Fortune Italia

The Conversation MORENA SANGIOVANNI

“Ci stiamo attivando per scongiurare il rischio di interruzioni o rallentamenti della produzione, ricorrendo a fonti energetiche alternative”

TRA GUERRA E CRISI DELL’ENERGIA

Dopo la pandemia l’Italia (e l’Europa) si trova a fare i conti con la guerra in Ucraina e la crisi delle materie prime. Come sta impattando sull’industria del farmaco e sulla sua azienda?

Dopo anni di Covid-19, l’ultima cosa di cui c’era bisogno era un conflitto prolungato con i rischi di una escalation, in primo luogo per le comunità che ne sono colpite. Boehringer Ingelheim, come del resto tutto il comparto, si è attivata immediatamente per far fronte all’emergenza, offrendo supporto concreto e continuativo alla popolazione ucraina. Allo stesso tempo, però, si è resa necessaria un’analisi approfondita sulle possibili ripercussioni della guerra sulla continuità della produzione.

Per l’industria del nostro settore, infatti, il problema non è tanto assicurare la fornitura di farmaci ai Paesi coinvolti, perché i medicinali, essendo ritenuti

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Interessi correlati

Altro da Fortune Italia

Fortune Italia4 min lettiLeadership
La prima MPW
“CARLY FIORINA non ha solo rotto il soffitto di cristallo, l’ha annientato”. Così iniziava un approfondimento che Fortune, nel 2007, dedicava alla supermanager americana, diventata nel 1999 la prima donna alla guida di una delle 50 maggiori aziende U
Fortune Italia3 min lettiCorporate Finance
Piccole Imprese, Grandi Obiettivi
Quando Fortune ha lanciato la lista Change the World nel 2015, ha seguito due principi fondamentali. Il primo: gli strumenti creativi del capitalismo – il tentativo incessante di migliorarsi, alimentato dalla ricerca del profitto – rendono il busines
Fortune Italia7 min letti
Battere Il Mercato Grazie Ai Dividendi
DEI TRE MEZZI a disposizione degli azionisti per passare all’incasso – plusvalenze, buyback e dividendi – i dividendi sono il mezzo più affidabile sul lungo periodo. In un recente studio, Hartford Funds ha rivelato che dal 1973 al 2021 le società che