Fortune Italia

La startup che vuole sconvolgere il vostro desktop

IN UNA MATTINA di settembre a Sydney, Melanie Perkins sbircia attraverso le doppie porte del salone di parrucchiere Sterling nel quartiere di Surry Hills. Ora è pieno di clienti con le loro mantelline nere e le loro cartine di alluminio per i colpi di sole, ma 10 anni fa era lo spazio dove Perkins e l’allora fidanzato (oggi marito) Cliff Obrecht trascorrevano quasi ogni momento di veglia. Ospitava l’ufficio di Sydney di Fusion Books, l’azienda editoriale di annuari scolastici fondata dalla coppia prima di lanciare Canva. Oggi la loro seconda attività è valutata 26 mld di dollari, più di qualsiasi startup fondata e guidata da donne; una somma che ha fatto crescere il patrimonio netto combinato della coppia a circa 7,8 mld di dollari. Perkins, 35 anni, indica il retro del salone. “Vedi dove c’è il mezzo manichino con un boa di struzzo, in cima a un armadietto? È lì che c’erano i computer”, dice. Quando entrarono nel locale, “era pieno di roba”, ricorda Perkins. “Abbiamo dovuto fare una grande pulizia per dare forma all’ufficio”.

Le umili origini di Fusion nascondono le grandi ambizioni che Perkins aveva già all’epoca. La sua visione è sempre stata quella di “costruire l’azienda di maggior valore al mondo”. Il fatto che Canva abbia iniziato dagli uffici fatiscenti del suo predecessore Fusion parla di quanto diligentemente Perkins abbia perseguito questo obiettivo negli ultimi 10 anni. Senza background tecnici o risorse da Silicon Valley, la coppia ha prima affrontato un mercato alla loro portata – la pubblicazione di annuari delle scuole superiori australiane. Poi ha affrontato l’industria del graphic design. “Siamo stati in grado di costruire ogni mattone coscienziosamente”, afferma Perkins. Questo approccio ha permesso di evitare errori comuni tra i fondatori di startup: espansione eccessiva, prodotti difettosi, bilanci in rosso.

Dieci anni dopo, Canva è una forza dominante nello spazio della progettazione grafica, con 3.200 dipendenti, 90 milioni di utenti e uno strumento basato sul Web facile da usare che consente agli utenti di progettare grafica per social media, creare presentazioni per la scuola o l’ufficio e modificare video. Presto li aiuterà a fare molto di più. È diventato uno strumento essenziale per i designer dilettanti e, sempre più, per i professionisti. Canva ha ottenuto il sostegno di Sequoia Capital, Bessemer Venture Partners e Founders Fund. A differenza di molti altri beniamini del venture capital, Canva registra profitti dal solo flusso di cassa ogni anno dal 2017, arrivando a quello che ora è un miliardo di dollari di entrate. A portata di mano, ha 700 mln di dollari in contanti. A settembre, mentre altre startup licenziavano lavoratori e ridimensionavano i piani di espansione, Canva ha tenuto un evento per annunciare il

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Fortune Italia

Fortune Italia2 min letti
Concorrenza, Una Promessa Sempre Reale
INFATTI, NONOSTANTE le ben note vicissitudini che nell’agosto scorso hanno portato ad approvare, in via definitiva, la legge annuale per il mercato e la concorrenza 2021, poi pubblicata nella Gazzetta ufficiale del 12 agosto 2022, ancora una volta no
Fortune Italia4 min letti
Politica Industriale, Qualche Idea Per Il Governo
IL NOSTRO PAESE è entrato nella crisi Covid-19 privo di una vera e propria strategia industriale. In tale contesto si sono innestati gli effetti dirompenti della pandemia e, in un secondo momento, della guerra. Di fronte ad uno scenario così compless
Fortune Italia6 min letti
Lobbying All'italiana
in tutte le democrazie occidentali, rappresentando paradossalmente uno strumento indispensabile per il corretto funzionamento dell'attività parlamentare, il lobbying soffre - specialmente nel nostro Paese - di un ostinato ostracismo ed è, ancora oggi