Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Ho fatto strage del principio di realtà tra i versi di una poesia
Ho fatto strage del principio di realtà tra i versi di una poesia
Ho fatto strage del principio di realtà tra i versi di una poesia
E-book91 pagine26 minuti

Ho fatto strage del principio di realtà tra i versi di una poesia

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Info su questo ebook

L'impraticabile mondo interiore di un alienato.

Leggere attentamente il foglietto illustrativo.

Non superare la dose consigliata.
LinguaItaliano
Data di uscita9 nov 2015
ISBN9788893213851
Ho fatto strage del principio di realtà tra i versi di una poesia
Leggi anteprima

Correlato a Ho fatto strage del principio di realtà tra i versi di una poesia

Ebook correlati

Categorie correlate

Recensioni su Ho fatto strage del principio di realtà tra i versi di una poesia

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Ho fatto strage del principio di realtà tra i versi di una poesia - Marco De Angelis

    Marco De Angelis

    Ho fatto strage del principio di realtà

    tra i versi di una poesia

    Youcanprint self-publishing

    - Comunicazione di servizio -

    Un'équipe sta lavorando per sistemare

    il fottuto fradiciume del mio ego

    Ho fatto strage del principio di realtà

    tra i versi di una poesia

    -Excursus sulla mia alienazione

    Prima edizione anno 2015

    ISBN: 9788893213851

    Youcanprint Self-Publishing

    Il cosiddetto uomo moderno è in ogni tempo un solitario, poiché ogni passo che egli fa verso una conoscenza più alta e più vasta lo allontana sempre più dalla sua originaria e puramente animale participation mystique con la massa, e dall'essere immerso in un inconscio comune. Ogni passo in avanti rappresenta una lotta per sradicarsi dal seno materno universale della primitiva incoscienza, in cui vive la grande massa del popolo.

    C.G. Jung

    Se non scrivo per una settimana mi ammalo, non riesco più a camminare, mi gira la testa, vomito, non mi alzo dal letto. Ho bisogno di scrivere a macchina. Se mi tagliassero le mani scriverei con i piedi. Sicché non ho mai scritto per i soldi, ho scritto per questo stimolo imbecille.

    C. Bukowski

    Gli uomini mi hanno definito pazzo, sebbene non risulti ancora chiaro se la pazzia sia, o no, il grado più alto dell'intelletto, e se molto di quanto dà gloria e tutto ciò che rende profondi non nasca da una malattia della mente, da stati di esaltazione dello spirito, a spese dell'intelletto in genere.

    Edgar Allan Poe

    Introduzione

    Ultimamente sento che sto sfiorando qualcosa di molto più vasto, qualcosa che non appartiene al mondo fisico ma che inevitabilmente fa da collante e tiene unita la trama di questa realtà, mi sento così vicino a capire qualcosa, ho come la sensazione di sfiorarla senza capire che cosa sia. E a un tratto avverto tutto come più chiaro, limpido, facile ma contemporaneamente complesso, infinitamente complesso. Un buco nero, una voragine dove i conigli bianchi tirano fuori esseri umani da cilindri logori. Tutto quello che convenzionalmente etichettiamo come reale, fisico, vero, appare ora ai miei occhi come armonica contraffazione di una, cento, miliardi di vite che impersonano ruoli spinti in

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1