Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

LUCIANO LUBERTI. Assassino per onore
LUCIANO LUBERTI. Assassino per onore
LUCIANO LUBERTI. Assassino per onore
E-book46 pagine33 minuti

LUCIANO LUBERTI. Assassino per onore

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Questo testo, impostato come una fiction, è stato scritto nel 2003 e non ha subìto aggiornamenti.
Le tesi sostenute a proposito del ruolo avuto da Luberti nella Strategia della Tensione ai tempi non erano accolte per mancanza di dati certi.
Studi successivi hanno convalidato le intuizioni suggerite dal libro.
LinguaItaliano
Data di uscita10 mar 2015
ISBN9786050364217
LUCIANO LUBERTI. Assassino per onore
Leggi anteprima

Leggi altro di Valerio Bollac

Correlato a LUCIANO LUBERTI. Assassino per onore

Recensioni su LUCIANO LUBERTI. Assassino per onore

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    LUCIANO LUBERTI. Assassino per onore - Valerio Bollac

    Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4

    LUCIANO LUBERTI

    Assassino per onore

    IL RACCONTO

    12 DICEMBRE 2002 – PADOVA, CIMITERO

    Strana eco risponde allo scalpiccio dei passi sul brecciolino del vialetto; non è una cadenza discreta, trascinata, lenta come si addice ad un funerale quella che rimbalza tra i marmi delle lapidi, piuttosto somiglia ad una marcia dal battito marziale, funereo ma militaresco, degno dell’ultimo accompagno dell’eroe. Né sono tristi i volti della truppa che sfila dietro al feretro portato con orgoglio a spalla: volti quadrati, dalle mascelle contratte in uno spasmo d’eterna fierezza e gli occhi gelidi, paghi di scortare il valoroso guerriero verso l’ultima dimora. Quando la bara, già calata nella buca, comincia a coprirsi di terra fresca, le braccia dei presenti si tendono protese nell’estremo saluto romano.

    Onore al camerata Luberti. Eia… eia… eia…

    Alalà.

    °°°°°

    Lo vede, dottore? Dove non arriva la giustizia umana, alla fine, colpisce quella divina.

    Che dici, maresciallo?

    Beh, Dio se l’è preso, no? Ha messo fine alle sue nefandezze.

    Aveva ottantuno anni, maresciallo, ed è spirato tranquillo tra le braccia della figlia, come un libero cittadino che ha pagato per i crimini commessi. Non mi pare che la giustizia umana e quella divina, alla fine, abbiano colpito molto duramente.

    E’ morto, comunque: non farà più vittime.

    Sì, consolati con l’aglietto. Quando e se servirà, troveranno un altro Luciano Luberti, assassino per onore, ci puoi giurare.

    2 APRILE 1970 – ROMA, VIA PALLAVICINI 52

    Salve, dottore. Guardi un po’ che sorpresa.

    Il cadavere della donna, disteso sul letto composto come su un catafalco, è in stato di avanzata decomposizione; la stanza è piena zeppa di fiori ormai secchi, di deodoranti svaporati, di flaconi di disinfettante vuoti. Il tanfo insopportabile di morte costringe il commissario Tanzi ad avvicinarsi al cadavere col fazzoletto sul naso, a difendersi dal fetore aggressivo che il corpo in via di putrefazione emana.

    Era molto bella.

    Nonostante lo scempio i lineamenti sono ancora quelli di una Venere slava. Il funzionario della Digos osserva il piccolo foro di proiettile che appena si nota tra i lembi del baby-doll leggermente aperto sul petto; l’alone attorno alla ferita suggerisce un colpo a bruciapelo.

    Si sa chi è?

    Carla Gruber, una profuga istriana di trentadue anni, trasferita a Roma nel ‘56 con la famiglia; abitava al Laurentino, nel quartiere giuliano-dalmata.

    Nient’altro?

    Maritata nel ’59 con Mario Bazzarini, anche lui profugo istriano, titolare di un bar del villaggio: tre figli.

    Da quanto è morta?

    Il medico dice da quasi due mesi.

    Sembra un’esecuzione. Perché non ha reagito?

    Forse era intontita: abbiamo trovato un flacone di Luminol, un barbiturico che stimola il sonno.

    Chi ha scoperto il cadavere?

    Noi. E’ arrivato un biglietto al Procuratore col nome della vittima e l’indirizzo.

    "Vuoi dire che l’assassino l’ha ammazzata nel sonno, ha ricomposto il

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1