Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La riforma della Rai - approveRai o ti indigneRai?

La riforma della Rai - approveRai o ti indigneRai?

Leggi anteprima

La riforma della Rai - approveRai o ti indigneRai?

Lunghezza:
103 pagine
1 ora
Pubblicato:
11 mar 2015
ISBN:
9786050364392
Formato:
Libro

Descrizione

La riforma della RAI è imminente. Così annuncia il governo. Una passeggiata in Europa, l’ascolto di voci di chi vive all’interno dell’azienda, una ricostruzione storica, rapida ma significativa, di com’è nata e si è sviluppata quella che è da tutti riconosciuta come una “anomalia” tutta italiana, torneranno utili per valutare l’adeguatezza delle soluzioni che sono in arrivo. Ad arricchire il quadro le voci autorevoli e competenti di Udo Gumpel, Loris Mazzetti, Lorella Zanardo, Giovanni Anversa, Gian Mario Gillio, Nicola D’Angelo e Vincenzo Vita. Cosa aspettarsi per risollevare un servizio pubblico televisivo col complesso della televisione commerciale, è il tema del libro. Cambierà qualche cosa? Staremo a vedere, ma non ci limiteremo a osservare! Questo instant enriched ebook è solo la prima puntata di una fiction del tutto speciale. Arrivederci, per ora, e buona lettura.
Pubblicato:
11 mar 2015
ISBN:
9786050364392
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Anteprima del libro

La riforma della Rai - approveRai o ti indigneRai? - Adriano Colafrancesco

Adriano Colafrancesco

La riforma della Rai

Adriano Colafrancesco

La riforma della Rai

approveRai o ti indigneRai?

La riforma della RAI è imminente. Così annuncia il governo. Una passeggiata in Europa, l’ascolto di voci di chi vive all’interno dell’azienda, una ricostruzione storica, rapida ma significativa, di com’è nata e si è sviluppata quella che è da tutti riconosciuta come una anomalia tutta italiana, torneranno utili per valutare l’adeguatezza delle soluzioni che sono in arrivo. Ad arricchire il quadro le voci autorevoli e competenti di Udo Gumpel, Loris Mazzetti, Lorella Zanardo, Giovanni Anversa, Gian Mario Gillio, Nicola D’Angelo e Vincenzo Vita. Cosa aspettarsi per risollevare un servizio pubblico televisivo col complesso della televisione commerciale, è il tema del libro. Cambierà qualche cosa? Staremo a vedere, ma non ci limiteremo a osservare! Questo instant enriched ebook è solo la prima puntata di una fiction del tutto speciale. Arrivederci, per ora, e buona lettura.

UUID: 6ff1e8e4-ccc3-11e4-8098-1ba58673771c

This ebook was created with BackTypo (http://backtypo.com)

by Simplicissimus Book Farm

Indice

Saluto di benvenuto

Premessa

Una passeggiata in Europa

Le voci di dentro

Il Servizio Pubblico Televisivo che c’è

Il Servizio Pubblico che non c’è

Le funzioni di garanzia nel servizio pubblico televisivo

Conclusioni

Contributi

Rai Servizio Pubblico Multimediale

Udo Gumpel

Loris Mazzetti

Lorella Zanardo

Giovanni Anversa

Gian Mario Gillio

Nicola D’Angelo

Vincenzo Vita

Saluto di benvenuto

"L’elemento primordiale del controllo sociale è la strategia della distrazione. Deviare l’attenzione del pubblico dai problemi che contano. Mantenere il pubblico occupato, occupato, occupato! ….senza nessun tempo per riflettere!"

Avram Noam Chomsky

Finché non ci libereremo della dittatura della cattiva televisione, non saremo mai liberi.

(in videoteca)

La dittatura della televisione

https://www.youtube.com/watch?v=KzhFPasG4i0

Premessa

Le ragioni di un instant enriched ebook

Conviviamo – tutti, nessuno escluso - con un mostro in casa, senza rendercene conto. Un mostro tentacolare solitamente ramificato in salotto, cucina e studio, ma molto spesso anche in camera da letto e persino in gabinetto. Un mostro che si nutre ogni giorno del nostro pensiero libero e del nostro senso critico, mentre finge di rendersi utile facendoci compagnia.

Parliamo, ovviamente, della televisione. Anzi, del televisore, l’elettrodomestico più amato dagli italiani che ha occupato e occupa ancora un posto privilegiato, al centro della vita quotidiana delle famiglie di sempre, malgrado l’avvento delle nuove tecnologie.

Quanto a queste ultime, precisiamo subito che quando parliamo di centralità della televisione come medium capace di grande influenza sociale, non intendiamo affatto sminuirne il crescente avvento. Ma queste sia per ragioni generazionali - molto sbilanciate sul target della popolazione più giovane - che strutturali - sviluppate con i ritardi e le mancanze di copertura territoriali note a tutti, nel nostro paese - sono ancora molto lontane dall’affermarsi, come è stato per la televisione, e accreditarsi per indiscutibile autorevolezza.

Della rete, in particolare del rapporto tra rete e tv, parleremo più avanti. Qui ci preme solo osservare che di lei ci siamo serviti, come vedrete, per supportare contenuti e argomenti affrontati nell’opera.

Ma anzitutto ci preme ribadire le ragioni fondamentali di questo enriched-ebook cliccabile strada facendo, al termine di ciascun capitolo - essenzialmente legate a vicende di grande attualità e, senza affatto esagerare, enorme rilevanza sociale.

Ci riferiamo alle recentissime dichiarazioni del governo di voler mettere mano alla riforma del servizio pubblico televisivo del nostro paese. Parliamo cioè dell’intenzione di risolvere finalmente quella che da più parti e da tempo immemorabile è ritenuta essere una grave anomalia tutta italiana.

Su questa verità non v’è alcun dubbio! A testimoniare l’esistenza dell’anomalia valgono non già le parole di improbabili avversari di sistema faziosi e critici, ma piuttosto quelle di tantissimi protagonisti della scena politica di tutti gli schieramenti e quelle di tante personalità delle più disparate estrazioni.

In testa a tutti il giovane neo presidente del PD, Matteo Orfini, tutt’altro che solo.

Da Fabio Granata a Nichi Vendola, dalla storica figura di Ettore Bernabei ai più attuali direttori di testata della Rai, da giornalisti di lungo corso a giornalisti di nuova leva, da rappresentanti di movimenti e associazioni di cittadini al variegato mondo degli artisti e dei produttori di contenuti televisivi, il coro è unanime: non abbiamo, nel nostro paese, un servizio pubblico televisivo realmente degno di tale definizione.

Qui, subito appresso, un quiz della migliore tradizione televisiva serale, intitolato "indovina chi ha detto cosa", con tanto di soluzione e risposta, ci farà capire ancora di più il carattere di indistinta e totale convergenza di tutti su questo assunto di base.

Quiz - "chi ha detto cosa: A, B, C o D

La scelta è fra Fabio Granata, Nichi Vendola, Ettore Bernabei e Marcello Masi

A) Credo che oggi la Rai sia da riformare radicalmente;

B) Credo che oggi sia arrivato il momento di restituire il valore di servizio pubblico al 100% a tutti i prodotti Rai;

C) In questi anni, la Rai è stata umiliata da un’occupazione selvaggia;

D) Fino ad oggi c’è stata poca informazione sulla natura di questi mezzi e su chi ne ha approfittato non per formare ma per disinformare e deformare l’opinione pubblica.

Soluzione e risposta - Non preoccupatevi se avete avuto difficoltà a distinguere. Il motivo c’è ed è molto semplice: a prescindere da orientamento politico, età, ruolo ricoperto nel mondo della comunicazione o altro, tutti sono concordi nella asserzione di latitanza del servizio pubblico televisivo nel nostro paese e tutti, più o meno esplicitamente, sono d’accordo sulla cosa in assoluto più grave: il sistema dell’informazione televisiva in Italia è caratterizzato da un gigantesco, intollerabile conflitto di interessi che attraversa il Parlamento da destra, con l’ingombrante figura di chi ha fatto della televisione il mezzo per la propria affermazione politica, a sinistra con imbarazzanti figure che per difendere le proprie tribune di parte, hanno consentito e convissuto con tanto solare, quanto impudico, scandalo a danno dei cittadini utenti, che non ha eguali nel mondo.

Come se non bastasse, ad aggiungere ragioni a ragioni, l’inquietante segnale che viene dalle cronache dell’ultima ora che parlano di importanti cessioni di quote di controllo dell’asset infrastrutturale Rai Way, evento le cui conseguenze sono fotografate dall’impeccabile articolo che riportiamo di seguito nelle parti essenziali di nostro interesse.

I Nazarenzi (Marco Travaglio)

Il Fatto Quotidiano del 25/2/2015

Bella la battuta di Bersani: Ora il Milan si comprerà l’Inter. Ma un po’ riduttiva: l’Opa di Mediaset su Rai Way è come se il Milan si comprasse tutte le altre squadre, la Lega Calcio, la Federcalcio e anche tutti gli stadi, le bandiere, le bandierine e naturalmente gli arbitri. Con la differenza che B. la Rai la controlla già, avendo la maggioranza in Cda (do you remember Verro?), e anche in Agcom. Mediaset è sua. E ora, se va in porto l’assalto concordato alle antenne di Ray Way, messe sul mercato

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di La riforma della Rai - approveRai o ti indigneRai?

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori