Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

L'orologiaio: Un Romanzo Breve (Edizione Italiana)

L'orologiaio: Un Romanzo Breve (Edizione Italiana)

Leggi anteprima

L'orologiaio: Un Romanzo Breve (Edizione Italiana)

valutazioni:
5/5 (1 valutazione)
Lunghezza:
71 pagine
1 ora
Pubblicato:
17 gen 2017
ISBN:
9781943036226
Formato:
Libro

Descrizione

– Chiediti se sia possibile vincere un'ora di tempo —

Marae O'Conaire ha problemi ben più importanti del suo orologio fermatosi alle 15:57. Quando lo porta a riparare da un gentile signore, apprende di aver vinto un premio speciale: la possibilità di poter rivivere un'unica ora della propria vita. Ma il Destino ha leggi ferree in merito al giocare col proprio passato, come, per esempio, il non poter far niente che possa dar vita a un paradosso temporale. Riuscirà Marae a far pace con l'errore commesso del quale più si pente?

"Un racconto toccante. Avere l'opportunità di riscattarsi per il rammarico più grande della propria vita è un'occasione unica!" – Recensione di un lettore

"Una storia davvero toccante e commovente...se avessimo l'opportunità di cambiare il nostro passato, lo faremmo?" – Recensione di un lettore

"Una lettura breve e toccante in merito al tema della mitologia Scandinava. Il tempo è un dono prezioso e, a volte, un'ultima opportunità..." - Dale Amidei, scrittore

Questa è una storia che parla di razzismo, rimpianti e seconde opportunità. E se fosse possibile rifare tutto daccapo?
*
Parole: Italian, Italian language, Italian books, Italian language books, Italian novel, Italian novels, books in Italian language, Italian edition, Italian language edition, Italian language novels, Italian romance, Italian language romance, Italian romance novels, Italian romance books, Italian fantasy, Italian fantasy novels, Italian science fiction, Italian time travel, time travel books, Interracial dating, Racism, Prejudice, Latino culture, Interracial relationships, time travel romance, second chances, time paradox, Lowell Massachusetts, Norse mythology, Norns, fate, magical realism, sweet romance, metaphysical books, Italiano, lingua italiana, libri italiani, libri in lingua italiana, romanzo italiano, romanzi italiani, libri in lingua italiana, edizione italiana, edizione in lingua italiana, i romanzi di lingua italiana, il romanticismo italiano, lingua italiana romance, romanzi rosa italiana, romance italiano, italiana fantasia, romanzi fantasy italiano, italiano di fantascienza, viaggi nel tempo italiana, libri di viaggio del tempo, interrazziale incontri, razzismo, i pregiudizi, cultura ispanica, incontri ispanici, cultura latina, interrazziale relazioni, Outlander, cosa leggere dopo Outlander, la moglie del viaggiatore del tempo, cosa leggere dopo la moglie del viaggiatore del tempo, tempo di romanticismo viaggi, seconde occasioni, paradosso temporale, Lowell Massachusetts, mitologia norrena, Norns, il destino, il realismo magico, romanticismo dolce, libri metafisici,

Pubblicato:
17 gen 2017
ISBN:
9781943036226
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore

Anna Erishkigal is an attorney who writes fantasy fiction under a pen-name so her colleagues don't question whether her legal pleadings are fantasy fiction as well. Much of law, it turns out, -is- fantasy fiction. Lawyers just prefer to call it 'zealously representing your client.'.Seeing the dark underbelly of life makes for some interesting fictional characters. The kind you either want to incarcerate, or run home and write about. In fiction, you can fudge facts without worrying too much about the truth. In legal pleadings, if your client lies to you, you look stupid in front of the judge..At least in fiction, if a character becomes troublesome, you can always kill them off.


Correlato a L'orologiaio

Libri correlati

Anteprima del libro

L'orologiaio - Anna Erishkigal

L'OROLOGIAIO

(Un Romanzo Breve)

di

Anna Erishkigal

.

Edizione Italiana

Copyright 2014 – Anna Erishkigal

Tutti i diritti riservati

Descrizione

– Chiediti se sia possibile vincere un'ora di tempo —

.

Marae O'Conaire ha problemi ben più importanti del suo orologio fermatosi alle 15:57. Quando lo porta a riparare da un gentile signore, apprende di aver vinto un premio speciale: la possibilità di poter rivivere un'unica ora della propria vita. Ma il Destino ha leggi ferree in merito al giocare col proprio passato, come, per esempio, il non poter far niente che possa dar vita a un paradosso temporale. Riuscirà Marae a far pace con l'errore commesso del quale più si pente?

.

Un racconto toccante. Avere l'opportunità di riscattarsi per il rammarico più grande della propria vita è un'occasione unica! – Recensione di un lettore

.

Una storia davvero toccante e commovente...se avessimo l'opportunità di cambiare il nostro passato, lo faremmo? – Recensione di un lettore

.

Una lettura breve e toccante in merito al tema della mitologia Scandinava. Il tempo è un dono prezioso e, a volte, un'ultima opportunità… - Dale Amidei, scrittore

.

Questa è una storia che parla di razzismo, rimpianti e seconde opportunità. E se fosse possibile rifare tutto daccapo?

Sommario

Descrizione

Sommario

Dedica

Carta geografica: Il viaggio di Marae

Capitolo 1

Capitolo 2

Capitolo 3

Capitolo 4

Capitolo 5

Capitolo 6

Illustrazione: Le Norne di H.L.M.

Le Norne

Un attimo, per favore...

Iscriviti al mio gruppo di lettura e ricevendo un ebook gratuito

Prossimamente: La Spada degli Dei

Anteprima: Un gotico angelo di natale

Anteprima: Il califfato: un thriller distopico

L'autrice

Gli altri libri di Anna Erishkigal

Copyright

Dedica

Dedico questo libro a Zio Hubert, un uomo gentile che ha dedicato la propria vita al mantenere in vita le cose più piccole e più significative. Siamo certi che lassù in cielo andrà tutto meglio con te a oliare gli ingranaggi.

Carta geografica:

Il viaggio di Marae

Capitolo 1

L'orologio si fermò alle 15:57 di mercoledì 29 gennaio. Era un giorno come tutti gli altri, mi domandavo se ce l'avrei fatta ad arrivare alla biblioteca dell'università, dall’altra parte del fiume, per preparare la mia tesina. Stranamente non sentivo alcuna sensazione di perdita né di opprimente terrore; queste due emozioni mi avevano accompagnato durante la mia intera esistenza. Avevo solo l'impressione di non avere più tempo a mia disposizione.

Devo aver controllato l'orologio che portavo al polso almeno una ventina di volte, prima di capire che quello appeso al muro era andato avanti, ma il mio era rimasto fermo alle 15:57.

Guardai dal finestrino mentre l'autobus sobbalzava, superando le fabbriche tessili che troneggiavano su Boardinghouse Park come un'enorme cittadella di mattoni rossi. Un tendone da caccia verde giaceva abbandonato in un cumulo di neve, piccoli ghiaccioli brillavano nella trama della rete come lacrime d'angelo. Una volta Josh mi aveva portato lì a vedere un concerto, di quelli gratuiti, quando era ancora caldo abbastanza per sedersi fuori. Mi strinsi il pugno al petto e mi sforzai di guardare dal finestrino opposto, fingendo interesse per la City Magnet School, in modo che il vecchio rugoso uomo vietnamita seduto dall'altra parte del corridoio dell’autobus, non pensasse che lo stessi fissando.

L'autobus girò l'angolo, superò una pensione a tre piani, che sembrava fuori luogo in una città ormai composta solamente da vetrine e uffici. Durante la Rivoluzione Industriale, un'intera generazione di donne lasciò le campagne per lavorare nelle fabbriche tessili, come fanno oggi i giovani che abbandonano le loro cittadine per frequentare l'Università che è a cavallo tra i due fiumi.

Al tempo, come oggi, ce ne era di lavoro da svolgere nei giganteschi edifici di mattoni che costeggiavano i canali; ai giorni nostri le fabbriche producono tessuti e trame d’alta tecnologia: lavori di tecnologia, scienza e ingegneristica.

Giocherellavo con l’orologio, ricordando a me stessa che la mia decisione era stata molto sensata. Dovevo venire in questa città per assicurarmi una vita migliore, per sfuggire dalla trappola in cui era caduta mia madre sposandosi troppo giovane e facendo troppi figli. Ero una studentessa modello con un'ottima

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di L'orologiaio

5.0
1 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori