Quattroruote

IL MISTERO DEI CINESI SCOMPARSI

Gavassa è una piccola frazione alle porte di Reggio Emilia. Qui, in un'area di 320 mila metri quadrati stretta tra l'Autostrade del Sole e la periferia orientale del centro abitato, in parte abbandonata e infestata dalle erbacce, dovrebbe concretizzarsi il sogno della città emiliana di entrare nel novero dei grandi poli produttivi della Motor Valley. Il condizionale è quanto mai d'obbligo perché il progetto presentato da una joint venture sino-americana non è mai partito e l'intera vicenda ha assunto i contorni di un giallo. Abbiamo cercato di capirne di più, bussando alle porte della Procura (anch'essa scesa in campo), dei sindacati, del Comune e dell'azienda, ricevendo risposte parziali o, talvolta, evasive. Ma ciò non ci ha impedito di mettere in fila i fatti e ricostruire una storia in cui gli interrogativi sono tanti quante le verità scoperte. Partiamo, però, dall'inizio.

GRANDI ASPETTATIVE

Ventisette aprile 2020: la Silk EV, azienda modenese dello statunitense Jonathan Krane, si allea con il costruttore cinese Faw per produrre auto di alta gamma. I successivi annunci scatenano l'entusiasmo delle istituzioni. Anche perché nella Motor Valley

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Interessi correlati

Altro da Quattroruote

Quattroruote1 min letti
L'idrogeno Senza Celle
La Toyota ha sempre creduto nelle fuel cell, come attesta la Mirai. Ora esplora l'utilizzo dell'idrogeno come carburante nel motore termico: un tre cilindri 1.6, nel caso della Corolla Cross Hydrogen concept. Le prime prove, con la GR Yaris H2, sono
Quattroruote4 min letti
Trenta All'ora E Pedalare
Le città italiane vogliono che si vada a 30 km/h. Dappertutto, non soltanto nella viabilità secondaria e di quartiere: quella in cui ha senso imporre un tale limite, anche se spesso diventa inutile, perché è la conformazione stessa della strada a det
Quattroruote3 min letti
Storia Dell'auto In Cinque Sensi
@Carl0Cavicchi Metti una sera a cena immerso in un'atmosfera fantastica e quasi irreale per la consegna dei premi Best in Classic, appuntamento annuale organizzato da Ruoteclassiche. Bella gente, si sarebbe detto un tempo, appassionati veri, innamora