Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Detti di Frate Egidio
Detti di Frate Egidio
Detti di Frate Egidio
E-book53 pagine42 minuti

Detti di Frate Egidio

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Ecco un altro libro appartenente alla catena dei testi di spiritualità francescana. I francescani hanno abituato negli anni i cristiani a testi di alta spiritualità. Nei libri francescani possiamo trovare di tutto: testimonianza, amor di Dio, timor di Dio e moltissimi altri aspetti di questo grande ordine. Una lettura semplice, ma nello stesso tempo efficace per la crescita spirituale di ogni cristiano.
LinguaItaliano
Data di uscita13 dic 2016
ISBN9781326891442
Detti di Frate Egidio
Leggi anteprima

Correlato a Detti di Frate Egidio

Ebook correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Recensioni su Detti di Frate Egidio

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Detti di Frate Egidio - Beato Egidio di Assisi

    Indice

    Detti di Frate Egidio

    Capitolo de vizj, e della virtù

    Capitolo della Fede

    Capitolo della santa Umiltade

    Capitolo dello santo timore di Dio

    Capitolo della santa pazienzia

    Capitolo dell’oziositade

    Capitolo del dispiacimento delle cose temporali

    Capitolo della santa castitade

    Capitolo delle tentazioni

    Capitolo della santa penitenzia

    Capitolo della santa orazione

    Capitolo della santa cautela spirituale

    Capitolo della scienzia utile, e non utile

    Capitolo del bene parlare e del male

    Capitolo della buona perseverazione

    Capitolo della vera Religione

    Capitolo della santa obbedienzia

    Capitolo della memoria della morte

    Note del Libro

    Detti di Frate Egidio

    Incominciano li capitoli di certa dottrina e detti notabili di Frate Egidio e in prima.

    Capitolo de vizj, e della virtù

    La grazia di Dio, e la virtù sono via e scala da salire al Cielo; ma li vizi e li peccati sono via, e scala da discendere al profondo dello Inferno. Li vizi e li peccati sono tossico e veleno mortale; ma le virtù, e le buone opere sono triaca [1] medicinale. L’una grazia conduce e tirasi dietro l’altra, l’uno vizio tira dietro l’altro. La grazia non desidera d’essere lodata; e ’l vizio non può sofferire d’essere dispregiato. La mente nella umiltà quiesce e riposa; la pazienzia è sua figliuola. E la santa purità del cuore vede Iddio; ma la vera devozione lo gusta. Se tu ami, sarai amato. Se tu servi, sarai servito. Se tu temi, sarai temuto. Se tu bene ti porterai d’altrui, conviene che altri si porti bene di te. Ma beato è colui che veramente ama, e non desidera d’essere amato. Beato è colui che serve, e non desidera d’essere servito. Beato è colui che teme, e non desidera d’essere temuto. Beato è colui che bene si porta d’altrui, e non desidera che altri si porti bene di lui. Ma perocchè queste cose sono cose altissime, e di grande perfezione, però gli stolti non le possono conoscere nè conquistare. Tre cose sono molto altissime e utilissime, le quali chi le avesse acquistate, non potrebbe mai cadere. La prima si è, se tu sostieni volentieri con allegrezza ogni tribolazione che ti avviene, per lo amore di Gesù Cristo. La seconda si è, se tu ti umilii ognindì in ogni cosa che tu fai, ed in ogni cosa che tu vedi. La terza si è, che tu fedelmente ami quello sommo bene celestiale invisibile con tutto il cuore, lo quale non si può vedere con gli occhi corporali. Quelle cose che sono più dispregiate, e più vituperate dagli uomini mondani, sono veramente più accettabili, e più ricevute da Dio e dalli suoi Santi; e quelle cose che sono più amate e più onorate, e più piacciono agli uomini mondani, quelle sono più dispregiate, e vituperate e odiate da Dio, e dalli suoi Santi. Questa laica inconvenienza procede dalla ignoranza e malizia umana: imperocchè l’uomo misero più ama quelle cose che doverebbe avere in odio, ed ha in odio quelle cose, che doverebbe amare. Una volta domandò Frate Egidio a un altro Frate, dicendo: Dimmi carissimo, hai tu buona anima? Rispuose il Frate: Questo non so io, e allora disse Frate Egidio: Fratello mio, io voglio che tu sappi, che la santa contrizione e santa umiltade, e santa caritade, e la santa divozione, e la santa letizia fanno buona l’anima, e beata.

    Capitolo della Fede

    Tutte quelle cose che si possono pensare col cuore, o dire colla lingua, o vedere con gli occhi, o palpare colle mani, tutte sono quasi niente, a rispetto e a comparazione di quelle cose, che non si possono pensare, nè vedere, nè

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1