Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Sherlock Holmes e l'avventura dell'uomo che non era lui
Sherlock Holmes e l'avventura dell'uomo che non era lui
Sherlock Holmes e l'avventura dell'uomo che non era lui
E-book78 pagine58 minuti

Sherlock Holmes e l'avventura dell'uomo che non era lui

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

GIALLO - Cala in sipario per Sherlock Holmes

La morte del fratello di Holmes, provocata dall'epidemia di febbre spagnola che si abbatte  sull'Inghilterra immediatamente dopo la fine della guerra, riunisce ancora una volta i due amici in una indagine che li porterà a scoprire l'identità di una spia infiltrata all'interno di Whitehall. Ma la scomparsa di Mycroft è solo il primo anello di una catena di sangue che non risparmierà nessuno, né Watson, colpito negli affetti più cari, né lo stesso Holmes, mai così vicino a perdere la vita nel corso di una indagine. La soluzione del caso è l'ennesimo capolavoro della lucida razionalità del detective, ancora una volta in grado di ricostruire gli avvenimenti a partire da flebili indizi; ma, un'altra terribile verità si nasconde dietro quell'ultima avventura, un dramma che riscrive completamente la vita di Sherlock Holmes

Massimiliano De Luca è nato a Firenze nel 1968. Appena conseguita un'improbabile maturità scientifica, ha iniziato un dispersivo percorso fatto di lavoro e studio ispirato (come direbbe Monod) dal caso e dalla necessità. Ne è venuta fuori un'esperienza ricca, quanto poco definibile, e un curriculum vitae che alcuni responsabili di risorse umane hanno definito "non rassicurante", con conseguente ricaduta negativa sul piano occupazionale. È in possesso di un PhD in sociologia, un master in Comunicazione e Counseling, una laurea in Scienze Politiche, un diploma di specializzazione come Operatore per le marginalità sociali; professionalmente ha imparato a disbrigarsi nelle contingenze di uffici, officine, aule scolastiche, comunità educative, ma soprattutto ad usare le mani: riparare un motore, costruire un mobile, tirare su un muro, insomma fare quello c'è da fare, talvolta con esiti confusi. Attualmente si occupa di ricerca sociale per conto di un ente pubblico, svolge attività di formatore, ed è docente universitario a contratto, ma esprime una crescente insofferenza per queste occupazioni, e promette cambiamenti a breve termine. Ha pubblicato un romanzo di formazione nel 1997 e il primo poliziesco l'anno successivo. Poi alcuni racconti in collettanea, piazzamenti d'onore a concorsi letterari ("Eleusi, Orme Gialle, Città di Firenze, Grado Giallo"), infine, a partire dal 2005, sulla scia dell'esperienza di insegnamento, alcuni saggi di matrice sociologica, tra cui, nel 2012, Modelli sociali e aspettative, Il Paese che non c'è e Undermedia per i tipi di Aracne Editrice.
LinguaItaliano
Data di uscita16 dic 2014
ISBN9788867756131
Sherlock Holmes e l'avventura dell'uomo che non era lui
Leggi anteprima

Leggi altro di Massimiliano De Luca

Correlato a Sherlock Holmes e l'avventura dell'uomo che non era lui

Ebook correlati

Categorie correlate

Recensioni su Sherlock Holmes e l'avventura dell'uomo che non era lui

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Sherlock Holmes e l'avventura dell'uomo che non era lui - Massimiliano De Luca

    a cura di Luigi Pachì

    Massimiliano De Luca

    Sherlock Holmes e l'avventura dell'uomo che non era lui

    Prima edizione dicembre 2014

    ISBN 9788867756131

    © 2014 De Luca Massimiliano

    Edizione ebook © 2014 Delos Digital srl

    Piazza Bonomelli 6/6 20139 Milano

    Versione: 1.0

    TUTTI I DIRITTI RISERVATI

    Sono vietate la copia e la diffusione non autorizzate.

    Informazioni sulla politica di Delos Books contro la pirateria

    Indice

    Massimiliano De Luca

    Sherlock Holmes e l'avventura dell'uomo che non era lui

    Premessa

    Capitolo primo

    Capitolo secondo

    Capitolo terzo

    Capitolo quarto

    Capitolo quinto

    Capitolo sesto

    Epilogo

    Delos Digital e il DRM

    In questa collana

    Tutti gli ebook Bus Stop

    Massimiliano De Luca

    Massimiliano De Luca è nato a Firenze nel 1968. Appena conseguita un’improbabile maturità scientifica, ha iniziato un dispersivo percorso fatto di lavoro e studio ispirato (come direbbe Monod) dal caso e dalla necessità. Ne è venuta fuori un’esperienza ricca, quanto poco definibile, e un curriculum vitae che alcuni responsabili di risorse umane hanno definito non rassicurante, con conseguente ricaduta negativa sul piano occupazionale. È in possesso di un PhD in sociologia, un master in Comunicazione e Counseling, una laurea in Scienze Politiche, un diploma di specializzazione come Operatore per le marginalità sociali; professionalmente ha imparato a disbrigarsi nelle contingenze di uffici, officine, aule scolastiche, comunità educative, ma soprattutto ad usare le mani: riparare un motore, costruire un mobile, tirare su un muro, insomma fare quello c’è da fare, talvolta con esiti confusi. Attualmente si occupa di ricerca sociale per conto di un ente pubblico, svolge attività di formatore, ed è docente universitario a contratto, ma esprime una crescente insofferenza per queste occupazioni, e promette cambiamenti a breve termine. Ha pubblicato un romanzo di formazione nel 1997 e il primo poliziesco l’anno successivo. Poi alcuni racconti in collettanea, piazzamenti d’onore a concorsi letterari (Eleusi, Orme Gialle, Città di Firenze, Grado Giallo), infine, a partire dal 2005, sulla scia dell’esperienza di insegnamento, alcuni saggi di matrice sociologica, tra cui, nel 2012, Modelli sociali e aspettative, Il Paese che non c’è e Undermedia per i tipi di Aracne Editrice.

    Premessa

    Gli appassionati delle avventure di Sherlock Holmes ricorderanno certamente i fatti avvenuti presso le cascate di Reichenbach nel maggio del 1891, quando il tragico esito della lotta mortale con il professor Moriarty sembrò decretare la fine delle gesta del più grande tra i detective. Una lettera ritrovata in tempi recenti chiarisce alcuni punti oscuri della vicenda, integrando le parole di Watson relative all’ultima avventura vissuta a fianco dell’amico, che finalmente oggi possiamo rendere nota.

    Negli ultimi mesi del 1926 Watson, internato a Aylesworth Home a causa di una grave forma di artrite reumatoide, aveva dettato all’infermiera Sarah Dobson gli ultimi sei racconti de Il taccuino di Sherlock Holmes, nonché, alla fine dell’estate del 1928, una nuova avventura, l’ultima vissuta assieme all’amico, risalente all’anno 1919. Miss Dobson, che ne aveva trascritto il testo, immediatamente dopo la morte di Watson informò lo Strand Magazine di essere in possesso di una storia inedita, ma la redazione non prese in considerazione l’offerta, nel timore di imbattersi in un falso.

    Il racconto, di cui si ignorava l’esistenza, è stato conservato tra gli effetti personali della donna assieme a una busta sigillata indirizzata a Watson, e una breve nota olografa che conferma l’autenticità del manoscritto e le circostanze in cui è entrata in possesso della lettera, nonché le ragioni di conservarla senza prendere visione del contenuto. Dopo la sua scomparsa, le carte sono state affidate alla figlia (che non ci hai mai prestato attenzione), e successivamente alla nipote Elisabeth. Quest’ultima (di cui ho potuto constatare attraverso una fotografia la sua straordinaria somiglianza con la nonna che non ha mai conosciuto), dopo aver letto il manoscritto e l’appunto che lo accompagnava, non ha resistito alla tentazione di aprire la lettera – quindi, in preda a una violenta emozione, ha deciso renderne noto il contenuto. Per una serie di circostanze, ho finito per assumermi la responsabilità di divulgare i documenti di cui sono entrato in possesso. Confesso di avere esitato.

    Capitolo primo

    L’anno 1918, che aveva segnato la fine delle ostilità, si tramutò ben presto in uno dei periodi più terribili che io ricordi; l’esplosione della febbre spagnola fu repentina e inarrestabile, e tutto il personale medico e infermieristico del Paese fu chiamato a fare la sua parte, anche a rischio della propria vita. Mi ero dovuto trasferire in un nuovo studio in Hinde Street, a meno di mezzo miglio dalla casa dove abitavo, che possedeva una sala d’aspetto adeguata oltre a un gabinetto medico più moderno e attrezzato. Mia moglie Amandine, dietro mia richiesta, aveva lasciato il lavoro di infermiera al St. Bartholomew’s Hospital per affiancarmi nell’attività. L’emergenza durò sino all’inverno, poi, lentamente, il contagio cominciò a rallentare, e all’inizio dell’anno successivo Londra stava ricominciando ad avviarsi alla normalità, e la gente, che aveva limitato

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1