Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

DALLO SCOGLIO DI QUARTO AL 17 MARZO 1861 cronache e considerazioni sugli eventi che resero possibile l’Unità d’Italia

DALLO SCOGLIO DI QUARTO AL 17 MARZO 1861 cronache e considerazioni sugli eventi che resero possibile l’Unità d’Italia

Leggi anteprima

DALLO SCOGLIO DI QUARTO AL 17 MARZO 1861 cronache e considerazioni sugli eventi che resero possibile l’Unità d’Italia

Lunghezza:
105 pagine
1 ora
Pubblicato:
18 mar 2016
ISBN:
9788892573123
Formato:
Libro

Descrizione

Questo libro ripercorre le fasi salienti dell’unificazione italiana, con particolare riguardo a ciò che avvenne in quello che fu il Regno delle Due Sicilie nel periodo compreso tra il 6 maggio 1860 e il 17 marzo 1861. Oltre alla cronaca degli avvenimenti, vengono proposte considerazioni e documenti che aiutano a far comprendere meglio le dinamiche sociali e politiche di quel periodo, le preoccupazioni e le speranze dalle quali erano mossi il ceto borghese e le masse contadine. Nelle pagine finali vengono riportate le opinioni espresse da alcuni tra i maggiori studiosi del Risorgimento italiano
Pubblicato:
18 mar 2016
ISBN:
9788892573123
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a DALLO SCOGLIO DI QUARTO AL 17 MARZO 1861 cronache e considerazioni sugli eventi che resero possibile l’Unità d’Italia

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

DALLO SCOGLIO DI QUARTO AL 17 MARZO 1861 cronache e considerazioni sugli eventi che resero possibile l’Unità d’Italia - Antonio Caccavale

L’UNITÀ

PREMESSA

Che senso ha pubblicare, ora, queste cronache e considerazioni sugli eventi che resero possibile l’Unità d’Italia? Sono passati cinque anni dalla celebrazione del 150° anniversario della nascita di quella nuova entità politica di cui facciamo parte e nessun altro valido motivo (come quelli che nel recente passato hanno animato il dibattito politico in Italia, con le minacce di secessione portate avanti da un noto partito nato e radicato in Lombardia) sembra possa giustificare l’opportunità di tornare su questioni che hanno ben poche possibilità di suscitare un sia pur minimo interesse, soprattutto tra le nuove generazioni.

Le tentazioni separatiste degli anni scorsi hanno, oggi, lasciato il posto a più concilianti richieste di maggiore autonomia, come quella messa in campo dal presidente della Giunta regionale del Veneto che, attraverso un referendum, vorrebbe far acquisire a quella Regione un regime fiscale indipendente, sul modello di quello che la nostra Costituzione riconosce alle province autonome di Trento e di Bolzano. Verrebbe da pensare che lo spirito austroungarico non abbia ancora smesso di agitarsi in certi esponenti politici del nostro settentrione che a nulla rinuncerebbero, pur di guadagnare consensi per fini elettorali.

Le cronache e le considerazioni contenute in questo agile volume erano rivolte proprio alle giovani generazioni quando, tra il 2010 e il 2011, le scrivevo per destinarle ai miei alunni. In preparazione della ricorrenza del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, nell’anno scolastico 2010 – 2011, si parlò molto del Risorgimento italiano ed io ritenni doveroso approntare materiali e documenti che utilizzai nel corso di alcuni mesi nelle ore di lezione di storia.

Ho ritrovato quelle cronache e quelle considerazioni, molte delle quali a suo tempo furono pubblicate anche su un giornale on line, e non sono riuscito a guardarle con l’indifferenza che ci coglie, spesso, quando ci ritroviamo tra le mani cose e oggetti che non sappiamo giudicare quanta, reale utilità abbiano avuto nel passato e quale reale valore possano avere, oggi e nel prossimo futuro, per le nuove generazioni.

Antonio Caccavale, 17 marzo 2016

IL 6 MAGGIO 1860 GARIBALDI E I MILLE SALPARONO DA QUARTO

Fu la mattina del 6 maggio del 1860 che Garibaldi e i Mille, radunatisi il giorno precedente a Quarto, salparono alla volta della Sicilia. A quel tempo Garibaldi era parlamentare del Regno di Sardegna e fu proprio a Torino che Rosolino Pilo e Francesco Crispi ipotizzarono l’organizzazione di una spedizione in quella Sicilia già attraversata da forti tensioni insurrezionali. Fu proprio quella situazione favorevole che indusse gli esuli siciliani ad invitare Garibaldi a tentare l’impresa della conquista di un Regno, quello delle Due Sicilie, in evidente affanno.

Che la situazione in Sicilia fosse esplosiva ne era ben informato il conte di Cavour, a cui venivano inviati dispacci dal contenuto inequivocabile. In uno di essi, il 6 maggio, il capitano Alessandro D’Aste scriveva: "(…) si vede chiaramente che la rivoluzione è moralmente compita negli ardenti petti dei palermitani, i quali se avessero avuto armi, sarebbe stata anche compita materialmente. La polizia non ha potuto eseguire (…) nessun arresto e la medesima si trova in grande avvilimento perché è da tutti odiata".

Da quando, nel maggio dell’anno precedente, era scomparso Ferdinando II di Borbone, il dissenso politico era cresciuto e Francesco II di Borbone non aveva saputo dare prova della stessa autorevolezza e determinazione del padre.

Garibaldi non avrebbe mai deciso di tuffarsi in quell’impresa se non avesse potuto contare su sostegni autorevoli e importanti. Della possibile impresa era stato informato il re Vittorio Emanuele II, che non aveva nascosto di essere pronto ad appoggiare Garibaldi, anche se non ufficialmente. Piuttosto perplesso, invece, fu Cavour, che considerava azzardata l’idea di una spedizione militare, sia per non urtare la suscettibilità di Napoleone III, che non avrebbe gradito un intervento piemontese nel Regno borbonico, sia perché aveva motivo di temere che Garibaldi potesse non aver del tutto accantonata l’idea di una soluzione repubblicana.

Per raggiungere la Sicilia c’era bisogno di almeno due grosse imbarcazioni. Toccò a Nino Bixio, assieme a una quarantina di volontari, impadronirsi di due piroscafi, il Piemonte e il Lombardo, di proprietà della compagnia Rubattino. In realtà non si trattò di un’appropriazione non autorizzata: era stato lo stesso procuratore della Compagnia a consentire che gli uomini di Garibaldi portassero via dal porto di Genova le due navi.

È il caso di precisare che tra i Mille uomini, ma in realtà erano anche di più, che parteciparono alla conquista del Regno delle Due Sicilie la maggior parte provenivano dalla Lombardia, dal Veneto, dalla Liguria e dalle altre regioni centrosettentrionali. Molti di coloro che avevano deciso di seguire Garibaldi appartenevano al ceto borghese: gli intellettuali (medici, artisti, farmacisti, avvocati) rappresentarono la componente più numerosa dei volontari. Si riportano di seguito il numero e le Regioni di provenienza dei volontari di Garibaldi.

Lombardia

con 443 partecipanti (di cui166 di Bergamo, 70 di Milano,61 di Brescia, 58 di Pavia, 29 di Mantova, 25 di Cremona, 22 di Como, 9 di Varese e 3 di Sondrio).

Veneto

con 160 partecipanti ( di cui 35 di Venezia, 32 di Vicenza,25 di Treviso, 24 di Verona,21 di Padova, 15 di Rovigo e 8 di Belluno).

Liguria

con 157 partecipanti (di cui 138 di Genova, 10 di La Spezia, 6 di Savona e 3 di Imperia).

Toscana

con 80 partecipanti (di cui 37 di Livorno, 17 di Grosseto, 8 di Siena, 6 di Firenze, 5 di Pisa, 4 di Massa Carrara,1 di Arezzo, 1 di Lucca e 1 di Pistoia).

Sicilia

con 45 partecipanti (di cui 32 di Palermo, 5 di Messina, 5 di Trapani, 2 di Agrigento e 1 di Catania).

Emilia

con 38 partecipanti (di cui 17 di Parma, 6 di Modena, 5 di Reggio Emilia, 4 di Bologna, 4 di Piacenza e 2 di Ferrara).

Piemonte

con 30 partecipanti ( di cui 11 di Alessandria, 6 di Novara, 6 di Torino, 3 di Cuneo,3 di Vercelli e 1 di Asti).

Friuli Venezia-Giulia

con 20 partecipanti (di cui 12 di Udine, 7 di Pordenone ed 1 di Gorizia).

Calabria

con 20 partecipanti (di dui 9 di Cosenza, 6 di Reggio Calabria e 5 di Catanzaro).

Campania

con 19 partecipanti ( di cui 9 di Napoli, 9 di Salerno ed 1 di Avellino).

Trentino-Alto Adige

con 15 partecipanti ( di cui 14 di Trento ed 1 di Bolzano).

Marche

con 11 partecipanti ( di cui 8 di Ancona, 2 di Ascoli Piceno ed 1 di Macerata).

Lazio

con 10 partecipanti ( di cui 8 di Roma, 1 di Viterbo ed 1 di Frosinone).

Puglie

con 5 partecipanti ( di cui 12 di Bari, 1 di Taranto, 1 di Foggia ed 1 di Brindisi).

Umbria

con 4 partecipanti ( di cui 2 di Perugia e 2 di Terni).

Sardegna

con 3 partecipanti (di cui 2 di Sassari ed 1 di Cagliari).

Basilicata

con 1 partecipante di Matera.

Abruzzi

con 1 partecipante

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di DALLO SCOGLIO DI QUARTO AL 17 MARZO 1861 cronache e considerazioni sugli eventi che resero possibile l’Unità d’Italia

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori