Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Hatha Yoga con buon senso: consigli dimenticati

Hatha Yoga con buon senso: consigli dimenticati

Leggi anteprima

Hatha Yoga con buon senso: consigli dimenticati

Lunghezza:
41 pagine
26 minuti
Editore:
Pubblicato:
20 set 2020
ISBN:
9781507167137
Formato:
Libro

Descrizione

Il moderno yoga occidentale dovrebbe essere analizzato sulla base di criteri sé stanti. Le regole dimenticate delle Asana e del prANAyAma appaiono forse esotiche oggigiorno e la Kundalini sembra essere addormentata nel suo nido senza tempo. Ma attenzione: “Un legno marcio non si può intagliare” (Confucio).

È chiaro che lo “yoga occidentale” non è lo Hatha Yoga che ha le sue radici nello Yoga Darsana e in Patanjali.

L’essenza di questo culto apparentemente edonistico ed egocentrico del fitness viene plasmata da chi lo insegna e da chi lo pratica.

Un momento per guardarsi allo specchio.

Editore:
Pubblicato:
20 set 2020
ISBN:
9781507167137
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Hatha Yoga con buon senso

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Hatha Yoga con buon senso - APO HALMYRIS

La ruota. Un’introduzione

I contenuti di questo libro non sono stati concepiti per i principianti desiderosi di intraprendere la lunga e tortuosa strada dello yoga.

Chi già possiede un’esperienza e qualche conoscenza nel campo dello Hatha Yoga o chi ha seguito una delle moderne varianti dello yoga occidentale, potrà leggere il presente volume per riflettere sui suggerimenti che qui vengono offerti.

Sono partito dal presupposto che i lettori interessati a queste pagine abbiano ricevuto dai loro insegnanti o dai loro mentori le nozioni basilari sulle Asana e su alcune delle tecniche di Pranayama.

La storia delle invenzioni umane è fatta di una lunga serie di ricerche e tentativi. Alcune di queste invenzioni si sono dimostrate fondamentali, assolvendo funzioni essenziali in passato, e possiedono tutt’oggi lo stesso considerevole valore che avevano al tempo della loro creazione.

Ne è un esempio la ruota, che ha avuto le sue origini nel tardo Neolitico (6500-4500 a.C.) sottoforma di dischi in legno. Intorno al 4500 a.C. si può collocare invece l’invenzione del tornio.

Dai ritrovamenti sappiamo che i veicoli dotati di ruote, contemporanei all’addomesticamento del cavallo, erano in uso nel periodo tra il 4500 e il 3300 a.C.

Le innovazioni della ruota a raggi e del carro entrarono in uso nell’Età del Bronzo (2200-1550 a.C.).

Nelle civiltà della valle dell’Indo e dell’India nord-occidentale sono state rinvenute ruote in argilla di carretti giocattolo con linee tracciate in rilievo per rappresentare i raggi.

È interessante notare che non tutte le civiltà hanno avuto quest’idea prima del XVI secolo: così è avvenuto ad esempio nel caso dei Maya.

Quella della ruota è un’invenzione fondamentale per il genere umano. Grazie al suo valore pratico è in uso ancora oggi, dopo essere stata sperimentata e migliorata nel corso di migliaia di anni.

Alcuni elementi aggiuntivi si sono dimostrati di estrema utilità, come i raggi e le migliorie apportate grazie ai cuscinetti e al lubrificante.

Rimarchevoli sono l’idea di base, la prova che superato con il passare del tempo e le innovazioni di un certo valore. Ma è difficile far finta di niente davanti ai frivoli ornamenti applicati alle ruote delle auto moderne, oltre agli accessori intonati di dubbia utilità.

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Hatha Yoga con buon senso

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori