Inizia a leggere

Ossa lucide

Valutazioni:
294 pagine3 ore

Sintesi

Un nuovo romanzo su Ethan Bush

L’agente speciale dell’Unità di Analisi Comportamentale Ethan Bush deve indagare su un serial killer in Nebraska ...
UN THRILLER AVVINCENTE, AL CARDIOPALMA

Il mostro vive in ognuno di noi. Siamo bestie che hanno imparato, nel corso dei secoli, a controllare se stessi, a frenare i nostri istinti primari e a vivere in pace nella società. Siamo, dopo tutto, completamente addomesticati e bestie ben addestrate.

Solo in rare occasioni, l’animale feroce che si nasconde nella profondità delle nostre interiora va su tutte le furie, dando vita a un folle incubo...


Se vi piacciono romanzi come 'Il silenzio degli innocenti' o serie tv come "Criminal Minds 'o' True Detective'... questa è la storia che stavate aspettando.

DAL ROMANZO

La polizia della contea isolò la zona in meno di un’ora dopo il ritrovamento dei ragazzi. Un patologo stabilì che i resti erano umani, anche se mancava una gran parte dello scheletro. In realtà, quello che mancava era ciò che sarebbe stato più utile nel compito di identificare il corpo: il cranio.

“Avete indizi utili a capire da quanto tempo sono lì quelle ossa?” chiese lo sceriffo, perplesso. La sua testa era piena di terrore che sapeva avrebbe colpito tutta la sua comunità poche ore più tardi.

“Non molto. E uno dei ragazzi ci ha detto che lui viene spesso a passeggiare in questa zona e che non erano qui a pochi giorni fa.”

“Ma questo cadavere deve essersi decomposto qualche anno fa, non credi? chiese lo sceriffo, indicando quella che sembrava una tibia. Mai in vita sua aveva visto una cosa del genere, e questo lo turbava.

Il patologo guardò il cielo grigio, dove le nuvole stavano aumentando e stavano diventando più spesse, minacciando di rilasciare un bell’acquazzone. Ma questa tempesta sarebbe stata solo un gioco da ragazzi in confronto a quello che stava attaccando la contea in cui viveva.

“Non lo so”, rispose, laconico.

“Che cosa vuol dire che non lo sai?” chiese lo sceriffo, il quale sentiva di aver ottenuto una risposta del tutto insensata. Quelli erano i resti di uno scheletro; quindi uno non aveva bisogno di essere un’eccellenza in medicina per dedurre che il ragazzo, non importa se era un lui o una lei, aveva smesso di respirare molto tempo prima.

“Queste ossa sono state pulite accuratamente. Sono state manipolate. Senza studiarle nel dettaglio, in questo momento non posso dire se il proprietario è morto ieri o più di dieci anni fa.”

Leggi sull'app mobile di Scribd

Scarica l'app mobile gratuita di Scribd per leggere sempre e ovunque.