Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

L'albero cresciuto nel cielo

L'albero cresciuto nel cielo

Leggi anteprima

L'albero cresciuto nel cielo

Lunghezza:
102 pagine
1 ora
Pubblicato:
21 giu 2016
ISBN:
9788865307601
Formato:
Libro

Descrizione

ROMANZO BREVE (63 pagine) - FANTASCIENZA - Una novella lirica e toccante dall'autore del classico "Ali della notte"

Per questa novella, composta  per la rivista "Science Fiction Age" nel 1996 e candidata sia al premio Hugo che al Nebula, Robert Silverberg dice di essersi ispirato alla storia del grande architetto Dedalo, personaggio della mitologia greca che, secondo la leggenda, avrebbe progettato il labirinto del re cretese Minosse, dove avrebbe risieduto il Minotauro. Silverberg riprende dunque la leggenda greca e, mantenendo quel tono tra il poetico e lirico che aveva usato molti anni addietro nel suo grande capolavoro "Ali della notte", ribalta completamente la vicenda. Con la grande maestria che ha raggiunto nella piena maturità stilistica e creativa, l'autore di tanti capolavori della fantascienza moderna ci regala la storia affascinante di un uomo prigioniero di una razza barbara e della venuta di una cometa in un mondo ancora soggiogato dalle paure di antiche e minacciose divinità, un mondo dai contorni vivaci e dai molti pericoli, redento dalla figura incredibile del grande ingegnere Kell, genio dai molteplici interessi, il cui destino sarà inesorabilmente legato a quello dell'Alieno rinchiuso nell'incredibile labirinto che lui stesso ha creato.

Robert Silverberg è unanimemente riconosciuto come uno dei massimi autori della fantascienza contemporanea. Nato a Brooklyn (New York) il 15 gennaio del 1935, iniziò a scrivere SF d'avventura negli anni '50, diventando ben presto uno degli autori più famosi e prolifici e ottenendo il premio Hugo come autore più promettente del 1956. Durante la metà degli anni sessanta però, spinto dal desiderio di dimostrare a se stesso e agli altri le sue capacità di vero scrittore, e di essere in grado di realizzare anche opere di qualità, Silverberg impresse una svolta decisiva allo stile dei suoi romanzi, iniziando a produrre opere di maggiore impegno umano e letterario. Tra gli scritti più importanti di questo secondo periodo ricordiamo "Ali della notte" (con cui vinse anche un premio Hugo), "Brivido crudele", "Torre di cristallo", forse la sua opera più completa e riuscita, "Vertice di immortali", "Paradosso dei passato" e "Mutazione", che si inserisce in quel gruppo di romanzi dedicati da Silverberg alla descrizione e all'esplorazione dell'esperienza mistica della trascendenza.
Pubblicato:
21 giu 2016
ISBN:
9788865307601
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore

Robert Silverberg (b. 1935) sold his first science fiction stories to the lower-grade pulps in the mid-fifties, moved swiftly to the three prestigious magazines (ASTOUNDING, GALAXY and THE MAGAZINE OF FANTASY & SCIENCE FICTION) and as his style deepened and themes expanded in through the next reached the first rank of science fiction writers. He is regarded as the greatest living writer of science fiction, an SFWA Grandmaster, ex-President (in the 1960’ s) of that organization, winner of five Nebulas, four Hugos and many other domestic and foreign awards. Among his famous novels are DYING INSIDE,THE BOOK OF SKULLS, DOWNWARD TO THE EARTH, A TIME OF CHANGES; his novella BORN WITH THE DEAD (1974) is perhaps the finest work of that length published within the genre. Shifting to a predominating fantasy in the late 1970’ s (LORD VALENTINE’ S CASTLE and the attendant Majipoor Series), Silverberg continued to write science fiction and won a Nebula in 1986 for the novella SAILING TO BYZANTIUM, and Hugos for the novelettes GILGAMESH IN THE OUTBACK and ENTER A SOLDIER: LATER, ENTER ANOTHER. He was editor of the long-running original anthology series New Dimensions and of important reprint anthologies such as THE SCIENCE FICTION HALL OF FAME, ALPHA and THE ARBOR HOUSE TREASURY OF MODERN SCIENCE FICTION.


Correlato a L'albero cresciuto nel cielo

Libri correlati

Categorie correlate

Anteprima del libro

L'albero cresciuto nel cielo - Robert Silverberg

a cura di Sandro Pergameno

Robert Silverberg

L'albero cresciuto nel cielo

Romanzo breve

Traduzione di Alessandro Rossi

Prima edizione giugno 2016

ISBN 9788865307601

© 1996 Robert Silverberg

Titolo originale: The Tree That Grew from the Sky

Traduzione: Alessandro Rossi

Copertina: Tiziano Cremonini

Edizione ebook © 2016 Delos Digital srl

Piazza Bonomelli 6/6 20139 Milano

Versione: 1.0

Font Exo Sans by Natanael Gama, SIL Open Font Licence 1.1

TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Sono vietate la copia e la diffusione non autorizzate.

Informazioni sulla politica di Delos Books contro la pirateria

Indice

Il libro

L'autore

L'albero cresciuto nel cielo

Prologo

1.

2.

3.

4.

5.

6.

7.

8.

Delos Digital e il DRM

In questa collana

Tutti gli ebook Bus Stop

Il libro

Una novella lirica e toccante dall'autore del classico Ali della notte

Per questa novella, composta  per la rivista Science Fiction Age nel 1996 e candidata sia al premio Hugo che al Nebula, Robert Silverberg dice di essersi ispirato alla storia del grande architetto Dedalo, personaggio della mitologia greca che, secondo la leggenda, avrebbe progettato il labirinto del re cretese Minosse, dove avrebbe risieduto il Minotauro.

Silverberg riprende dunque la leggenda greca e, mantenendo quel tono tra il poetico e lirico che aveva usato molti anni addietro nel suo grande capolavoro Ali della notte, ribalta completamente la vicenda.

Con la grande maestria che ha raggiunto nella piena maturità stilistica e creativa, l’autore di tanti capolavori della fantascienza moderna ci regala la storia affascinante di un uomo prigioniero di una razza barbara e della venuta di una cometa in un mondo ancora soggiogato dalle paure di antiche e minacciose divinità, un mondo dai contorni vivaci e dai molti pericoli, redento dalla figura incredibile del grande ingegnere Kell, genio dai molteplici interessi, il cui destino sarà inesorabilmente legato a quello dell’Alieno rinchiuso nell’incredibile labirinto che lui stesso ha creato.

L'autore

Robert Silverberg è unanimemente riconosciuto come uno dei massimi autori della fantascienza contemporanea. Nato a Brooklyn (New York) il 15 gennaio del 1935, iniziò a scrivere SF d'avventura negli anni '50, diventando ben presto uno degli autori più famosi e prolifici e ottenendo il premio Hugo come autore più promettente del 1956. Durante la metà degli anni sessanta però, spinto dal desiderio di dimostrare a se stesso e agli altri le sue capacità di vero scrittore, e di essere in grado di realizzare anche opere di qualità, Silverberg impresse una svolta decisiva allo stile dei suoi romanzi, iniziando a produrre opere di maggiore impegno umano e letterario. Tra gli scritti più importanti di questo secondo periodo ricordiamo Ali della notte (con cui vinse anche un premio Hugo), Brivido crudele, Torre di cristallo, forse la sua opera più completa e riuscita, Vertice di immortali, Paradosso dei passato e Mutazione, che si inserisce in quel gruppo di romanzi dedicati da Silverberg alla descrizione e all'esplorazione dell'esperienza mistica della trascendenza.

Dello stesso autore

Robert Silverberg, Passeggeri Biblioteca di un sole lontano ISBN: 9788867753529 Robert Silverberg, L'imperatore e la maula Biblioteca di un sole lontano ISBN: 9788867754588 Robert Silverberg, Manoscritto trovato in una macchina del tempo abbandonata Biblioteca di un sole lontano ISBN: 9788867756148 Robert Silverberg, Tempo da leoni a Timbuctù Biblioteca di un sole lontano ISBN: 9788867756995 Robert Silverberg, Buone notizie dal Vaticano Robotica ISBN: 9788865305591 Robert Silverberg, La festa di San Dioniso Biblioteca di un sole lontano ISBN: 9788865305669 Robert Silverberg, I canti dell'estate Biblioteca di un sole lontano ISBN: 9788865306598

Prologo

Kell l’Artefice aveva messo a frutto il suo genio per concepire molte raffinate creazioni. L’Alieno aveva bisogno che ne realizzasse soltanto un’altra.

1.

La stella visitatrice, che la gente scioccamente ritiene essere un albero, si fa sempre più grande in cielo ogni notte che passa. Naturalmente non si tratta affatto di un albero, quanto semplicemente di quel genere di luminosa stella vagante che gli osservatori del firmamento chiamano cometa; ma per la gente comune è un albero, un albero che sta calando su di noi dall’alto dei cieli. Il loro timore è che questo significhi che cadrà sul mondo, provocando la distruzione di ogni cosa.

Non è poi così difficile immaginare perché la gente si sia convinta di questo. Durante le settimane in cui è stata presente sopra le nostre teste, la stella visitatrice è costantemente cresciuta in dimensioni e brillantezza, fino a divenire incredibilmente luminosa e sorprendentemente gigantesca. Ma io so che non cadrà su di noi. Ho tracciato la sua posizione una notte dopo l’altra; vedo che durante il suo avvicinamento verso di noi si muove in cielo sempre verso Nord ed Est.

È evidente che ci mancherà con un considerevole margine e proseguirà attraverso gli spazi freddi e vuoti che ci circondano, fino a quando non precipiterà nel Sole. O, cosa ancor più probabile, non colliderà con la stella ma compirà attorno ad essa un arco, simile a un sassolino legato a uno spago, come è noto abbiano fatto altre comete in passato, finché alla fine non verrà catturata dalla mano di Maldaz, o forse di un’altra delle divinità che vegliano su di noi dall’alto; allora il dio la scaglierà di nuovo attraverso i cieli verso il luogo da cui proviene, qualunque esso sia.

È tutta la settimana che desidero conferire con l’Alieno riguardo la cometa e i suoi movimenti – presto, prima che il re cambi di nuovo idea e decida infine di farlo giustiziare.

L’Alieno, naturalmente, ha una conoscenza molto più approfondita della mia sulle faccende legate alla cometa, visto che lui ha davvero solcato quegli oscuri mari della notte dove le stelle hanno la propria dimora, mentre io li ho solo osservati da qua sotto, lottando per strappare agli dèi le risposte alle mie domande. Durante gli anni che ha trascorso tra noi ho conversato molte volte con l’Alieno e mi ha insegnato molto, ma non v’è dubbio che ci sia ancora tanto altro che potrei apprendere da lui.

Al momento, tuttavia, c’è il problema di come incontrarlo. Da settimane ormai è di cattivo umore e scontroso – sin dalla comparsa della cometa, in effetti – e vive da recluso, senza permettere alle persone di fargli visita. Il labirinto in cui dimora non solo lo imprigiona, ma impedisce anche agli estranei di entrare senza essere invitati. Da quando la cometa ha raggiunto il suo massimo fulgore a volte lo si è visto riemergere di notte, intento a camminare avanti e indietro in cima al muro

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di L'albero cresciuto nel cielo

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori