbia scritto non solo il libro riportato dall’Etiopia, ma anche almeno un altro conservato dalla Chiesa ortodossa Serba. Così il Libro di Enoch, che può o non può essere stato in realtà scritto nel I secolo d.C., appartiene ad un’antica e venerabile tradizione esoterica. Alla sua radice vi è un’iniziazione che insegna che l’uomo ha la possibilità di tornare al cielo anche in qualità di emissario per conto di Dio. Si tratta di un insegnamento che non ha età e ancora esistono suoi sostenitori in questo tempo.

Adrian G. Gilbert. - Tonbridge 2016

INTRODUZIONE

LA LETTERATURA APOCALITTICA

Il Libro di Enoch è per certi aspetti, il più notevole lavoro apocalittico esistente al di fuori delle Scritture canoniche, non sarà qui inopportuno offrire alcune osservazioni sulla letteratura apocalittica in generale. Nello scrivere dei libri che appartengono a questa letteratura, il Prof. Burkitt dice molto acutamente che "sono la sopravvivenza più caratteristica di quello che mi permetto di chiamare, con tutta la sua limitatezza e la sua incoerenza, l’età eroica della storia Ebraica, l’età di quando la nazione ha tentato di rendersi conto dell’azione tipica del popolo di Dio. Si è conclusa con una catastrofe, ma la nazione ci ha lasciato due successori, la Chiesa Cristiana e le Scuole Rabbiniche, ognuna delle quali è realizzata su alcuni vecchi obiettivi nazionali. Delle due è stata la Chiesa Cristiana che è stata più fedele alle idee sancite dalle Apocalissi, e si riteneva, non senza qualche ragione, l’adempimento di quelle idee. Quello che si vuole, quindi, nello studiare le Apocalissi è, al di sopra tutto, la comprensione delle idee che le sotto intendono, e soprattutto la convinzione nella nuova Era. Coloro che credono che nel Cristianesimo ci sia una nuova era davvero, credo, le abbiano in simpatia.... Studiamo le Apocalissi per imparare come i nostri antenati spirituali speravano ancora che Dio avrebbe fatto il bene alla fine; e che noi, loro figli, siamo qui oggi per studiarle nella speranza che non era del tutto infondata.¹

"Ma con i giusti Egli farà la pace,

E proteggerà gli eletti,

E la misericordia ricadrà su di loro.

"E perché tutti appartengono a Dio,

E saranno tutti prosperi,

E saranno tutti benedetti.

"Ed Egli li aiuterà,

E la luce apparirà a loro,

E farà la pace con loro"

(1 Enoch i. 8).

In tutti i libri che appartengono a questa letteratura e che sono giunti fino a noi questa speranza si esprime più o meno vividamente; non lo sfondo scuro che vogliono con profezie di ira imminente. Sarà, quindi, realizzato che la letteratura Apocalittica è quasi totalmente interessata con il futuro; se è vero che più e più volte l’apocalittico lancia uno sguardo alla storia contemporanea del mondo che lo circonda, a cui molti fanno un riferimento criptico, un fatto che richiede una certa conoscenza della storia di questo periodo (circa 200 a.C.-100 d.C.) per una piena comprensione dei libri in questione, ma questi riferimenti vengono effettuati solo al fine di confortare gli oppressi e afflitti con il pensiero che anche il più potente dei poteri terreni è poco per rovesciare l’avvento dell’Era nuova e gloriosa quando ogni ingiustizia e tutte le incongruenze della vita saranno eliminate. Così ogni riferimento al presente è semplicemente una posizione assunta da cui puntare al futuro. Ora, dal momento che, come abbiamo visto, la disperazione degli Apocalittici di qualsiasi miglioramento del mondo attuale, contempla la sua distruzione come preliminare del nuovo ordine di cose, guardano lontano da questo mondo nelle loro visioni del futuro; concepiscono altre forze mondane che entrano in gioco nella ricostituzione delle cose, e della società in generale; e dal momento che queste sono forze del mondo soprannaturale, ciò gioca un grande ruolo nella Letteratura Apocalittica. Questa colorazione soprannaturale spesso colpisce il lettore di questa letteratura come fantastica, e a volte bizzarra; ma questo non dovrebbe oscurare la realtà che spesso si cela dietro queste strane ombre. Le visioni mentali non sono sempre facilmente espresse con parole; il veggente che in una visione ha ricevuto un messaggio in qualche fantastica veste ha necessariamente impresso nella mente ciò che ha visto quando conferisce il suo messaggio; e quando descrive la visione del quadro che presenta è, nella natura del caso, più fantastico per l’orecchio di chi ascolta che per l’occhio di colui che lo vide. Si dovrebbe tenere conto di questo; soprattutto gli Occidentali che sono così carenti nella ricca fantasia dell’Orientale. Il nostro amore di letteralità ostacola il gioco della fantasia, perché siamo così inclini a un’immagine mentale presentata da un altro materializzarsi. Le Apocalissi sono stati scritte da e per gli Orientali, e non possiamo fare giustizia a loro a meno che non ci ricordiamo questo; ma sarebbe meglio se potessimo entrare nella mente Orientale e guardare le cose da questo punto di vista.

Un’altra cosa a cui il lettore della letteratura Apocalittica deve essere preparato, è la frequente incoerenza di pensiero che vi si trova, insieme con la variabilità di insegnamento spesso cade in contraddizione. La ragione di ciò non è da ricercarsi semplicemente nel fatto che nelle Apocalissi c’è la mano di più autori di cui è frequentemente difficile distinguere, il che sarebbe facilmente motivo di divergenza di opinioni in uno stesso libro, la ragione principale è che, da un lato, le menti degli Apocalittici sono state saturate con i pensieri e le idee tradizionali del Vecchio Testamento, e dall’altro, erano avidi nell’assorbire le più recenti concezioni che lo spirito del tempo aveva posto in essere. Questo provocò un conflitto continuo di pensiero nella loro mente; il tentativo di armonizzare il vecchio e il nuovo non sempre è un successo, e di conseguenza spesso ci ha portato a un compromesso che era illogico e che ha presentato

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Il Libro di Enoch

1.0
1 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori