Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Laboratorio di Impianti Chimici Vol.2

Laboratorio di Impianti Chimici Vol.2

Leggi anteprima

Laboratorio di Impianti Chimici Vol.2

Lunghezza:
161 pagine
4 ore
Pubblicato:
25 mag 2015
ISBN:
9786050376029
Formato:
Libro

Descrizione

Il secondo vol. contiene esperienze quali la trasmissione di calore per miscelazione, conduzione, cristallizzazione ed altre importanti, con diagrammi, disegni tecnologici, foto di strumentazioni, ed osservazioni finali per ogni esperienza.
Pubblicato:
25 mag 2015
ISBN:
9786050376029
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Laboratorio di Impianti Chimici Vol.2

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Laboratorio di Impianti Chimici Vol.2 - Francesco Fratini

1.1 Trasmissione di calore (a)

Obiettivo: determinare la quantità di calore che si trasmette per mescolamento tra due sostanze miscibili omogenee ed eterogenee.

Principi teorici: il calore è una grandezza estensiva, dipende dalla massa, l’unità di misura del calore è la caloria, cioè la q di calore o energia necessaria per innalzare di ¹°C la temperatura di ¹kg di H2O (14°C-15°C), rimanendo il valore della densità dell’acqua uguale ad 1 in quell’arco di temperatura. La temperatura invece è una grandezza intensiva collegata al calore, e ne misura la quantità energetica.

q di calore Caloria= ———————

¹Kg H2O pura

La trasmissione di calore dopo mescolamento tra due sostanze liquide in regime di quiete o fermi, avviene per conduzione, con i liquidi in stato di moto, ovvero con trasferimento di massa e di calore, avviene per convezione. Nelle nostre esperienze, onde limitare la dispersione di calore, le masse per la determinazione della temperatura finale vengono trasferite nel vaso di Dewar. E’ un recipiente in materiale plastico infrangibile, che all’interno presenta una intercapedine costituita da doppia parete in vetro con superficie argentata, in cui è stato prodotto il vuoto per limitare la conduzione verso l’esterno. Un vero calorimetro adiabatico, l’isolamento di trasmissione del calore, si ottiene col vetro, la superficie argentata serve per ridurre l’irraggiamento.

Materiale: 2 Beker da 400 ml,3 termometri digitali,1 vaso di Dewar, 2 piastre riscaldanti, agitatore magnetico,1bilancia tecnica.

Sostanza: H2O, CH3COOH glaciale.

Procedimento: si propongono due prove di laboratorio, la prima riguardante due liquidi della stessa sostanza, la seconda due liquidi di sostanza differente.

Prima esperienza: si riempiono due beker con agitatore magnetico, rispettivamente di ²⁰⁰ml e ³⁰⁰ml, di H2⁰, si determina la temperatura dei liquidi alle condizioni normali di T e P, quindi si porta a riscaldamento sulle piastre riscaldanti, sino ad arrivare alle

temperature stabilite. A questo punto, si tolgono i beker dalle piastre, si lascia per qualche minuto stabilizzare la temperatura all’aria, si verifica la temperatura raggiunta nei due beker, e si mescolano le due masse nel vaso di Dewar, si chiude quest’ultimo con il coperchio avente il foro calibrato per l’inserimento del termometro digitale e si legge la temperature della miscela.

Dati: T1= ⁶⁰°C  T2= ⁹⁰°C      temperatura di riferimento→ ²⁰°C

Il calore acquistato dalla sostanza A, sarà:

1kcal

Q1= m1 · Cp · ∆T → ⁰,²⁰⁰kg · ———— · (60-20)°C→ ⁸ kcal

kg°C

per la sostanza B:

1kcal

Q2= m2· Cp· ∆T→0,300Kg · ——— · (90-20)°C→ ²¹kcal

kg°C

la temperatura finale dell’esperienza dopo miscelazione a temperatura costante, risulta :

Te(esperienza) →57°C

La temperatura teorica, sarà:

kcal/kg·°C (8+21) kg·°C      ( 8 + 21) kcal

=  —————— = 58°C

kcal/Kg·°C·0,5 Kg      0,5 Kcal/°C

Come si evince dai dati a confronto, la temperatura rilevata dall’esperienza, risulta inferiore anche se di poco a quella teorica, in quanto nella manualità dell’operazione di mescolamento c’è senz’altro una dispersione di calore verso l’esterno. Il contenuto termico, in un sistema chiuso, sarà H=Q, per cui alla temperatura di equilibrio avremo:

1kcal

He=m·Cp·∆T→0,500kg · ——— · (57- 0)°C =28,5 kcal      He = entalpia esperienza

Kg·°C

1kcal

Ht=m·Cp·∆T→0,500kg ——— · (58-0)°C=29 Kcal      Ht= entalpia teorica

kg·°C

Se vogliamo esprimere i  dati  nel  S.I.  ovvero  in  chilo joule(kJ),  basta  moltiplicare per

4.186 per ottenere i kJ.

Dispersione di calore:

ΔQ=(29-28,5) Kcal→ 0,5 kcal

Seconda esperienza, il primo beker con 300 ml di acqua distillata(C), viene portato

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Laboratorio di Impianti Chimici Vol.2

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori