Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Lucia.. Vita di una Medium nata nel 1936
Lucia.. Vita di una Medium nata nel 1936
Lucia.. Vita di una Medium nata nel 1936
E-book119 pagine54 minuti

Lucia.. Vita di una Medium nata nel 1936

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Info su questo ebook

Lucia impegnata in una seduta per contattare gli Spiriti dell'Aldilà.. questa è la copertina che racchiude il senso della sua vita attuale.
Dopo un infanzia passata fra povertà e sofferenze, grazie all'aiuto della madre e di incontri casuali con persone con "Poteri Speciali", riesce a dare uno scopo alla sua esistenza: aiutare chiunque si rivolge a lei cercando di sciogliere i nodi che si stringono fortemente nella nostra vita.
L'ultima parte è dedicata ai racconti più significativi delle sue sedute.
LinguaItaliano
Data di uscita25 nov 2015
ISBN9788892521612
Lucia.. Vita di una Medium nata nel 1936
Leggi anteprima

Correlato a Lucia.. Vita di una Medium nata nel 1936

Ebook correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Recensioni su Lucia.. Vita di una Medium nata nel 1936

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Lucia.. Vita di una Medium nata nel 1936 - Roberta Rosmini

    lucia:Layout 1 31/10/15 10:53 Pagina 1

    Roberta Rosmini

    Roberta R

    Roberta Rosmini, nata a Città di Castello.

    os

    Legata a Lucia da un’amicizia decennale che risale

    mi

    ai tempi del ’infanzia.

    ni

    robertarosmini@libero.it

    Vita di una medium

    racconti delle sue sedute

    nata nel 1936

    Lucia impegnata in una seduta per contattare gli

    L

    Spiriti dell’Aldilà…..questa è la copertina che racchiude

    u

    Il senso della sua vita attuale.

    c

    Dopo un’infanzia passata fra povertà e sofferenze, grazie

    ia

    all’aiuto della madre e di incontri casuali con persone

    con poteri speciali, riesce a dare uno scopo alla sua

    esistenza: aiutare chiunque si rivolge a lei cercando di

    sciogliere i nodi che si stringono fortemente nella nostra

    vita.

    L’ultima parte è dedicata ai racconti più significativi delle

    sue sedute.

    ISBN 88-901124-6-8

    €. 13,00

    1

    Roberta Rosmini

    Roberta R

    Roberta Rosmini, nata a Città di Castel o.

    os

    Legata a Lucia da un’amicizia decennale che risale

    mi

    ai tempi dell’infanzia.

    ni

    robertarosmini@libero.it

    Vita di una medium

    racconti delle sue sedute

    nata nel 1936

    Lucia impegnata in una seduta per contattare gli

    L

    Spiriti dell’Aldilà…..questa è la copertina che racchiude

    u

    Il senso della sua vita attuale.

    c

    Dopo un’infanzia passata fra povertà e sofferenze, grazie

    ia

    all’aiuto della madre e di incontri casuali con persone

    con poteri speciali, riesce a dare uno scopo alla sua

    esistenza: aiutare chiunque si rivolge a lei cercando di

    sciogliere i nodi che si stringono fortemente nella nostra

    vita.

    L’ultima parte è dedicata ai racconti più significativi delle

    sue sedute.

    ISBN 88-901124-6-8

    €. 13,00

    2

    Roberta Rosmini

    Vita di una medium

    Racconti delle sue sedute

    Nata nel 1936

    3

    4

    Dedico questo libro ai miei figli e a

    tutti voi…

    Per dirvi che non siete mai soli, e che

    c’è sempre

    Una forza invisibile che è disposta ad

    aiutarci.

    Lucia

    5

    6

    LA VITA

    Voglio raccontarvi la mia vita. Non che sia una vita

    straordinaria, ma sicuramente unica come quella

    di ognuno di voi.

    Sono nata di venerdì, l’11 dicembre del 1936. Al

    vocabolo Petricci, vicino a Città di Castello, in

    campagna.

    La mia vita è stata contrassegnata dalla povertà.

    Vivevo in una vecchia casa con il tetto poco

    sicuro, spesso ci pioveva dentro, dovevamo

    mettere dei tegami in vari punti per raccogliere

    l’acqua piovana. Era molto fredda, per fortuna

    c’era il camino e con la brace riuscivamo a

    riscaldare anche il letto. Veniva messa in uno

    strano trabiccolo che noi chiamavamo il prete. Il

    bagno non c’era, per i bisogni c’era una tazza in

    mezzo a una camera e dovevo sempre fare la fila,

    eravamo 14 persone ad abitare insieme, oppure le

    alternative erano la stalla o nei campi dietro

    qualche cespuglio. Mi ricordo ancora il rumore del

    materasso, era fatto con le foglie del granoturco,

    ogni movimento ti svegliava!

    7

    Inutile dirlo….non c’era l’elettricità e neanche la

    tivilisione.

    Sono l’ultima di tredici figli. Ero talmente piccola

    che i miei genitori hanno pensato che non ce

    l’avrei fatta, ero 1 chilo e mezzo, per questo mi

    hanno battezzata subito nella chiesa di San

    Giovanni Mignollo.

    Crescere è stata un’impresa, dopo tutti quei figli

    mia madre non riusciva più ad allattarmi, un

    vicino di casa aveva una capra e mi dava un po’ di

    latte, mi faceva malissimo, non mi si conferiva,

    avevo continuamente disturbi intestinali, la

    mamma si preoccupava ma un giorno ho capito il

    motivo. Era una delle mie sorelle che andava a

    prendermi il latte, lo metteva dentro una bottiglia,

    ma mentre tornava a casa, (a lei il latte piaceva

    da morire) ne beveva la metà e per non farsi

    accorgere, riempiva la bottiglia con l’acqua del

    fiume. Quando la mamma vedeva quel latte di

    colore torbido, pensava che fosse troppo nutriente

    e pesante per me, così aggiungeva altra acqua

    dalla fonte. In conclusione bevevo solo acqua

    sporca. Stavo male tutta la notte, con un bisogno

    impellente di fare la cacca, mia sorella mi

    accompagnava nella stalla , prendeva un forcone

    in mano e mi diceva sempre: se ti azzardi a dire

    alla mamma dell’acqua del fiume ti cavo gli occhi

    8

    con questo! E così continuavo a stare zitta e a star

    male. Cercavo di evitare il latte e mangiavo solo il

    pane cul zuccoro.

    Avevo spesso anche le convulsioni, rimanevo

    senza sensi anche per ore! Una volta mi hanno

    addirittura messo dentro la bara! Ma mi

    capite….non si sapeva neanche cosa fossero! Le

    uniche cure a disposizione erano quelle fornite

    dalla natura. Vino nero bollito con lo zucchero per

    il mal di gola e tosse secca, e latte e miele per la

    tosse grassa. Qualche tisana con

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1