Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Lo strano matrimonio fra il regime sovietico e i militari argentini: 1976 - 1983

Lo strano matrimonio fra il regime sovietico e i militari argentini: 1976 - 1983

Leggi anteprima

Lo strano matrimonio fra il regime sovietico e i militari argentini: 1976 - 1983

Lunghezza:
110 pagine
1 ora
Pubblicato:
11 mag 2016
ISBN:
9788869630897
Formato:
Libro

Descrizione

Questo lavoro analizza non solo le intense relazioni economiche e militari dell'Unione Sovietica e dei paesi del Patto di Varsavia con l'Argentina, durante il tragico e sanguinoso periodo del Proceso de Riorganizacion Nacional (1976-83), sotto i generali Videla, Viola, Galtieri, ma indaga anche i rapporti culturali fra gli ambienti militari argentini e i movimenti dell'estrema destra est-europei e socialnazional-cattolici, studiando l'interesse sovietico nell'infiltrarsi negli apparati militari ed ecclesiastici latinoamericani, gli aspetti terzomondisti condivisi da estrema destra ed estrema sinistra, ancora vivi in alcuni articoli dell'Unità all'epoca della crociata terzomondista contro la Gran Bretagna intervenuta nell'Atlantico del sud, la vicinanza ideologica fra anti-imperialismo e nazionalismo sociale, il ruolo talvolta ambiguo della Chiesa, anche di taluni esponenti del clero progressista, il ruolo del Partito comunista argentino, la collocazione ideologica delle diverse anime del peronismo, una retrospettiva sull'anti-imperialismo e le relazioni fra Argentina e Russia dal 1918 agli anni '70, seguendo le tappe dello sviluppo politico della scena argentina.
Pubblicato:
11 mag 2016
ISBN:
9788869630897
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Lo strano matrimonio fra il regime sovietico e i militari argentini

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Lo strano matrimonio fra il regime sovietico e i militari argentini - Francesco Bonicelli Verrina

Francesco Bonicelli Verrina

LO STRANO MATRIMONIO

TRA IL REGIME SOVIETICO

E I MILITARI ARGENTINI

1976 – 1983

Elison Publishing

Proprietà letteraria riservata

© 2016 Elison Publishing

www.elisonpublishing.com

Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata, compresa la fotocopia, anche a uso interno o didattico.

Le richieste per l’utilizzo della presente opera o di parte di essa in un contesto che non sia la lettura privata devono essere inviate a:

Elison Publishing

Via Milano 44

73051 Novoli (LE)

ISBN 9788869630897

Indice

Le relazioni Argentina-URSS. Fra militarismo e terzomondismo.

La Guerra delle Falklands-Malvinas attraverso titoli e articoli de «L’Unità», «La Stampa», la «Pravda» e «La Nacion».

Comunismo, sindacati e Chiesa nei confronti dei militari e della Giunta – L’antisemitismo argentino.

La didattica totalitaria – riflessioni conclusive.

Bibliografia

Capitolo 1

Le relazioni Argentina-URSS. Fra militarismo e terzomondismo.

A Pechino, nel luglio 1924, viene fondata la prima Lega Anti-imperialista, seguita da numerose omologhe, specie in America Latina, ove si distingue il generoso contributo del presidente della Repubblica del Messico, Calles, mosso da forti e audaci sentimenti anti-statunitensi.

Nel 1926 viene convocata una riunione delle varie leghe a Bruxelles, ove si tiene il 10 febbraio dell’anno successivo l’assemblea generale, con la benedizione del re del Belgio Alberto, in cambio della garanzia che non venga fatta alcuna menzione del Congo belga (luogo delle peggiori atrocità del colonialismo europeo). Vi partecipano centosettantaquattro delegati, che ricevono saluti dal Krestintern, l’Internazionale dei contadini, e due emissari del Komintern, che non prendono però parte ai lavori. La delegazione naturalmente più numerosa è quella proveniente dallo Stato fondatore, la Cina. È eletto presidente onorario Albert Einstein.

Punto caldo all’ordine del giorno pare essere stato il Nicaragua, occupato da poco allora dai marines statunitensi, che incontrano la strenua opposizione di Sandino. Il presidente messicano, come il nazionalista portoricano Vasconcellos, porta in primo piano l’imperialismo USA, chiarendo però anche di non definirsi comunista.

Poco dopo, l’attività della Lega viene oscurata, per un brevissimo ma intenso periodo, dalla nascita di una nuova associazione internazionale: gli Amici dell’Unione Sovietica (che poi viene riassorbita dalla Lega già l’anno seguente), a seguito anche della frattura fra comunisti e social-democratici. Artefice ne è Grigorij Melničansky, delegato dei sindacati sovietici.

Il 5 novembre 1927 Stalin concede un’intervista di sei ore alle delegazioni straniere. Il Congresso Mondiale degli Amici dell’Unione Sovietica vede la partecipazione di novecentoquarantasette delegati. Vengono programmati futuri congressi nelle capitali dei Paesi delle delegazioni più nutrite: Praga, Parigi, New York, Città del Messico, Buenos Aires. Tomsky e Bucharin (che saranno entrambi vittime delle purghe staliniane) annunciano una dura lotta mondiale per la conquista delle masse ai social-democratici.

All’assemblea della Lega Anti-imperialista, a Francoforte, dal 21 al 30 luglio 1929, il comunista tedesco Willi Munzenberg proclama che ogni attacco all’URSS rappresenta un attacco contro gli oppressi di tutto il mondo{1} con un implicito invito all’esclusione dei membri non-comunisti e alla fusione con gli Amici. In quel contesto una delegazione nicaraguense mostra una bandiera statunitense sottratta ai nemici in una vittoria sul campo{2}.

Occorre ammettere che Marx ed Engels, nel loro Manifesto del Partito Comunista, simpatizzano con i movimenti di emancipazione nazionale (Stalin è commissario alle Nazionalità, subito dopo la Rivoluzione e sulla tematica nazionalista produce diversi saggi). Essi danno inoltre per scontato, secondo Ulam, che una rivoluzione socialista possa avvenire solo in un Paese industrializzato, senza interferenze esterne.

Marx sostiene a suo tempo il nazionalismo polacco ottocentesco (tendenzialmente legato a valori feudali e cattolici){3}, in quanto diretto contro i tre imperi, bastioni contro la realizzazione di quelle condizioni modernizzatrici, dalle quali, a suo dire, scaturisce la rivoluzione socialista. In linea con questo atteggiamento si trova, nella dottrina marxista espressa nel Manifesto, oltre a tale determinismo economico, il concetto di pazienza rivoluzionaria, come definito da Adam Ulam{4}. Essa consiste nell’appoggiare un movimento in qualche modo rivoluzionario, anche se la sua ideologia è in contrasto con quella marxista, purché quel movimento sia in grado di sovvertire il sistema tradizionale di un determinato Paese. Anche nel periodo fra le due guerre le relazioni diplomatiche sovietiche sono improntate su una buona dose di spregiudicatezza e pragmatismo, com’è evidente per esempio dalle ottime relazioni intercorse con l’Ungheria contro-rivoluzionaria dell’ammiraglio Horthy (in chiave anti-romena). La Russia, nel 1917, ha cambiato governo ma ha salvato confini e interessi imperiali.

Quella spregiudicatezza dimostra le sue debolezze proprio negli anni ‘70. Secondo lo storico sovietico dell’Accademia delle Scienze russa, Iosif Grigulevič, che già nel 1968 aveva manifestato scetticismo verso i passi sovietici incontro alla Chiesa cattolica sudamericana, i vescovi latini perseguono una rivoluzione sociale pericolosamente orientata a destra e le condanne al totalitarismo sono tutte da leggersi come orientate esclusivamente contro il Socialismo. Tutti i vescovi riuniti a Medellin nel 1968, a suo avviso, si sono sganciati dalle istanze progressiste, abbracciando nozioni politiche reazionarie e populiste, tacendo la sorte dei preti uccisi dai fascisti e riponendo fiducia negli strumenti illusori, a suo dire, offerti dall’imperialismo statunitense, come il Fondo Panamericano per lo sviluppo, uno strumento delle classi sfruttatrici per controllare le masse{5}. Ma Kosygin e Gromyko continuano a vedere la Chiesa latino-americana come un alleato tattico, oltre a fare visita a Paolo VI, invitano per un viaggio in URSS il vescovo brasiliano Helder Pessoa Camara.

Altra interessante analisi in ambito accademico sovietico, anche questa rintracciata da Ilya Prizel, è quella di Georgij Mirskij, primo storico sovietico a studiare il ruolo delle Forze Armate nel Terzo Mondo, nel 1971. Egli vede negli elementi progressisti fra gli ufficiali, uno slancio modernizzatore e sociale, più o meno entusiastico, anche se solitamente orientato verso destra. Essi rappresentano quella classe media, tendenzialmente carente nei Paesi latino-americani, con la potenzialità marxiana di emancipare quegli stessi Paesi. Tuttavia osserva anche che il Perù e il Portogallo hanno dimostrato il contrario: gli ufficiali posti davanti al rischio di una rivoluzione tornano all’ordine e al compito di repressori, e in ogni caso, un esercito non può considerarsi alla stregua di un partito, piuttosto esso si potrebbe considerare un alleato di circostanza, nei casi in cui una svolta rivoluzionaria possa essere davvero a portata di mano{6}. Come si poteva pensare potesse accadere nel caso dei disordini in reazione alla stagnazione argentina degli anni ‘70.

Altrettanto significativo è l’appoggio mancato, da parte sovietica, a Salvador Allende. Il Cile non garantisce una grande offerta, dal punto di vista commerciale, all’URSS. Durante il suo governo le importazioni dal Cile, nell’intero blocco socialista, non vanno oltre il 7%. Se è vero che Cuba ha comportato, dal 1962, un costo enorme per l’Unione Sovietica (perciò molto grata all’Argentina per aver sdoganato l’isola nel 1973), è anche altrettanto vero che sicuramente, tramite Vjačeslav Dobrynin, ambasciatore negli USA, Brežnev è perfettamente a conoscenza dei piani di Nixon e Kissinger per il Cile, per l’11 settembre 1973. Proprio pochi giorni prima rende la visita americana a Mosca recandosi a Washington, ma non muove un dito, né prima né dopo, come osservato da Nicola Miller{7}.

Il Cile di Pinochet diventa d’altronde presto uno Stato paria, internazionalmente additato, specie dopo la vittoria di Jimmy Carter: di gran lunga il peggiore regime latino-americano e, forse, il peggiore del mondo, almeno così lo si vuole far apparire, con un contrasto imbarazzante con il silenzio sovietico verso due partner economici importanti quali l’Argentina e il Brasile, egualmente militari, e nel caso argentino per lo meno, un regime ben più atroce di quello cileno.

Nessuno dei due contraenti, i generali argentini e i dirigenti del PCUS, può permettersi di lasciarsi andare al disgusto reciproco. L’URSS ha bisogno di penetrare nel mercato latino-americano più massicciamente e soprattutto ha bisogno di cereali e carne, l’Argentina ha bisogno di un mercato vasto e promettente proprio come quello russo, dove dirigere il suo poderoso surplus agricolo in cambio di petrolio e uranio, come asserito da Martinez de Hoz, uno degli uomini più di Destra del Gabinetto di Videla, emissario delle multinazionali finanziarie. Il ministro dell’Economia intende inoltre togliere i limiti imposti alle esportazioni, aprendo l’economia argentina ad una

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Lo strano matrimonio fra il regime sovietico e i militari argentini

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori