Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Amazzoni Nel Medioevo
Amazzoni Nel Medioevo
Amazzoni Nel Medioevo
E-book108 pagine1 ora

Amazzoni Nel Medioevo

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Come sono entrate le Amazzoni nell'immaginario collettivo, diventando delle leggende? Questo libro sulle Amazzoni, le streghe, gli uomini e le donne dell'Europa medievale, è diverso da tutti gli altri in materia, dal momento che si tratta di un racconto narrato in prima persona, dove l'autrice è testimone diretta e protagonista di episodi estremamente realistici e originali che convergono in un libero accesso alle vite passate. Potrete ampliare la vostra conoscenza del Medioevo con un racconto vissuto in prima persona sulle Amazzoni, che cosa facevano, chi incontravano, quali rischi e pericoli correvano, come sono diventate vere e proprie leggende viventi. Un racconto molto coinvolgente, commovente e scioccante allo stesso tempo, che vi porterà a chiedervi se sia tutto vero o solo parte di un'anima collettiva. Sogni, fantasie, divinità che vivevano sulla Terra molto prima che fosse abitata? Sentitevi parte del mondo delle Amazzoni con questo libro che rivela la sintesi della conoscenza umana con la coscienza collettiva. 

Questo è il secondo libro della serie Memoria di un'Amazzone. La serie include altri due libri: 

Amazzoni: dall'antichità al Medioevo (Libro 1) 

Amazzoni oggi (Libro 3) 

Buona lettura e buon viaggio!

LinguaItaliano
Data di uscita6 mar 2015
ISBN9781507105146
Amazzoni Nel Medioevo
Leggi anteprima
Autore

Ana Claudia Antunes

Amazon Breakthrough Novel Award Quaterfinalist. Ana´s short-stories and poems were first published by Mackenzie Publisher. Her articles may be found at Naturalhealthweb. Her poems in magazines, such as Mirante, ezines, such as Aphelion and others.  Her books have been selling all over the world at amazon: The author´s memoir "Life is Too Short... Make it a Big Shot!" was published by eXtasy Books and her short-story for the anthology "Spiritual Visitations" by Zumaya Publications. The Phantom of the Ballet is the second book of The Pierrot´s Love Series which includes other three books, in this sequence but not necessarily in that order: Pierrot & Columbine Diary of a Columbine Harlequin

Leggi altro di Ana Claudia Antunes

Correlato a Amazzoni Nel Medioevo

Ebook correlati

Categorie correlate

Recensioni su Amazzoni Nel Medioevo

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Amazzoni Nel Medioevo - Ana Claudia Antunes

    Enigmi e trucchi utilizzati dai tempi antichi fino ai giorni nostri in tutta l'Europa medievale per sedare il vero potere sovrannaturale

    Amazzoni nel Medioevo

    Secondo libro della serie Memorie di un'Amazzone

    ––––––––

    La sete insaziabile di tutto ciò che è al di là, e che la vita rivela, è la prova più vivida della nostra immortalità.

    Charles Baudelaire

    ––––––––

    Questo libro fa parte della trilogia spirituale Memorie di un'Amazzone:

    Le streghe di Avignone (Il passato)

    Il primo libro della trilogia racconta delle Amazzoni dai tempi antichi ai giorni nostri e delle streghe in epoca medievale. Inoltre, presenta un'introduzione al tema della Reincarnazione.

    L'amore di Pierrot (Il presente)

    Il secondo libro della trilogia racconta di due fantasmi del diciannovesimo secolo che tormentano una ragazza finché la madre non prende in mano la questione e decide di scrivere la loro storia. Il problema è che i fantasmi danno due versioni diverse delle stesse vicende. Chi starà dicendo la verità?

    ––––––––

    Inaspettatamente o Come per incanto (Il futuro)

    ––––––––

    Questo è il secondo libro della serie Memorie di un'Amazzone che include:

    Amazzoni: dall'antichità al Medioevo (Libro 1)

    Amazzoni oggi (Libro 3)

    Buona lettura e buon viaggio!

    A description...

    Altri libri scritti e tradotti di Ana Claudia Antunes

    Letteratura contemporanea / Thriller e mistero

    The Royal Diary in Portuguese: O Diario Real

    L'amore di Pierrot

    Geometries of Design

    Fights of a Sassy Girl (in spagnolo: Riñas de Una Niña Teñida)

    The Mysterious Murder of Marilyn Monroe

    Fantasy / Sci-Fi

    Come per incanto

    Manuali di auto-aiuto e metodologie

    Woman: Intransitive Verb (Mulher: Verbo Instransitivo)

    The Dao Workbook Illustrated

    How to make a book  (serie how-to)

    A-Z of Happiness: Tips to Live by and Break through the Barriers that Separate You from Your Dream Job 

    Think like a Genius: (scritto con Raimon Saisom) in portoghese: Pense com um genio

    How to Break into TV Writing (con Gary Jones)

    Shoot Your Novel (con C. S. Lakin) in portoghese: Filme Sua Novela

    Writing the Heart of Your Story in portoghese: Escrevendo O Coração Da Sua História

    Toxic Relationships (con Sarah Goldberg): Relacionamentos Toxicos

    Self-Defense Book (con Neal Martin): Dicas De Autodefesa Que Todo Mundo Deveria Saber

    CAPITOLO I:

    LE DONNE NEL MEDIOEVO

    ––––––––

    Oh, che giorni meravigliosi ho trascorso durante il mio soggiorno nella contea di Warwick. Riesco facilmente a immaginarmi trascorrere in quel castello il resto della mia vita, che sarebbe potuta essere più lunga di quanto mi aspettassi, dal momento che non avrei corso più rischi di quanti non ne avessi già affrontati. Ma sapevo nel profondo che qualcosa non andava. Era tutto troppo giusto per me, era come dice il proverbio: Troppo bello per essere vero! E io credo che la mia vita non potesse essere tutta rose e fiori, anche se mi ero fermata a bere un tè con il re e la regina. Così decisi di tornare a casa, anche se il luogo che sentivo essere davvero casa mia era solo un sogno ormai lontano.

    Poco prima di tornare a casa, cominciai a sentire una sensazione strana, come un ticchettio nella testa, che faceva riecheggiare un sentimento complesso e pesante. Le mie responsabilità mi avevano trovato presto, lungo la strada, perché non ero sicura di star facendo la cosa giusta. Poi capii che non potevo più muovermi godendomi la mia libertà senza pensare ai problemi che questa implicava. Mi sarei dovuta occupare di quello che avevo lasciato in sospeso, prima di andare a vivere a Warwick.

    Mi lasciai quindi alle spalle Edward Beauchamp, Warwick e i suoi privilegi regali, le terre, la bellissima campagna e anche alcuni dei miei sogni. Ed Edward lo sapeva, dal momento in cui mi alzai, saltai sul mio cavallo e iniziai a cavalcare.

    Qualche secolo più tardi, Beauchamp, o meglio uno dei suoi discendenti, Richard Beauchamp, conte di Warwick, avrebbe incontrato una donna molto coraggiosa, capace di lottare per un grande e nobile ideale, per la libertà del suo popolo e del suo paese. Il suo nome era Giovanna d'Arco.

    A description...

    Era l'incarnazione stessa di Diana. Ma invece di utilizzare arco e frecce, impugnava una spada.

    Sapevo già che la famiglia Beauchamp aveva un debole per le donne forti, come le Amazzoni. Ma non avrei pensato che questo interesse appassionato sarebbe durato così a lungo, e si sarebbe addirittura trasmesso di generazione in generazione.

    A description...

    Nel periodo medievale, una donna era trattata come un simbolo del peccato, come colei che deviava gli uomini dalla retta via verso una vita perversa. Era la donna che aveva dato la mela proibita ad Adamo e aveva così corrotto il loro destino, gettando entrambi fuori dal Paradiso. Erano tempi difficili per tutti, quelli medioevali, ma soprattutto per le donne. Come mai nella storia dell'umanità, le donne erano oppresse e mal viste.

    Mai, nemmeno nell'Antichità, in cui c'era già la civiltà, le donne erano state tanto abusate e devastate. Anzi, i popoli primitivi le consideravano sublimi, delle vere dee, in grado di generare nuova vita, esempi viventi del potere della creazione. Le femmine, con un potere divino, avevano il diritto di dare vita a nuove forme.

    Tanto che, in alcune civiltà molto antiche, esse erano idolatrate, rappresentate con i simboli della fortuna e della fertilità della terra. Erano considerate vere e proprie icone della natura, in un mondo in cui ciò che contava di più era il rapporto dell'uomo con la terra. Da loro derivava ogni bene, tramite loro nascevano tutti gli esseri nell'Universo.

    Ma un giorno l'uomo cominciò a mostrare la propria forza, e a pensare che ci fossero usi migliori per quel potere così dolce, come controllarlo e asservirlo. Quindi, l'umanità iniziò a dare maggior valore al potere della Distruzione che al potere della Creazione. E da quel momento la natura iniziò a subire gli attacchi morbosi lanciati dall'umanità contro di essa. E siamo tutti malati, la natura e l'umanità stessa, per la mancanza di cura e di comprensione.

    Tutto ciò che la donna rappresentava nei popoli primitivi, ciò che una volta veniva lodato, nel Medioevo divenne un segno di debolezza e sottomissione. Dio perdoni tanta ignoranza. Perché i cuori miti e dolci sono in realtà i più forti e coraggiosi. Io ho impiegato un'intera vita come Amazzone per capirlo, che non è con la prepotenza, con la forza fisica o con la

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1