Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Rapporti tra Stato e Chiesa. La revisione del 1984

Rapporti tra Stato e Chiesa. La revisione del 1984

Leggi anteprima

Rapporti tra Stato e Chiesa. La revisione del 1984

Lunghezza:
31 pagine
21 minuti
Editore:
Pubblicato:
16 ago 2016
ISBN:
9788892623156
Formato:
Libro

Descrizione

La revisione dei Patti Lateranensi – studiata attraverso gli eventi politici e sociali, ed analizzata con la rilettura della principale dottrina ecclesiasticistica – è l’epitome delle occasioni perse nella storia d’Italia: partendo dalla revisione del 1984, questo scritto giunge alla critica del principio concordatario, inadeguato alla risoluzione di problemi come convivenza interetnica, radicalizzazione religiosa, integralismi e terrorismo, cioè, in ultima istanza, incapace di garantire il principio di laicità.
Editore:
Pubblicato:
16 ago 2016
ISBN:
9788892623156
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Rapporti tra Stato e Chiesa. La revisione del 1984

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Rapporti tra Stato e Chiesa. La revisione del 1984 - Vincenzo Gaglianese

633/1941.

1. La situazione socio-politica

Trent’anni dopo l’entrata in vigore della Costituzione repubblicana, l’Italia era un Paese profondamente diverso da quello del secondo dopoguerra. La causa prima del cambiamento fu il miracolo economico: l’industrializzazione spinse i meridionali al nord e gli abitanti delle zone rurali nei grandi centri urbani, mutando sensibilmente il tessuto sociale di una Nazione che era stata per secoli agricola ed ingessata; col benessere economico giunse anche l’emancipazione culturale delle classi più basse, che per la prima volta poterono garantire un’istruzione superiore ai propri figli. Tali fattori innescarono quella stagione di proteste e rivendicazioni – economiche ma soprattutto sociali – passata alla storia col nome di contestazione: questo movimento (se di movimento può parlarsi, poiché mancava in realtà un qualunque tipo di organizzazione o di coordinamento tra i diversi gruppi ed individui al suo interno), pur nato all’estero, trovò in Italia terreno fertile soprattutto negli universitari politicizzati, figli del proletariato ma anche della buona borghesia¹. Se all’estero il movimento si caratterizzò principalmente come sostenitore delle idee pacifiste e oppositore della guerra in Vietnam, in Italia assunse il ruolo di maggiore antagonista dello status quo: oggetto di critica erano i valori borghesi e la morale cattolica tradizionale, tacciati di ipocrisia e provincialismo; la Democrazia Cristiana, il partito naturale di governo che esercitava il potere ininterrottamente dal 1948; ma anche il Partito Comunista, il quale, oltre a raggiungere spesso accordi con la DC (nonostante la conventio ad excludendum che ne impediva sostanzialmente la partecipazione organica all’Esecutivo), fu colpevole di appoggiare l’invasione dell’Ungheria da parte delle forze del Patto di Varsavia per reprimere la rivolta ivi nata nel 1956. I contestatori, in sostanza, attaccavano tutto quello che essi percepivano come potere costituito, ogni istituzione in senso lato; se non

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Rapporti tra Stato e Chiesa. La revisione del 1984

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori