Inizia a leggere

Ricordi di un ottuagenario toscolombardo

Valutazioni:
307 pagine4 ore

Sintesi

Gli occhi di un bambino vedono il mondo circostante con una spontaneità e un candore che non appartengono agli adulti. Persino la guerra, le privazioni, i pericoli vengono filtrati da una vivacità e da un entusiasmo che riescono a renderli quasi esaltanti.

Ricordi di un ottuagenario toscolombardo è una cronaca commossa e partecipata degli anni del fascismo, scanditi a tappe cronologiche dagli avvenimenti impressi nella memoria del protagonista, che all’epoca era solo un bambino. Uno sguardo da testimone di un periodo storico tragico e controverso, dopo il quale gli italiani per la prima volta riuscirono a ricostruire con semplicità e orgoglio le loro case, le loro città, la vita di tutti i giorni.

E quando quel bambino cresce e diventa nonno sente il bisogno di scrivere per i suoi nipotini, perché conoscano il passato e guardino con occhi nuovi al presente, per insegnare loro che nonostante i momenti tristi e gli eventi luttuosi si può ancora avere fiducia in un futuro radioso, si può ancora rinascere ed essere felici.

Leggi sull'app mobile di Scribd

Scarica l'app mobile gratuita di Scribd per leggere sempre e ovunque.