Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

I Disturbi da Stress

I Disturbi da Stress

Leggi anteprima

I Disturbi da Stress

Lunghezza:
102 pagine
2 ore
Pubblicato:
9 apr 2012
ISBN:
9781476270586
Formato:
Libro

Descrizione

Questo fenomeno non riguarda solo i manager o le persone che ricoprono elevati incarichi professionali: riguarda anche le persone comuni con vite normali. Per molte persone, però, lo stress è diventato una condizione cronica capace di minare il benessere psicologico, la vita sessuale e la salute fisica.

Pubblicato:
9 apr 2012
ISBN:
9781476270586
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a I Disturbi da Stress

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

I Disturbi da Stress - Peter Kevin

Il termine stress è ormai entrato a far parte del nostro linguaggio comune e molte persone usano questo vocabolo come sinonimo di malessere psicologico o di ansia.. Lo stress, in effetti, è una reazione ad una situazione logorante in cui le richieste dell'ambiente e della vita moderna superano le capacità di adattamento e le risorse di una persona. Il termine inglese stress nasce, lontano dalla psicologia, in ambito metallurgico, ed indica la capacità di un metallo nel reagire a fonti di usura con particolare riferimento a quello stato di eccessiva tensione cui è sottoposto prima della rottura. Sinteticamente, lo stress può essere inteso come un sovraccarico di stimoli: chi è stressato deve districarsi fra compiti diversi che gli richiedono competenze diverse e spesso in conflitto fra di loro, ma pur impegnandosi al massimo non riesce a far tutto. Questo fenomeno non riguarda solo i manager o le persone che ricoprono elevati incarichi professionali: riguarda anche le persone comuni con vite normali. Per molte persone, però, lo stress è diventato una condizione cronica capace di minare il benessere psicologico, la vita sessuale e la salute fisica. In altre parole, lo stress viene vissuto, sempre più spesso, come una parte inevitabile della vita quotidiana e vengono sottovalutati i suoi effetti deleteri sulla psiche e sul corpo. Fortunatamente, si può fare molto per ridurre lo stress a livelli accettabili con gran beneficio del nostro benessere psicofisico.

Tuttavia, prima di esaminare le strategie per abbattere lo stress, occorre esaminare il fenomeno dei suoi vari aspetti. Lo stress, infatti, è un fenomeno complesso e articolato. Lo stesso stile di vita imperante nella società occidentale, focalizzato sull’efficienza, sulla velocità nello scambio di informazioni e sulle prestazioni, più che sulla qualità delle relazioni e delle condizioni di vita, impone e diffonde dei modelli esistenziali di per sé stressanti. A ciò si aggiungono eventi che accadono e che sono fuori dalla nostra possibilità e volontà di controllo. Se lo stress viene affrontato precocemente ed in modo corretto, è possibile evitarne le conseguenze, soprattutto sulla nostra salute. E’ ormai noto in ambito medico infatti, che la grande maggioranza delle malattie (secondo alcuni più del 90%) è un diretto effetto dello stress, oppure sono aggravate da esso. Se lo stress non è affrontato in modo corretto può contribuire in modo radicale allo sviluppo di numerose malattie. Spesso dimentichiamo poi i subdoli effetti dello stress, specie se prolungato, sul corpo e sulla mente, cioè sui meccanismi eziopatogenetici delle malattie. Per altro verso, lo stress è stato definito come una risposta fisica e psicologica alle richieste e/o pressioni provenienti dall’interno o dall’esterno (ambiente) dell’individuo. Questa risposta è in grado di attivare le risorse fisiche ed emozionali dell’individuo è ciò determina un aumento di alcuni ormoni nel corpo (come il cortisolo). Se tali attivazioni sono frequenti, o estreme, o prolungate, ci affaticano e ci danneggiano, producendo segnali di distress. In linea generale possiamo dire che lo stress è una reazione sana del nostro organismo e indica che stiamo affrontando una situazione di emergenza, ma se prolungata può dare origine a problemi di varia natura anche sul piano fisico oltre che psicologico. In condizioni di vita primitive una certa quantità di stress permetteva all'uomo di affrontare in modo ottimale situazioni di pericolo, ad esempio una belva feroce, con la massima forza, concentrazione e prontezza. Questa capacità di rispondere con prontezza ad un pericolo garantiva la sopravvivenza dell'individuo. Ai nostri giorni è più difficile incontrare tali pericoli fisici e le situazioni stressanti più frequenti sono in realtà di tipo psicologico. Il problema è che, sia di fronte ad un vero pericolo fisico che ad un pericolo immaginato e/o temuto, mente e corpo reagiscono nello stesso modo, ovvero mettono in atto tutta una serie di meccanismi fisiologici atti a garantire un'efficace risposta di adattamento. Dal punto di vista psicologico si parla di stress nel momento in cui le richieste ambientali e non, superano le nostre risorse percepite. A quel punto, lo stress diventa uno stato di eccitazione e di tensione continua e sgradevole causata da un compito o una richiesta a cui non sappiamo se siamo effettivamente in grado di rispondere.

IL FENOMENO STRESS

La psicologia spiega ciò che le persone fanno attraverso un susseguirsi di reazioni in risposta ad una serie di stimoli, secondo un rapporto associativo di causa – effetto. Il comportamento varia pertanto in relazione agli stimoli cui le persone, per sopravvivere, sono costrette a rispondere secondo la loro dotazione biologica, il loro repertorio di abilità intra ed interpersonali e la loro esperienza. Se si considera il comportamento di una persona come la risposta agli stimoli - solitamente proposti dall'ambiente in cui la persona vive - lo stress si può definire come quella complessa risposta di difesa a determinati stimoli aspecifici (tra loro molto diversi), considerati pericolosi. Pertanto lo stress dipende sia dall'interpretazione della persona sulla natura degli stimoli ricevuti, sia dalla abilità con la quale tali stimoli vengono affrontati, sia pure dall’esperienza personale e dalla dotazione biologica personale. Da ciò si può notare che lo stress non consiste, come comunemente si pensa, nel subire passivamente certe situazioni, per lo più casuali, ma in una reazione personale verso determinati eventi valutati negativamente e considerati pericolosi. Questa umana reazione, del tutto fisiologica, si accentua se le abilità messe in atto dal soggetto per affrontare e difendersi da quegli eventi interpretati negativamente risultano inadeguate. Se poi tali eventi sono pure oggettivamente pericolosi allora la risposta a tali stimoli si incrementa ulteriormente di intensità. La congerie di stimoli stressanti (stressors) è, per gran parte, di tipo esterno. Essi fanno riferimento all’ambiente fisico-ambientale e storico-sociale in cui siamo immersi. Infatti ciascuno di noi vive ad una determinata latitudine, in una certa area geografica, condizionata da fenomeni atmosferici e climatici (stressors fisici), all’interno di aree psicosociali quali la famiglia - fonte di stress familiare, il lavoro - dove subiamo gli stress lavorativi - e ambienti di collegamento e stazionamento tra l’ambito familiare e quello lavorativo (la rete stradale e dei mezzi di trasporto, l’ambito parentale, amicale e ricreativo). Una parte degli stressors, che

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di I Disturbi da Stress

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori