Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Usare App Inventor Scrivere e distribuire App per cellulari e tablet Android
Usare App Inventor Scrivere e distribuire App per cellulari e tablet Android
Usare App Inventor Scrivere e distribuire App per cellulari e tablet Android
E-book437 pagine3 ore

Usare App Inventor Scrivere e distribuire App per cellulari e tablet Android

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Info su questo ebook

App Inventor dal MIT, (Massachusetts Institute of Technology) è un ambiente di sviluppo App per O.S. Android.
Gratuito e aperto a tutti,le App sono sviluppate da un browser collegato al MIT (O.S. Windows,Mac,Linux).
Pur su piattaforma Java,non serve conoscerne il linguaggio.
Lo scrive A.I. quando, da interfacce grafiche,assembliamo componenti e blocchi di codice.
I componenti (Pulsanti, Sprite,Sensori ecc.) hanno proprietà,eventi e metodi preconfezionati.
Il programmatore deve solo scegliere i componenti e dar loro i comportamenti voluti.
Questi vengono assegnati con blocchi di codice,predisposti e calibrati su ciascun componente minimizzando le possibilità di errori.
Nel libro,per ogni componente è presentata un’App,aspetto nell’Emulatore,e commenti passo-passo.
Alla presentazione di ogni nuovo componente,vengono utilizzati solo quelli descritti in precedenza,in modo da rendere l'apprendimento facile e graduale.
Le App possono essere anche distribuite sul Play Store di Google.
LinguaItaliano
Data di uscita6 dic 2013
ISBN9788868852887
Usare App Inventor Scrivere e distribuire App per cellulari e tablet Android
Leggi anteprima

Leggi altro di Antonio Taccetti

Correlato a Usare App Inventor Scrivere e distribuire App per cellulari e tablet Android

Ebook correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Recensioni su Usare App Inventor Scrivere e distribuire App per cellulari e tablet Android

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Usare App Inventor Scrivere e distribuire App per cellulari e tablet Android - Antonio Taccetti

    Usare

    App Inventor

    Scrivere e distribuire App

    per cellulari e tablet Android

    by

    Antonio Taccetti

    Le pagine di questo libro sono una raccolta di annotazioni e appunti per App Inventor del MIT

    (Massachusetts Institute of Technology ).

    Sulla scorta di queste informazioni sono state scritte e testate App per cellulari e tablet con Sistema Operativo Android.

    I dati sono stati controllati più volte e le applicazioni testate.

    La presente pubblicazione contiene le opinioni dell’autore ed hanno lo scopo di fornire informazioni precise ed accurate.

    L’elaborazione dei testi, anche se curata con scrupolosa attenzione non potrà comportare specifiche responsabilità in capo all’autore e/o all’editore per eventuali errori o inesattezze.

    Questo ebook è la versione elettronica del libro Usare App Inventor Scrivere e distribuire App per cellulari e tablet Android, versione cartacea.

    Per quanto possibile è stato tenuto conto dell'impaginazione originale.

    Leggendo il libro in orizzontale (due pagine affiancate) ed aumentano le dimensioni dei caratteri alcune tabelle potrebbero leggermente debordare alla pagina a fianco.

    Si è preferito questa soluzione al posto di inserire tabelle come immagini il cui contenuto sarebbe risultato troppo piccolo alla lettura. 

    Aggiornamenti o revisioni sono raggiungibili all’indirizzo: http://www.app-inventor.it/

    Codice sorgente e App complete: http://www.app-inventor.it/download/

    Il sito ufficiale del progetto App Inventor è http://appinventor.mit.edu/

    Un po’ di storia

    Smartphone, in italiano telefono intelligente, cellulare intelligente, telefonino multimediale, è un dispositivo mobile che abbina funzionalità di telefono cellulare a quelle di gestione dati personali.

    Deriva dai dispositivi palmari PDA (dall'inglese Personal Digital Assistant), conosciuto anche come palmtop. Era un computer di dimensioni ridotte, tali da essere utilizzato nel palmo di una mano.

    Equipaggiato di uno schermo tattile fu concepito come agenda elettronica evoluta, con orologio, calendario, calcolatrice, possibilità di memorizzare note e appunti in modo anche vocale.

    La produzione e commercializzazione iniziò intorno al 1985.

    Fu in seguito arricchito e perfezionato con nuove funzioni sempre più evolute, fino ed essere un tutt'uno con i telefoni cellulari del periodo.

    Gli odierni smartphone (anno 2013) oltre ad essere telefoni cellulari ed agende elettroniche, sono equipaggiati con fotocamera e videocamera, ma soprattutto possono connettersi, anche in modo permanente, ad Internet.

    Questa connessione consente la navigazione satellitare, l'invio e ricezione di e-mail con allegati (che possono essere le foto fatte con lo stesso dispositivo) e tutto ciò che può essere fatto da un computer fisso. (Desktop).

    Ad esempio, può essere installato e rimosso del software aggiuntivo che va sotto il nome generico di App (abbreviazione di applicazione) specializzato negli usi più vari.

    Gli smartphone sono equipaggiati di un sistema operativo (O.S) ed ogni APP deve essere scritta appositamente per l' O.S. sul quale sarà eseguita.

    Abbiamo così il MAC della Apple, Windows della Microsoft , e novità assoluta,  Android di Google.

    Importante differenza fra i primi due e  Android,  è che quest'ultimo è open source, con tutte quello che ne deriva.

    Le applicazioni utilizzate in questi smartphone sono scritte in java e fino a poco tempo fa solo conoscendo questo linguaggio era possibile scriverne.

    Questo obbligo, pur continuando a dover disporre di java, è stato superato dal Massachusetts Institute of Technology,  nel seguito del libro definito MIT.

    Il MIT ha rilasciato la prima beta pubblica e gratuita di un'applicazione dal nome App Inventor raggiungibile all'indirizzo web http://appinventor.mit.edu/

    Questa è uno strumento web-based (gira in rete senza bisogno di installazione) che consente a chiunque, in modo visuale, di sviluppare APP per piattaforma Android.

    La differenza principale tra i due metodi è data dal fatto che mentre con Java è possibile realizzare qualsiasi programma, con App Inventor invece, il campo è un po' più ristretto perché le istruzioni utilizzabili sono quelle formalizzate dal MIT.

    Il progetto, attualmente in fase Beta, continua a rimanere gratuito e disponibile a tutti gli utenti che hanno un account Google.

    I tecnici del MIT mantengono aggiornato e ampliano questo semplice e stupefacente linguaggio di programmazione visuale, adatto anche per chi dispone di scarse conoscenze informatiche.

    Contenuti del libro

    Questo libro è una raccolta di annotazioni e appunti con i quali sono stati fatti test e verifiche per software redatto con App Inventor per Android.

      Ogni progetto di App Inventor si avvale di tre parti.

    La pagina App Inventor for Android con i componenti già predisposti (pulsanti, etichette, ecc).

    In questa pagina vengono editati graficamente i progetti.

    Sempre in questa pagina, con un apposito pulsante, vengono scaricate le APP scritte e pronte all’uso sugli smartphone.

    Il Blocks Editor, dove visivamente potranno essere inserite le istruzioni di programmazione.

    L'Emulatore, dove sarà possibile vedere il lavoro durante la stesura.

    Il libro accompagna e guida il lettore per una:

    Verifica del personal computer, testando l'adeguatezza del software già presente per l'utilizzo di App Inventor.

    Conoscenza dell'Emulatore, che consente il test delle App scritte senza necessità di installarle sul proprio smatphone.

    Scoperta degli strumenti per programmare con App Inventor. 

    Di ogni componente viene illustrato il funzionamento e testato in un’applicazione, evidenziandone le caratteristiche.

    App Inventor è in costante sviluppo, pertanto eventuali novità, cambiamenti, soluzione di possibili bug o  compatibilità hardware,  sono reperibili a questo indirizzo web  del MIT (in lingua inglese):

    http://beta.appinventor.mit.edu/learn/setup/index.html#setupComputer

    I programmi creati con App Inventor non risiederanno sul PC locale, ma salvati on-line, sul server del MIT.

    Questo permetterà di editarli, modificarli, eliminarli, trasferirli sullo smartphone da qualunque computer nel mondo purchè collegato ad Internet. (Necessari username e password dell'account)

    Una volta terminato un programma, sul server del MIT, può essere compilato e quindi installato direttamente su di un dispositivo android.

    In alternativa può essere scaricato sul computer locale, da lì trasferito su più dispositivi (smartphone o tablet), installato ed utilizzato.

    Il software scritto con App Inventor può essere anche distribuito utilizzando il PlayStore di Google.

    Il codice sorgente e le App complete di tutti gli esempi del libro sono scaricabili all’indirizzo:

    http://www.app-inventor.it/download/

    Dallo stesso sito potranno essere scaricati eventuali errata corrige.

    Che cosa è necessario per scrivere App con App Inventor

    Un personal computer desktop o notebook (portatile) che siano collegati a Internet.

    Un account Google, che non è altro che un indirizzo e-mail del tipo xytz @gmail.com, dove xytz sta per quello che volete voi.

    Se non lo avete, di seguito è spiegato come procurarselo gratuitamente.

    Sistemi operativi utilizzabili.

    Mac OS X 10.5 o 10.6 o successivi

    Linux Ubuntu 8 o successivi oppure Linux Debian 5 o successivi;

    Windows XP, Windows Vista o Windows 7, 8

    Browser

    Mozilla Firefox 4 o superiore

    Intenet Explorer 7 o successivo

    Safari 5.1 o successivo

    Google Chrome 4 o superiore (consigliato)

    La connessione Internet deve essere sempre attiva, perché App Inventor è un software che, al momento, funziona esclusivamente online.

    Alla data di questa pubblicazione, marzo 2013, il MIT ha rilasciato una versione di App Inventor che gira in locale. Quanto prima sarà inserita descrizione sul sito www.app-inventor.it.

    Obbligatorio avere Java installato sul computer; di solito è presente, anche se l'utente non se ne accorge. Java lavora di sottofondo durante la navigazione web. (Di seguito come fare per testarlo.)

    Opzionalmente serve un cellulare o tablet con sistema  operativo Android.

    Su questo potrete veder girare i vostri programmi già testati nell’emulatore di App Inventor.

    Le App potranno poi essere scaricate sul PC ed installate su smartphone con sistema operativo Android.

    Creare un account gratuito Google

    Ci sono varie strade (percorsi web) per creare un account Google, quella mostrata è probabilmente la più semplice e immediata.

    Andate alla pagina www.google.it, che si mostrerà come in figura sottostante, e fate click sulla voce Gmail.

    Avrete accesso a una pagina come nella figura che segue; potrete accedere alla pagina di registrazione vera e propria (freccie rosse). In seguito, quando avrete il vostro account, da qui, potrete accedere alla vostra casella postale. (Riquadro su fondo grigio con titolo Accedi)

    Troverete un modulo, completamente in italiano, da compilare con l'accettazione dei termini del servizio. 

    Quindi fate click sul pulsante Passaggio successivo. Troverete altre pagine che potrete anche ignorare, premendo sempre sul pulsante passaggio successivo di ognuna di esse. 

    Alla fine sarete trasportati nella vostra nuova casella e-mail contenente già alcuni messaggi di benvenuto di Google.

    Oltre che per accedere ad App Inventor, potrete utilizzare questa casella come qualsiasi altra casella di posta elettronica.

    Verificare se il computer è già allestito con java per App Inventor

    Di solito java è presente sui personal computer perché, essendo utilizzato nelle pagine Internet, viene spesso preistallato da chi configura i computer prima della vendita.

    Durante la navigazione Java lavora di sottofondo permettendo la fruizione di immagini ed applicazioni.

    Per verificare se sul proprio PC esiste java, e sia di una versione adeguata,  andate a questo indirizzo web: http://www.java.com/en/download/testjava.jsp

    Nel caso java non sia presente, o in versione da aggiornare, riceverete un messaggio simile:

    sarà  sufficiente facciate click su Free Java Download ed il java si installerà automaticamente.

    Per ragioni commerciali, a volte, può essere barrata una casella, che se non deselezionata, consente d’installare altro software, comunque non dannoso.  Deselezionando tutto procederà ugualmente in modo normale.

    Al termine dell'installazione potrebbe essere richiesto il riavvio del sistema.

    Nel caso java sia presente con versione adeguata riceverete un messaggio simile:

    non occorre fare altro, potete chiudere la pagina.

    Preparare l'Emulatore (Windows, MAC, Linux)

    Windows xp, Vista, 7, 8

    Si consiglia di eseguire l'installazione da un account con privilegi di amministratore.

    Questo installerà il software per tutti gli utenti della macchina.

    Se non si dispone dei privilegi di amministratore, l'installazione dovrebbe funzionare, ma App Inventor sarà utilizzabile solo dall'account utilizzato per l'installazione.

    Scaricare (fare il download) del programma per l'installazione, a questo indirizzo web:

    http://dl.google.com/dl/appinventor/installers/windows/appinventor_setup_installer_v_1_2.exe

    al termine del download individuare il file AppInventor_Setup_Installer_v_1_2.exe nella cartella dove è stato scaricato.

    La posizione del download sul computer dipende da come il browser è configurato.

    Con il pulsante sinistro del mouse fare doppio click sull’icona del file per avviare l'installazione.

    La posizione dove verrà installato varia in ragione della versione di Windows e del tipo di account con il quale si è avuto accesso a windows.

    Non modificare la posizione di installazione proposta.

    Di solito App Inventor è in grado di individuare il software installato per proprio conto.

    Se è chiesta la posizione del software, il percorso da inserire dovrebbe essere:

    C:\Program Files\Appinventor\commands-for-Appinventor

    Conviene comunque prenderne nota quando, durante l’installazione, è chiesto se cambiare la cartella predefinita. In quel momento, nella stessa finestra, è possibile leggere qual è.

    Al momento della stesura del libro è riportato sulle pagine del MIT che si possono verificare dei problemi con S.O. windows a 64 bit.

    Consultare la pagina del MIT su App Inventor

    http://appinventor.mit.edu/explore/content/windows.html

    per controllare se il problema può ancora verificarsi, ed al caso, come è stato risolto.

    Mac OS X

    App Inventor è costituito da parti diverse che lavorano insieme.

    Queste si trovano in luoghi diversi: sui server Internet, sul computer locale e sul telefono o tablet.

    Per installare il componente Emulatore che verrà eseguito sul computer seguire queste istruzioni.

    Scaricare il programma di installazione all’indirizzo:

    http://dl.google.com/appinventor/installers/mac/AppInventor_Setup_v_1.1.dmg

    Fare doppio clic su AppInventorSetup.pkg per avviare il programma di installazione.

    Fare clic su continua.

    Accettare il contratto di licenza del software.

    Fare clic su Installa senza modificare la posizione d' installazione

    Di solito App Inventor è in grado di individuare il software installato per proprio conto.

    Se è richiesto di digitare il percorso in cui cercarlo, esso è:

    /Applications/Appinventor/commands-for-Appinventor

    Al momento della stesura del libro nessun problema è evidenziato sulle pagine del MIT.

    Per consultare la pagina del MIT su MAC, Emulatore di smartphone per App Inventor, l'indirizzo web è:

    http://appinventor.mit.edu/explore/content/mac.html

    Linux

    Istruzioni aggiornate sono reperibili all’indirizzo:

    http://appinventor.mit.edu/explore/content/gnulinux-installation.html

    Per i sistemi Linux che consentono di installare pacchetti Debian

    Scaricare il programma di installazione AppInventor, pacchetto di installazione di Debian, a questo indirizzo web.

    http://dl.google.com/dl/appinventor/installers/linux/appinventor-setup_1.1_all.deb

    Si tratta di un file chiamato appInventor-setup_1.1_all.deb (il numero finale, cioè la versione, potrebbe essere diverso).

    Si tratta di un file di installazione del pacchetto Debian.

    La posizione del download sul computer dipende da come il browser è configurato.

    Se il vostro sistema può installare i pacchetti semplicemente cliccando sul file del pacchetto, farlo.

    Se il sistema non supporta gli installatori di pacchetti cliccabili, passare alla directory in cui si trova il file ed eseguire il comando

    sudo dpkg - install-AppInventor setup_1.1_all.deb

    Con entrambi i metodi, potrebbe essere necessario assicurarsi che il file deb e la directory abbiano i permessi necessari.

    Su alcuni sistemi, sudo non ha i privilegi di default di leggere ed eseguire tutti i file.

    Il software verrà installato in /usr/google/AppInventor-setup.

    Avrete anche bisogno di configurare il sistema per rilevare il dispositivo.

    Vedere le istruzioni per sviluppatori Android in Impostazione di un dispositivo per lo sviluppo.

    Per i sistemi Linux Ubuntu e per le altre distribuzioni GNU / Linux

    Scaricare il file di installazione di AppInventor tar. Si tratta di un file chiamato AppInventor-setup_1.1.tar.gz a questo indirizzo web:

    http://dl.google.com/dl/appinventor/installers/linux/appinventor-setup_1.1.tar.gz

    Si tratta di un file tar compresso con gzip.

    Installare i file utilizzando un metodo appropriato per il sistema operativo.

    È necessario estrarre solo la directory appinventor-setup_1.1/appinventor, che ha bisogno di finire sul vostro sistema con il nome di percorso completo /usr/google/AppInventor.

    Se è stato installato correttamente, troverete il file

    /usr/google/appinventor/commands-for-Appinventor/adb

    Di solito App Inventor è in grado di individuare il software installato per proprio conto.

    Per consultare la pagina del MIT su MAC, Emulatore di smartphone per App inventor, l'indirizzo web è:

    http://appinventor.mit.edu/explore/content/linux.html

    Preparare il cellulare come emulatore USB o wireless

    Questa operazione non è strettamente necessaria in quanto il software è in gran parte testabile sull'Emulatore.

    Può servire se nell'installare l'Emulatore avrete problemi di conflitto con hardware/software preesistente, o semplicemente non si vuole utilizzare lo smartphone/tablet per i test.

    Per testare le applicazioni con cellulare o tablet, questo deve essere collegato al PC con wireless o cavo USB.  È possibile scegliere uno dei due metodi, o anche alternarli durante la programmazione.

    Le operazioni descritte in seguito sono necessarie per entrambi i collegamenti, wireless e USB.

    Esistono in commercio moltissime versioni di telefoni con sistema operativo Android, molte con personalizzazioni dell'azienda produttrice.  Questo non permette di dare indicazioni specifiche per tutti, pertanto queste sono indicazioni di massima, il più possibile adatte ad ogni versione.

    Al momento, sul sito del MIT, vengono specificati alcuni telefoni (elenco non esaustivo) utilizzati con successo con App Inventor:

    Google: Nexus One, Nexus S

    Motorola: Droid, Droid X, Droid Incredible

    T-Mobile: G1

    HTC: Incredible, Hero, Desire

    Certamente la lista si allungherà nel tempo e non è detto che già da ora il vostro smarphone Android non sia già fra quelli testati.

    A questa pagina web del MIT sono consultabili aggiornamenti ed integrazioni:

    http://beta.appinventor.mit.edu/learn/setup/phone.html (in inglese).

    Sullo smartphone/tablet è necessario eseguire alcune impostazioni.

    L'accesso a queste impostazioni si effettua facendo click sull'icona Impostazioni (o Setting se il vostro smartphone è in inglese).

    L'immagine dell'icona varia con il modello di telefono e della ditta produttrice, quegli che seguono sono alcuni esempi , ma tutte le immagini si richiamano a questi.

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1