Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Educar Digitale

Educar Digitale

Leggi anteprima

Educar Digitale

Lunghezza:
245 pagine
2 ore
Pubblicato:
2 dic 2013
ISBN:
9781310737909
Formato:
Libro

Descrizione

A chi si rivolge questo libro?

Sei nativo digitale? Cosa preferisci della storia di internet? Sei studente? Hai mai provato la classe flippata? Baratteresti il peso di tutti i tuoi libri con un tablet ereader nello zaino? Hai figli minori? Sapresti educarli per navigare sicuri? Sei un insegnante? Come collabori coi tuoi colleghi per realizzare risorse educative aperte? Sei un imprenditore? Hai misurato quanto si risparmia sfruttando il cloud computing collaborativo? Lavori nella pubblica amministrazione? Hai idea di quando potresti guadagnare in salute grazie agli OpenData? Lavori in proprio? Hai mai avuto un ufficio virtuale con tutti i tuoi collaboratori che lavorano da dove sono senza mai perdere nulla? Lavori in una ditta piccola o media? Vorresti avere gli stessi risparmi che fanno le grandi imprese? Hai mai misurato la redditività della pubblicità online? Hai mai provato a vendere online tuoi servizi o prodotti al mondo intero?

Fare le cose con un metodo efficace, avendo chiaro gli obiettivi è il modo migliore per raggiungerli, migliorando se stessi e organizzando le relazioni con gli altri, come un nativo digitale.

Se regalerete un reader o tablet con questo libro, confido che saranno in tanti ad esservi riconoscenti, ricordandovi di mandare un email all'autore.

La garanzia di un effettivo diritto all’informazione è condizione imprescindibile per lo sviluppo di una cittadinanza europea attiva [...] fonte www.ec.europa.eu

Potremmo definire il diritto all’informazione come un diritto “attivo”. Per poterne godere, ed essere inclusi nella società analogica e digitale, dobbiamo essere in grado di:

riconoscere il bisogno di informazione,
ricercare e selezionare fonti attendibili,
ricavare dalle fonti selezionate le informazioni utili,
utilizzare le informazioni.

Sembra “in teoria” tutto molto facile...ma lo è realmente per un allievo?
Proviamo ad analizzare le diverse fasi dell’esercizio “attivo” del diritto all’informazione e a porci dei quesiti utili, se necessario, a ripensare la progettazione didattica.
Riconoscere il bisogno di informazione
In che modo, oggi la scuola, educa gli allievi a comprendere di quali informazioni hanno bisogno? La didattica riesce, in questo senso, ad essere orientante?
Educare alla ricerca è educare attraverso un compito.
In che modo l’esperienza didattica favorisce un ruolo attivo del discente orientando l’apprendimento ad un compito di ricerca guidata ed analisi delle fonti disponibili nel web? Ricavare dalle fonti selezionate le informazioni utili
Si trascura, spesso, il “peso” della competenza linguistica per l’esercizio della cittadinanza digitale. La competenza linguistica (per la lingua madre e lingue straniere) è da intendersi come competenza di lettura e necessita di essere agita a scuola sia su testi cartacei che su testi digitali reperiti in rete.
Quanto tempo è dedicato in classe all’analisi e comprensione di testi autentici selezionati nel web? Per educare all’utilizzo delle informazioni ritorna indispensabile il task come occasione in cui agire le competenze e “scontrasi” con le difficoltà del costruire, del personalizzare, dell’elaborare criticamente in relazione ad un preciso scopo.
In che modo, a scuola, l’allievo mette alla prova le proprie competenze di cittadino digitale per soddisfare il proprio bisogno di informazioni?
La progettazione di interventi volti a formare il cittadino digitale necessitano di continui “aggiustamenti” legati all’incessante cambiamento del contesto e all’evoluzione dei bisogni formativi dell’apprendente.
È, inoltre, richiesta una riflessione sulle modalità e i punti chiave su cui costruire l’esperienza didattica per conseguire la crescita delle competenze disciplinari e della persona nel suo complesso.

Pubblicato:
2 dic 2013
ISBN:
9781310737909
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Educar Digitale

Libri correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Anteprima del libro

Educar Digitale - Marco Antonio Baldassari

Marco Antonio Baldassari

EDUCAR DIGITALE

16.01.2014

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons 4.0 Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

Internazionale

by-nc-nd

ISBN—978-1-3107-3790-9

MABeBOOKs

A chi si rivolge questo libro?

Sei nativo digitale? 

Cosa preferisci della storia di internet? 

Sei studente? Hai mai provato la classe flippata? Baratteresti il peso di tutti i tuoi libri nello zaino con un ereader in tasca? 

Hai figli minori? Vorresti educarli per navigare sicuri? 

Sei un insegnante? Come collabori coi tuoi colleghi? Vorresti realizzare risorse educative aperte? Aumentare la attenzione degli studenti?

Sei un imprenditore? Hai misurato quanto si risparmia sfruttando il cloud computing collaborativo? 

Lavori nella pubblica amministrazione? Hai idea di quando potresti guadagnare in salute grazie agli Open Data? 

Lavori in proprio? Hai mai avuto un ufficio virtuale con tutti i tuoi collaboratori che lavorano da dove sono senza mai perdere nulla? Lavori in una ditta piccola o media? 

Vorresti avere gli stessi risparmi che fanno le grandi imprese? Hai mai misurato la redditività della pubblicità online? Hai mai provato a vendere online tuoi servizi o prodotti al mondo intero? 

Fare le cose con metodo, avendo chiaro gli obiettivi è il modo migliore per raggiungerli, migliorando se stessi e organizzando le relazioni con gli altri. Vorrei dare maggiore spazio alla questione metodologica che deve guidare il nostro modo di agire. 

In questo libro non si dettaglia la parte tecnologica, ma si illustra la pragmatica del come si fanno le cose, perchè altrimenti il libro sarebbe noioso. Essendo il cambiamento veloce e continuo, richiederebbe continui aggiornamenti. Rimandi ai dettagli operativi in internet e sul blog una comunità online.

Regala un ereader con questo libro; confido che saranno tanti ad esserti riconoscenti.

Marco Antonio Baldassari

EDUCAR DIGITALE

Dedicato a 

mia figlia e ai suoi coetanei, 

nativi digitali. 

In memoria di mio padre

ringraziandolo 

per aver reso questo possibile.

PicsArt_FedericaSauro2

A te che studii tutte le forme e tutte le mutazioni dello spirito come studii tutte le forme e tutte le mutazioni delle cose, a te che intendi le leggi per cui si svolge l'interior vita dell'uomo come intendi le leggi del disegno e del colore, a te che sei tanto acuto conoscitor di anime quanto grande artefice di pittura io debbo l'esercizio e lo sviluppo della più nobile l'abitudine dell'osservazione e debbo, in ispecie, il metodo. Io sono ora, come te, convinto che c'è per noi un solo oggetto di studii: la Vita.

Gabriele D'Annunzio

Il Piacere - A Francesco Paolo Michetti

Presentazione

Se avessimo una Ferrari, prima di metterci alla guida ci iscriveremmo probabilmente a un corso di guida. Consci dei nostri limiti, faremmo di tutto per documentarci e fare pratica, godendoci al meglio le grandi potenzialità dell'auto più invidiata al mondo.

Se prima di guidare una Ferrari vorremmo ricevere formazione, perché non dovremmo fare altrettanto per le nuove tecnologie digitali? Abbiamo a disposizione mezzi potentissimi a costi accessibili: telefoni intelligenti e tavolette digitali equivalenti a una Ferrari per correre sulle autostrade di Internet.

Abbiamo un potenziale di calcolo che gli astronauti dell'apollo 11 neppure potevano sognare. E possiamo metterci in rete e condividere questa potenza con tutto il mondo. Cosa potremo fare oggi con dispositivi milioni di volte più potenti di quelli con cui negli anni sessanta sono andati sulla luna?

Quali potenziali potremmo esplorare interagendo via internet con miliardi di altri dispositivi sparsi in tutto il mondo? La rivoluzione digitale, la nuova forma di relazione dei nativi digitali, una società orizzontale che si autocoordina tramite internet. 

La società del dono dei privati cittadini nel libero mercato, senza prevaricazioni dello stato. I rischi di internet - l'autostrada dei bit - sono paragonabili ai rischi di una Ferrari guidata da chi non ha mai fatto alcuna lezione di guida. 

Eppure la cosa peggiore è decidere di rifiutare la tecnologia, perchè non solo ne saremmo emarginati, ma non potremmo neppure riuscire a educare i nostri figli. Per pigrizia, per paura dei rischi che potremmo correre, per evitare di dover cambiare il nostro modo di vivere e lavorare, molti di noi tendono a trascurare l'educazione digitale. Tante persone neppure immaginano quello che si potrebbe fare. Altri non usano che in minima parte il dispositivo comprato. 

Molti, nel dubbio, non fanno nulla: quasi il 40% di italiani rifiutano di accedere al web relegandosi volontariamente nel digital-divide, tagliandosi fuori dal resto del mondo che va avanti.

Mi sono spesso chiesto salendo su un autobus, incontrando le persone per strada, al mercato, negli uffici, nelle case: in che modo una migliore educazione digitale potrebbe realmente aiutare le persone che incontro nell'affrontare problemi quotidiani? Davvero è così complicato? 

Vi sono problemi prioritari che vanno affrontati, ma siamo certi che la tecnologia digitale non darebbe comunque una mano? E quali sono i problemi più importanti? In che modo il digitale aiuta? Sono queste domande che mi hanno spinto a scrivere un libro che fosse utile soprattutto per le persone che ancora non hanno mai fatto esperienza di quello che oggi è possibile fare a costi estremamente modesti. 

Educazione digitale per tutti, richiede impegno di tutti e dare il buon esempio. Questa guida contiene un metodo,   chiedendo aiuto e fornendo aiuto, nello spirito hacker che ha realizzato intenet e il software libero, possiamo creare una comunità in cammino. 

Se ogni persona sensibile volesse regalare un tablet o un ebook reader con questo libro; se questo libro potesse dare una traccia concreta per sviluppare una rete attiva di sostegno all'educazione digitale, si potrebbe innescare una reazione a catena. 

Anche i rischi sono gestibili se li si conosce. L'intento di questo libro è di rendere semplice la adozione del digitale, orientando chi amerebbe un percorso semplificato e pragmatico. Molte pubblicazioni trattano nei dettagli ciascun argomento, ma esiste una tale frammentazione che rischia di disorientare. 

In questo libro si offrono soluzioni pratiche per innescare una prima esperienza concreta e gratificante. Digital-divide è la assenza di accesso alla rete, principalmente dovuto alla ripida barriera iniziale del sapere pratico e alla grande pigrizia nel raccogliere i frutti della enorme innovazione disponibile. Una volta rotto il ghiaccio, accedendo all'informazione in rete, mettendosi in relazione con chi può offrire consigli, chi legge questo libro può volare con le proprie ali e insegnare a volare anche ai nativi digitali.

Con l'accelerazione che vi è stata negli ultimi dieci anni, non mi sorprenderei se questo libro potesse essere utile sia alla persona che si è appena comprata un dispositivo, sia all'ingegnere elettronico che non ha avuto tempo di occuparsi in modo specifico delle cose nuove di internet. 

Per innescare una rinascita sociale non abbiamo bisogno di aspettare di aver letto il libro. Comincia subito, mandando un email o un sms a tutte le persone a cui vuoi bene, per costruire la tua rete di educatori digitali, per aiutarsi a vicenda. Se avrai la pazienza di leggere questo libro fino in fondo, ti chiederò soltanto di fare un esame della tu esperienza: prova a pensare, qualcosa è cambiato nel tuo modo di vivere la rete?

Tu lo puoi fare.

Se questo libro ti sarà stato di aiuto, se ti avrà consentito di risolvere concretamente qualcosa, misura questo beneficio. Stima quanto valore ha generato questo libro. Ti chiedo soltanto di riconoscere una parte di questo valore a chi ti ha consentito di leggerlo.

Manda alle persone a cui vuoi bene 

http://educardigitale.blogspot.com

Regala un ereader con questo libro 

tanti ti saranno riconoscenti. 

Educar Digitale Online

Questo progetto vive e cresce online: il libro, che continua a crescere, grazie alle risorse online, al blog e alla community puoi scaricarlo con gli aggiornamenti al link indicato. Puoi comunicare con MAB eBOOKs su Google+ Facebook e Twitter o per email: mabebooks@gmail.com 

Conto di ricevere notizie da te, consigli, suggerimenti e critiche. Sono benvenuti commenti e domande su temi da approfondire, richieste di spiegazioni e suggerimenti.

MABeBOOKs

Il Libro multimediale 

Community http://goo.gl/5lNpRj 

Blog http://educardigitale.blogspot.com 

Indispensabili http://sprng.me/j4bqv  

Libro aggiornato: goo.gl/83hNV

Sommario

EDUCAR DIGITALE

A chi si rivolge questo libro?

Presentazione

Educar Digitale Online

Il Libro multimediale

Educatori Digitali

Consumatori Digitali

In principio era iPhone

Google Android Platform Dominance

Online con Google Account

Scarica e installa sul tuo PC il browser Chrome

Attivare in Chrome la traduzione automatica del web

Attiva o disattiva la barra di traduzione

Google Traduttore

Crea un tuo Google Account

Per installare Lubuntu su PC

Per installare le App Google su Android

Google Maps

Libri, Musica, Film

Film da vedere quando vogliamo:

Musica di qualunque autore:

Libri in tutte le lingue del mondo:

Podcast e Audiolibri

Comunicare in gruppo

Strumenti di collaborazione online: Google+ Hangouts.

Massive Open Online Courses

Esempi significativi di MOOC

Corso gratuito programmazione Android

La Stampa Academy con Google

Diritto di Accesso

Cosa succederebbe se...

Free as in Freedom

Open Software

Free Software

Cos'è il permesso d'autore?

Licenze per altri tipi di opere

Licenze Creative Commons

Digital Rights Management

Social DRM

Transizione Digitale

Cosa sono internet e il web?

Internet è un passamano di pacchetti

DDoS Digital Attack Map

Motori di ricerca

Web 2.0 blog e social networks

Letture consigliate sul web

Accedere a internet

Connessione di accesso

Hotspot AP dal telefonino Android

Utilizzare Gmail

Password e la identità online

La nuvola del web

Scegliere un dispositivo

Aiuto! Non so come fare

Download e installazione di Google Chrome

Crea un account - Google Accounts

Applicazione Chrome Remote Desktop

Telescrivente Digitale

Libera Educazione

Educare chi va sul web

Fuori i bulli dal nostro Twitter

WIRED osservazioni sul gruppo spam totale

Hacker Ethics

Heroes of the Computer Revolution

Competenze Umane

Antidoto alla dipendenza

Umanesimo digitale nelle attività ludiche

Competenze Digitali

Ufficio Digitale

Impresa Digitale

Obblighi Comunicazione

Info Art. 2250 Codice Civile

Editoria Digitale

Struttura di un libro epub

Libro stampato e libro elettronico

Vantaggio del epub sul pdf

Leggere un epub

Dispositivi di lettura dedicati

Google Play Books

eBook gratuiti sugli store italiani

Progetti di Libri Liberi

Wikibooks

BIBEBOOKS

Incaprettarsi coi DRM

Distribuzione in Self-publishing

Realizzare un libro elettronico epub

SIGIL

Verifica correttezza formato

Guida al CSS per EPUB

Scuola Digitale

Piano Nazione Scuola Digitale

Progetti LIM e Cl@assi 2.0

Smart cities & Communities

Sistema di identità digitale

Open Data e PSI

Open Data sappiamo gestirli?

Uso OpenData delle Creative Commons 4.0

Fruibilità dei dati della PA

Articoli di riferimento CAD:

Appendice Documentazione

20 cose che ho imparato

Servizio sostariffe.it

Servizio whatbrowser.org

What is Google Chrome OS?

20 Ubuntu Derivatives You Should Know About

Open Data per la Pubblica Amministrazione

OpenData Regione Piemonte

Libro Bianco Open Data nella PA

Fruibilità dei dati della PA

Sistema Pubblico di Connettività

Il ruolo di DigitPA

Articoli di riferimento CAD:

Documentazione

Appendice Risorse

Chat e chiamate voce

Dominio per un sito web e blogging

Creazione di un Wiki

Editoria Digitale

GLOSSARIO

Uno sguardo al futuro

Educatori Digitali

Chi dovrebbe porsi il problema di educare? Forse tutti noi. Anche involontariamente, noi siamo punto di riferimento per altre persone. A nostra volta, abbiamo maestri che ci ispirano nel nostro modo di essere. Un bambino impara copiando il modo di fare e di essere di chi ha attorno. Gira in rete un bellissimo filmato dove si vede un bambino che segue un adulto e ricalca ogni sua mossa, ogni suo gesto. Vale molto più l'esempio di mille parole.

Non sempre un libro può essere determinante nel dare un percorso educativo. Pochi hanno il tempo di leggere, o così dicono.Bisogna farsi uno spazio, gli anglosassoni dicono proprio make time farsi del tempo, mettere del tempo da parte da dedicare alla riflessione e alla nostra autoformazione. Per nostro piacere, diciamolo. 

mafaldaeducare

Lo spazio della lettura consente di evadere dalla quotidiana corsa contro il tempo. Lo stesso piacere si prova con la scrittura. Eppure non sono tanti che hanno la determinazione di mettersi a leggere, perchè esiste un bisogno di evasione ricreativa, ludica e sociale. Nella migliore delle ipotesi in relax con gli amici per fare due chiacchere, ma spesso sprofondati esausti sul divano

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Educar Digitale

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori