Trova il tuo prossimo libro preferito

Abbonati oggi e leggi gratis per 30 giorni
Lettere della Guerra da un epistolario di famiglia. Dal 25 luglio 1943 alla liberazione, lettere di civili e di militari. In appendice: un'esperienza di guerra.

Lettere della Guerra da un epistolario di famiglia. Dal 25 luglio 1943 alla liberazione, lettere di civili e di militari. In appendice: un'esperienza di guerra.

Leggi anteprima

Lettere della Guerra da un epistolario di famiglia. Dal 25 luglio 1943 alla liberazione, lettere di civili e di militari. In appendice: un'esperienza di guerra.

Lunghezza:
69 pagine
53 minuti
Pubblicato:
Sep 2, 2014
ISBN:
9788890810572
Formato:
Libro

Descrizione

Tratte da un epistolario di una famiglia abruzzese, una selezione di lettere scritte nel periodo intercorso tra la caduta del fascismo e la liberazione dei territori italiani. Queste lettere rappresentano un piccolo spaccato dei disagi, delle pene, dei piccoli e grandi drammi vissuti dalla popolazione italiana e dai militari lontani dalla patria.
Pubblicato:
Sep 2, 2014
ISBN:
9788890810572
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Lettere della Guerra da un epistolario di famiglia. Dal 25 luglio 1943 alla liberazione, lettere di civili e di militari. In appendice

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Lettere della Guerra da un epistolario di famiglia. Dal 25 luglio 1943 alla liberazione, lettere di civili e di militari. In appendice - Federico Adamoli

Lettere della Guerra

da un epistolario di famiglia

Dal 25 luglio 1943 alla liberazione,

lettere di civili e di militari

In appendice: un'esperienza di guerra

a cura di

Federico Adamoli

Sommario

Presentazione

Lettere della Guerra

Appendice: un'esperienza di guerra

Presentazione

La presente selezione di lettere tratte dall'epistolario della famiglia Adamoli di Teramo (www.adamoli.org) si riferisce al periodo intercorso tra la caduta del fascismo (25 luglio 1943) e la liberazione dei territori italiani.

Nei lunghi mesi dell'occupazione nazista la vita degli italiani fu caratterizzata dai disagi di un clima divenuto sempre più ostile per la crescente intolleranza dei tedeschi verso la popolazione.

A ciò si aggiunse la penosa realtà degli sfollamenti, resi necessari dal pericolo incombente dei bombardamenti da parte degli alleati anglo-americani, che aggravava lo stato di disagio delle famiglie, alle prese con i più svariati problemi logistici, dall'alloggio all'assoluta precarietà delle necessità alimentari, legate al razionamento e all'odiosa diffusione della borsa nera.

Ad accrescere l'ansia degli italiani il timore per la sorte dei familiari lontani, dei quali si avevano notizie con estrema difficoltà.

Queste lettere rappresentano un piccolo spaccato dei disagi, delle pene, dei piccoli e grandi drammi vissuti dalla popolazione italiana e dai militari lontani dalla patria.

Lettere della Guerra

I

Ai Dist.mi Coniugi

Umberto e Clarice Adamoli

Viale Francesco Crispi

Teramo (Abruzzi)

P.M. 39 – 7 agosto 943

Carissimi zii,

sono tornato nella nota destinazione quasi con la velocità del lampo. A Fiume non sono stato che lo spazio di una notte, sia pure di una notte a scartamento ridotto, in quanto la notte del giorno quattro ho dormito solo tre ore, dalle due alle cinque.

In due giorni di navigazione ho raggiunto la meta; il giorno 6 quindi, alle ore 20, mi trovavo di nuovo di fronte a Teramo.

Ho viaggiato e navigato bene.

Nelle poche ore, circa quattro, che sostai a Trieste ebbi modo di visitare un po' la città. E' realmente carina, piena di grazia, è di una eleganza tale nelle costruzioni, eleganza mista ad austerità, che Trieste non può essere che italiana. E' vera espressione di quella italianità romana di cui sono pregni la mia anima, il mio intelletto ed il mio cuore.

Chiudo la mia lettera rivolgendo una preghiera al Signore perché voglia proteggere i giusti, i buoni, gli onesti, i veri patrioti, quelli che sono degni di essere italiani, fra i quali Voi e la mia famiglia. Vi saluto e vi abbraccio carissimamente unitamente ad Irma

aff.mo

Giovannino¹

II

P.M. 105 lì 15-8-43.

Carissimo Giovanni,

Ho ricevuto la tua cartolina postale da Grado e ti ringrazio per il tuo costante pensiero. Ti ricordo sempre con affetto, perché mi sei stato un vero amico sia nelle prospere che nelle avverse vicende. Ti faccio sapere che ho risposto alla tua lettera del 20 luglio u.s. e che certamente troverai al tuo rientro in sede. Io non ricevo notizie dai miei dal 2 luglio u.s. Spero che stiano bene in salute e che abbiano superato ogni pericolo. Sono contento che tu hai la fortuna di potere rivedere i tuoi monti. Auguri, sempre auguri. In attesa leggere tue buone nuove, abbiti i miei più affettuosi saluti e abbracci

aff.mo Pietro

Al N.H.

Dott. Giovanni Adamoli

Corso Cerulli, 24-26

Teramo

L'Ufficiale Commissario

Ten. Belvedere Dott. Pietro

Comando 105a Divisione

Autotrasportabile Rovigo

Ufficio Commissariato

III

SANTA M.M. 16/8 43

Mio caro Amico [Umberto]

In questi duri momenti, scambiare idee, pensieri, impressioni, speranze con persone care colle quali si ha comune il sentimento e la convinzione, è un vero sollievo, una felicità. Ecco perché ti ringrazio commosso per la tua forte vibrante lettera che mi va al cuore, perché è l'eco della mia anima addolorata, ma non doma.

Ed ecco perché ti rispondo appena la ho ricevuta, obbedendo ad un imperioso bisogno dell'animo assetato di parlare con uno che pensa e crede e spera al pari di me!

E' giusto, è sereno il tuo giudizio sulle vicende politiche, il dolore però e la delusione che io ed i miei figli abbiamo provato è indescrivibile. La parola del RE pronta, energica, dinamica, ha tracciata la nuova via, e fu una grande fortuna, così tutti sanno il loro dovere ed in noi non esiste titubanza. Questo non esclude però il grave colpo a ciò che costituiva una grande idealità, ed uno scossone al carattere degli italiani. Io ne sono ancora tutto sconvolto ma questo passerà perché ormai passa in ultima linea di fronte

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Lettere della Guerra da un epistolario di famiglia. Dal 25 luglio 1943 alla liberazione, lettere di civili e di militari. In appendice

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori