Uomini e Donne Magazine

«VI APRIAMO IL NOSTRO CUORE» PRIMO AMORE E PRIMO DOLORE.

«Si può mai ricordare l’amore? È come evocare un profumo di rose in una cantina. Puoi richiamare l’immagine di una rosa, non il suo profumo», diceva Arthur Miller. Ma noi, a ricordare quell’incanto, a riportarlo nell’oggi con la sua tangibilità, con, in passato quel profumo di rose l’hanno respirato. Davanti a una villetta, su una spiaggia, fuori da una discoteca, tra i banchi di scuola. La vita l’hanno attraversata con forza, con ardire, con furia, nei momenti in cui la felicità ti toglie il fiato e anche quando il dolore ti trafigge il cuore. Confesso, ho vissuto, diceva un grande poeta. Noi potremmo dire anche: confesso, ca ho amato. Per questo abbiamo chiesto, in un numero speciale, potremmo definirlo un “midpoint d’autunno”, a tronisti, dame e cavalieri di offrirci una gemma dal loro cuore, un racconto doppio e doppiamente intenso: quello del primo innamoramento e anche quello del grande dolore. Perché? Perché la vita è così. Si vola, si cade, ma poi si vola di nuovo. Sembra una lotteria di tragedie inanellate e solo occasionalmente scampate. Sembra che quel momento di gioia non si riesca ad afferrarlo, perché un attimo dopo è svanito. Ma abbiamo qualcosa di enorme dalla nostra parte: la memoria, il ricordo. Quella di Alessandro Rausa che ricorda le trecce della sua compagna delle elementari, quasi cento anni fa. O quella di Federi Aversano, che in un abbraccio a storia d’amore conclusa ha colto la purezza di quella stessa storia, ricordando le parole intense di Massimo Troisi: «Un vero amore si capisce sempre a posteriori». E così, sfogliamo queste pagine e accogliamo con un grande grazie le confessioni che ha voluto farci chi guardiamo ogni giorno alla tv. Che vediamo arrabbiarsi, infervorarsi, polemizzare, piangere, ma che in realtà ha dentro quel motore che scuote tutti noi: il bisogno forte e urgente di vivere davvero, di amare, di essere amati.

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Uomini e Donne Magazine

Uomini e Donne Magazine2 min letti
«quel Natale Con Mio Figlio Appena Nato…»
Roberta, per lei il Natale è una festa gioiosa o malinconica? «Entrambe. Mi piace perché è piena di luci e colori ma al contempo mi mette tanta malinconia. Fortunatamente, da quando c’è mio figlio questa festa ha un sapore diverso perché appartiene
Uomini e Donne Magazine2 min letti
«dopo Tanta Sofferenza, Il Primo Natale Sereno»
Federico, che rapporto ha con il Natale? «Con il Natale ho un rapporto particolare. Alti e bassi. Negli ultimi anni però lo sto rivalutando molto: grazie a mia sorella più piccola sta tornando quella magia che per anni non avevo sentito». Ci raccont
Uomini e Donne Magazine3 min letti
«sono Diventato Io Babbo Natale»
Armando, più volte ha affermato di avere un rapporto un po’ particolare con il Natale. «Sì, purtroppo. È una festa che amo, ma che a oggi mi mette tanta malinconia. I ricordi dell'infanzia si ripresentano anno dopo anno durante questo periodo: è una