Inizia a leggere

Uomo, Terra, Creazione

Valutazioni:
32 pagine23 minuti

Sintesi

Il testo propone una rilettura ecologica che sostituisce il modo tradizionale, antropocentrico, di leggere il racconto della creazione: da questa nuova prospettiva emerge che non è la terra che è stata affidata all’uomo, ma l’uomo che è stato affidato alla terra.
L’Autore invita poi a considerare la creazione non “dal principio”, bensì “dalla fine”, in visione escatologica. In conclusione, egli affronta il problema della morte e dell’uccidere, sia nell’ambito degli animali che in quello degli uomini, e il suo superamento nel regno messianico: un mondo senza morte.

Leggi sull'app mobile di Scribd

Scarica l'app mobile gratuita di Scribd per leggere sempre e ovunque.