Inizia a leggere

Lascia che sia io i tuoi occhi

Valutazioni:
307 pagine5 ore

Sintesi

Mary Capoluongo è un’adolescente italo-america che vive a Boulder (Colorado) durante “l’invasione hippy” del 1969 con il padre, muratore alcolizzato, la pia madre, l’angosciato fratello maggiore Nino e due indisciplinati fratelli minori. Mary, costretta a convivere con l’inquietudine del padre e con l’irrazionale possessività di Nino, che suggestionano gli umori dell’intera famiglia, è differente dagli altri Capoluongo e dalle altre famiglie wop (definizione degli emigrati italiani) di Boulder. La dolcezza che l’accompagna e la contraddistingue verrà ricompensata solo durante l’abituale commissione all’emporio alimentare, quando incontrerà Johnny, il figlio hippie del negoziante, costretto a ripararsi a Boulder a causa dei disordini avvenuti tra manifestanti anti-Vietnam e forze dell’ordine ai quali ha preso parte. Quest'incontro sposterà la direzione della sua vita, fino a quel momento ripetitiva e oppressiva, grazie all'intraprendenza del seducente Johnny che infine la metterà di fronte a una difficile decisione. Dopo i precedenti romanzi In tutti i respiri che ti ho preso e Mai amato abbastanza, Alessio Biagi suggella il proprio talento immergendo il lettore in un’altra avventura straordinaria, appassionata, coinvolgente, fuori del tempo e ricca di colpi di scena. Una poesia in prosa che, come d’abitudine nei romanzi di Biagi, coinvolgerà il lettore fino all’ultima parola.

Leggi sull'app mobile di Scribd

Scarica l'app mobile gratuita di Scribd per leggere sempre e ovunque.