Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Tre marmocchi in otto giorni
Tre marmocchi in otto giorni
Tre marmocchi in otto giorni
E-book317 pagine4 ore

Tre marmocchi in otto giorni

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Valentina ha trent’anni, è single e tale vuole rimanere. Il destino, però, ha altri progetti in serbo per lei: ecco, dunque, che un giorno la vediamo incappare nell’uomo della sua vita. Le presentano Giuseppe, un quarantenne affascinante, colto e intelligente. Quasi l’uomo perfetto. Costui ha un solo, minuscolo difetto: è papà. Molto papà. L’uomo ha al suo attivo due tellurici maschietti – sette e cinque anni – e la loro sorellina di cinque mesi. Tutti quanti bisognosi di una mamma: la loro, infatti, non c’è più, mancata all’improvviso pochi mesi prima.

Una situazione tanto intricata da spingere chiunque alla fuga. Ma la sbandata, presa dalla nostra protagonista nel giro di pochi giorni, è ancor più forte della fifa che l’attanaglia. Come se non bastasse, i bambini riescono a conquistarla addirittura più velocemente del papà. Determinati a procacciarsi una mamma, non perdono tempo e la “assumono” ben presto, con l’incarico di mamma in prova.

L’operazione non è scevra da rischi: dilettante allo sbaraglio, Valentina si trova a gestire un imprevisto dopo l’altro. La buona volontà non basta, purtroppo, e le sue deludenti performance ne sono la prova. Ci vorranno mesi perché questa genitrice improvvisata riesca a prendere il controllo della situazione, oltre a quello della sua vita. O quasi. La strada per passare da mamma in prova a mamma vera è un percorso a ostacoli, costellato di incidenti inaspettati e disastri sfiorati. Un’avventura trascinante, coinvolgente e a tratti esilarante, che vede tutta la famiglia crescere di età e… di numero. Con le prevedibili, quasi rovinose conseguenze.
LinguaItaliano
Data di uscita9 set 2015
ISBN9786050414431
Tre marmocchi in otto giorni
Leggi anteprima

Correlato a Tre marmocchi in otto giorni

Ebook correlati

Articoli correlati

Recensioni su Tre marmocchi in otto giorni

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Tre marmocchi in otto giorni - Valentina Carli

    Farm

    Premesse

    Una precisazione, prima di iniziare il mio racconto.

    Nella mia lontana gioventù, non mi ci vedevo proprio a vestire i panni dell’angelo del focolare. Anzi.

    Convinta che mettersi un uomo in casa fosse solo fonte di guai e seccature, davanti alle insistenze di parenti e conoscenti, ossessive nel ripetermi di sposarmi, glissavo con eleganza e mi davo alla fuga.

    Quasi tutte queste accanite promoter nuziali, pur essendo vedove o divorziate, conducevano una vita sociale che batteva la mia di diverse lunghezze. Mentre io mi dilettavo, in farmacia, a staccare fustelle e curare influenze notturne e domenicali, quelle andavano in palestra, in crociera, a ballare e a teatro.

    Università popolare, corsi di cucina e bon ton, piscina e cineforum, non c’era iniziativa che si lasciassero sfuggire. Parlando con me, però, sostenevano con dogmatica sicurezza che mi sarei pentita della mia scelta di restare single.

    Ci si sposa per aver compagnia da vecchie! Ecco il ritornello che mi propinavano tutte.

    Peccato non ci fosse nemmeno l’ombra di un uomo nei paraggi di queste truppe d’assalto di diaboliche vecchiette; e quando c’era, era il professore scapolo incaricato di accompagnarle al mausoleo di Galla Placidia. Mr Digestivo Antonetto, per intendersi.

    La libertà non ha prezzo. Questo, all’epoca, era il mio motto.

    E qualsiasi prezzo va pagato pur di capire a cosa si rinuncia, rispondendo alle domande indiscrete di un signore in abito talare, o con una fascia tricolore addosso. Avevo visto troppe donne che, passando dal giogo genitoriale a quello coniugale, l’avevano nei primi tempi trovato vantaggioso. Per poi scoprire troppo tardi la verità: quel giogo non era per loro.

    Fu così che, sfidando gli sguardi malevoli dei perbenisti, mi decisi al grande passo.

    Andai a vivere da sola.

    Ora potevo rilassarmi in santa pace, circondata da un ambiente creato su misura per me, senza dover render conto a chicchessia del come e del perché di ogni mia mossa.

    Una meraviglia.

    Tutte le scocciature, ne ero certa, se ne starebbero rimaste fuori da quella porta, barriera fra me e il resto del mondo. Mi sentivo una signora.

    Illusione, ahimè. Partì subito l’offensiva nemica.

    Nell’istante stesso in cui la mia indipendenza fu sancita, tutti si attivarono per scovare un uomo adatto a me. Parenti, amici coniugati, insospettabili amiche zitellone, fino a ieri critiche accanite di matrimonio e dintorni, tutti, ma proprio tutti, si rivelarono piazzisti di fiori d’arancio.

    Non passava mese senza che qualcuno organizzasse una trappola, appiccicandomi alle costole improbabili corteggiatori sgraditi, oppure mi proponesse questo o quell’appuntamento al buio. Un incubo.

    È un fenomeno inspiegabile. Non appena una si organizza, mette su casa e inizia a godersi la nuova situazione, si scatena questa follia collettiva. Se poi non ha stampato in fronte "cercasi marito disperatamente", si ritrova tutti contro.

    Ben presto mi resi conto di un’altra, triste realtà: attorno a me, i mariti a disposizione pullulavano. Solo che erano i mariti di altre donne.

    Nulla, quanto il fatto di essere single e sul mercato, potrà mettere una donna di fronte alla reale consistenza di tante sedicenti unioni granitiche. C’è da rimanere sorprese dinanzi alla facilità con la quale fior di compiti padri di famiglia sarebbero disposti a giocarsi la tranquillità, pur di fare un giro sul nostro materasso. Una constatazione deprimente.

    Queste osservazioni sul campo ebbero due conseguenze.

    La prima fu che diventai abilissima a smarcarmi con nonchalance ogniqualvolta un lumacone – ammogliato – si affacciava all’orizzonte. Imparai ben presto che la parola d’ordine, con questi soggetti, è far finta di niente. Mai opporre una reazione sdegnata: il tipo ci accuserebbe di aver frainteso o di averlo provocato. Anche il semplice fatto di non essere infagottate in un burqa rappresenta una provocazione, con certi individui.

    Indossando il nostro più impersonale sorriso, basta fingere di non capire. Inutili i timori di far la figura delle cretine; quando un uomo simile vede una donna che non capisce qualcosa, anche la più ovvia, ci crede sempre. Sono esseri geneticamente programmati ad accettare la nostra idiozia, per quanto incredibile possa apparire.

    Facciamo le imbecilli. Ci cascheranno.

    E ci lasceranno in pace, senza aver poi il coraggio di divulgare l’incidente. Un’istanza di fallimento non si pubblicizza; una truffa ben riuscita, negli ambienti giusti, sì.

    La seconda ripercussione fu quella di non dare più il minimo peso all’opinione maschile.

    Non mi fidavo degli uomini. Perché, dunque, preoccuparmi di come avrebbero reagito loro, quando sceglievo qualcosa? L’importante era piacesse a me.

    Per la prima volta nella mia vita, ero libera da qualsiasi condizionamento.

    Era una sensazione inebriante, della quale sentivo non avrei più potuto fare a meno. Un po’ come una droga.

    L’idea di ammanettarmi a qualcuno, capace di aspettarsi da me cieca – e soprattutto muta – obbedienza, mi sorrideva ogni giorno di meno.

    Così, invece di accogliere le esortazioni a lanciarmi in un’inverosimile battuta di caccia al principe azzurro, insistevo a defilarmi, ben decisa a non farmi incastrare.

    Con simili premesse, tutti, io per prima, ci convincemmo che mai nessuno sarebbe stato tanto abile da farmi capitolare, trascinandomi all’altare.

    Rimane ora da chiarire come sia arrivata alla mia attuale condizione. Quella cioè di una donna costretta a una lotta impari per preservare qualche briciola spazio-temporale da dedicare a me stessa, assediata come sono da un marito, quattro figli e un gatto.

    Alla faccia della coerenza! si dirà.

    Concordo.

    Invoco, tuttavia, le circostanze attenuanti: fui vittima di un attacco a sorpresa, giunto da un fronte trascurato come possibile minaccia. Colta impreparata, sguarnita delle mie più che collaudate barriere di difesa, precipitai a capofitto in quella che, stando all’opinione dei più, si sarebbe trasformata in una trappola mortale.

    Parliamone.

    L'inizio della fine

    Prendiamo una trentenne abbastanza corteggiata da potersi permettere il lusso di scegliere. Soprattutto per il no. Una donna tanto indipendente da preferire la solitudine a una storia abborracciata, e nauseata quanto basta dal genere maschile.

    All’epoca, una situazione comune a me e numerose altre mie amiche e conoscenti.

    Un giorno, un amico mi propose di presentarmi un professionista, quarantenne, single e pure carino. A sentir lui, eravamo fatti l’uno per l’altra.

    Conoscevo svariate fanciulle pronte a lanciarsi a tuffo sull’occasione; una come me, al contrario, non poteva che procedere in controtendenza. Così, appena ricevuta la proposta, mi trasformai in un’erinni, prendendo a scarpate – metaforiche, certo, ma sempre scarpate – il malcapitato, guadagnandomi la qualifica di rompic… doc.

    Una qualifica rimastami appiccicata addosso, tanto da esser riportata al quarantenne in questione quando il destino, cinico e baro, ci ebbe fatto cozzare l’uno contro l’altra. A dispetto di tutte le mie manovre per evitarlo.

    Fatemi esporre un altro dettaglio, prima di schierarvi tutti dalla parte del bistrattato cupido.

    Il cosiddetto buon partito si portava dietro una piccola… tara. Un difettuccio costituzionale, in grado di renderlo tutto fuorché appetibile.

    Il meschino era vedovo da poco.

    Di moglie amatissima, per di più. Già questo, per come la vedevo io, lo trasformava in una vittima più che in un cacciatore di femmine. Al contrario, tutti i suoi amici stavano facendo carte false per trovare qualche gonnella disposta a facilitargli la vita.

    C’è una rete di solidarietà incredibile intorno a un amico rimasto solo. In particolare se questi non è solo. Non del tutto, almeno. Spesso, i vedovi sono corredati da uno o più optional, inseriti nel pacchetto da acquistare; questo, in particolare, di optional ne aveva parecchi. Tre, per l’esattezza. Sette e cinque anni, nonché una patuffola di meno di sei mesi.

    Piccini, dolci, anche bellini, mi si diceva… ma tre, santi numi!

    Uscire con un individuo in una situazione simile, più che un appuntamento al buio, mi sembrava un passaporto per l’inferno.

    Trovavo anche inopportuno tutto questo affannarsi a trovargli una compagna, a pochi mesi dalla dipartita della signora. Se la sarebbe cercata da solo, quando si fosse sentito pronto, o no?

    Già s’è detto cosa ne penso, dei piazzisti di fiori d’arancio. Sono una iattura, nella vita di un single.

    Per quanto riguardava me, esortai il piazzista a cercare un’altra sistemazione per l’amico da riciclare. Non ero l’Esercito della Salvezza!

    Di fronte ai miei ruggiti ci fu la rotta del nemico, che si ritirò scompostamente, archiviando il caso alla voce insolubili. Soddisfatta, accantonai la questione come risolta per sempre.

    Peccato che cupido facesse il medico e io la farmacista.

    Alla fine del mese avevo accumulato una mini-collezione di ricette, stilate da lui, con qualche piccola formalità da aggiustare. Una sera, presa la macchina, mi avviai al suo ambulatorio per provvedere alla loro sistemazione; nei miei progetti, una faccenda risolvibile in una manciata di minuti.

    Una serie quasi incredibile di contrattempi, nebbione repentino incluso, mi fece giungere alla meta a ridosso dell’orario di chiusura; sbrigata la pratica di controfirme miste, pigliai la porta d’uscita, intenzionata a svignarmela di corsa.

    Avevo perso anche troppo tempo. La mia priorità era guadagnare al più presto il divano del mio salotto, dove mi attendeva un film che non vedevo l’ora di gustarmi. Pop-corn in abbondanza e birra ghiacciata in frigo mi garantivano tutto l’occorrente per una serata rilassante.

    Sulla soglia, però, con le mie brave ricettine in mano, chi mi trovai davanti?

    Il nostro.

    O meglio, un perfetto sconosciuto, il quale però ebbe lo strano effetto di trasformare il titolare dell’ambulatorio in una statua di sale. Con la costernazione dipinta sul volto, questi esalò un: «Ciao, Giuseppe…», che mi rivelò all’istante la natura del suo problema.

    Io.

    Il suo problema ero io. La strega, la sciamannata nota per aver minacciato sfracelli se qualcuno le avesse posto di fronte una certa persona.

    Chissà che pensava avrei combinato… L’uomo era in preda al panico. Ciò dà la misura dell’effetto che riesco a fare al prossimo, qualche volta.

    In realtà, feci l’unica cosa possibile, date le circostanze: buon viso a cattivo gioco.

    Avanzai dunque di un passo, mentre venivamo presentati, strinsi con gentilezza la mano allo sconosciuto e sorrisi.

    E quello fu il mi