Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Il ritmo della parola
Il ritmo della parola
Il ritmo della parola
E-book97 pagine31 minuti

Il ritmo della parola

Valutazione: 5 su 5 stelle

5/5

()

Info su questo ebook

"Il ritmo della parola" è un percorso attraverso l'arte della vocalizzazione del ritmo e delle tecniche di conteggio. Il metodo trae ispirazione dal solkattu, l'arte di vocalizzare i ritmi della millenaria scuola del sud dell'India, qui rielaborato dall'autore in una veste fruibile, funzionale e alla portata di tutti. Saremo guidati alla scoperta delle innumerevoli applicazioni della vocalizzazione, andando con il tempo a sviluppare una nuova comprensione e percezione del ritmo, e gettando le basi per l'improvvisazione ritmica più avanzata anche in cicli ritmici complessi come il 5, il 7, il 9. Il metodo non è rivolto unicamente ai percussionisti, ma a chiunque abbia a che fare nella sua vita con il ritmo, come insegnanti, musicisti in generale, attori, terapeuti.
LinguaItaliano
Data di uscita12 ott 2016
ISBN9788868271831
Il ritmo della parola
Leggi anteprima

Correlato a Il ritmo della parola

Libri correlati

Categorie correlate

Recensioni su Il ritmo della parola

Valutazione: 5 su 5 stelle
5/5

1 valutazione0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

    Anteprima del libro

    Il ritmo della parola - Andrea Piccioni

    8753

    Introduzione

    Il presente metodo è frutto di lunghi anni di pratica su varie tecniche di conteggio e vocalizzazione, in particolare sulla pratica del SOLKATTU della tradizione del sud dell’India. Quando mi sono avvicinato a quest’arte, ho dovuto scegliere uno strumento su cui praticare la stessa, e visto il mio amore per i Tamburelli la scelta è stata consequenziale: La kanjira. Un piccolo tamburello di circa 18/20 cm, con una singola coppia di sonagli nella cornice ed una membrana in pelle di varano (o talvolta serpente).

    In seguito poi ho trovato il modo di applicare gli stessi principi su tutti gli strumenti a percussione che praticavo, in particolare sui tamburi a cornice e soprattutto sul mio amato tamburello, ma non avrei mai sviluppato il mio metodo e la mia tecnica se non avessi avuto la fortuna di incontrare sul mio cammino straordinari musicisti, colleghi, amici e maestri di quest’arte ai quali va la mia più profonda gratitudine per avermi dischiuso le porte su questo affascinante mondo.

    Il metodo non è rivolto esclusivamente ai percussionisti, bensì a chiunque abbia a che fare nella sua vita o nel suo lavoro con il ritmo: musicisti in generale, danzatori, insegnanti, ecc.

    Ovviamente non pretendo in alcun modo di insegnare l’arte del Solkattu o in generale della musica indiana; quanto presentato in questo mio metodo è il risultato della mia personale rielaborazione ed esperienza e tutte le inesattezze che individuerete sono imputabili solo a me.

    Il mio intento è appunto di fornire un metodo attraverso delle chiare e semplici informazioni, che consentano con il tempo e la pratica di sviluppare concretamente la capacità di utilizzare le tecniche qui presentate con profitto, di assimilarle all’interno della propria sfera musicale e percettiva e di trarne tutti i benefici possibili in ensemble, nell’accompagnamento, nell’improvvisazione.

    Buona pratica.

    Andrea

    Capitolo 1

    Origini del metodo e sue applicazioni

    Sezione 1

    Il Solkattu

    Il SOLKATTU (in lingua tamil significa: sol = sillabe, kattu = gruppo di) è una tecnica di vocalizzazione del ritmo utilizzata nella didattica musicale della tradizione del sud dell’India (relativa alla tradizione dello stile di musica classica denominato carnatica). In questo sistema una varietà di sillabe fonetiche sono utilizzate per riprodurre i suoni prodotti dal tamburo. La caratteristica primaria di queste frasi, nell’ambito della didattica della millenaria scuola carnatica, è di contenere precise informazioni tecniche, timbriche e melodiche.

    Le frasi vengono sempre recitate all’interno di un TALA, cioè un ciclo ritmico (un gruppo formato da una determinata unità di sillabe) che vanno a formare una precisa frase ritmica, a sua volta internamente suddivisa in unità più piccole.

    I battiti delle due mani e dita, che da questo momento in poi chiameremo clap, hanno una funzione fondamentale in quanto riportano la pulsazione e il ciclo come un metronomo. I tipi di battiti delle

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1